La Maremma settentrionale. 1738-1970. Storia di un territorio
Autori e curatori
Collana
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 378,      3a edizione, nuova edizione  2019   (Codice editore 1578.21)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 45.00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891782441

In breve
Sulla scorta del caso concreto della Maremma settentrionale, questo saggio intende proporre un metodo per lo studio dell’evoluzione territoriale in un ambiente determinato, cogliendo il punto d’incontro fra storia politico-sociale, geografia umana e scienze del territorio. All’interno dell’unitaria realtà storica vengono presi in considerazione, per ciascun periodo, alcuni “momenti” decisivi: lo sviluppo delle forze produttive; l’azione politica; lo sviluppo demografico e degli insediamenti; le modifiche dell’assetto territoriale; lo strutturarsi della società civile.
Presentazione del volume

Nelle aree di antico insediamento, e particolarmente nei paesi mediterranei abitati da decine di secoli, il paesaggio conserva ben poco di naturale. Quello che oggi vediamo è il prodotto di lunghe vicende storiche. L'organizzazione umana del territorio, scandita nelle linee fondamentali da grandi infrastrutture, dal modello di distribuzione degli insediamenti, dal sistema dei coltivi e degli incolti e da elementi meno materializzabili, ma altrettanto vincolanti quali sono i confini politico-amministrativi, è oggi in evoluzione sempre più veloce, in un movimento che è iniziato intorno alla metà del 1700 e che ha trasformato in modo del tutto particolare le aree costiere e di pianura, una volta malariche e deserte.
Questo saggio intende proporre, sulla scorta del caso concreto della Maremma settentrionale, un metodo per lo studio dell'evoluzione territoriale in un ambiente determinato, cogliendo il punto d'incontro fra storia politico-sociale, geografia umana, scienze del territorio. All'interno dell'unitaria realtà storica vengono presi in considerazione, per ciascun periodo, alcuni "momenti" decisivi: lo sviluppo delle forze produttive; l'azione politica della quale anche le cosiddette infrastrutture sono strumento e manifestazione; lo sviluppo demografico e degli insediamenti; le modifiche dell'assetto territoriale; lo strutturarsi della società civile.

Lando Bortolotti (Bologna, 1926) ha diretto l'Ufficio urbanistica del Comune di Livorno (1958-1970) e ha lavorato come esperto di urbanistica presso la Regione Toscana. Dal '77 al '91 ha insegnato Storia della città e del territorio all'Istituto universitario di architettura di Venezia (Iuav) e successivamente Pianificazione e organizzazione territoriale alla Facoltà di sociologia di Trento. Tra le sue pubblicazioni: Le città nella storia d'Italia. Siena (Laterza, 1983); Roma fuori le mura (Laterza, 1988) e con G. De Luca, Fascismo e autostrade (FrancoAngeli, 1994) e Come nasce un'area metropolitana. Firenze Prato Pistoia: 1848-2000 (Alinea, 2000); Storia, città e territorio, 3a ed., (FrancoAngeli, 2002); Memorie 1926-2012 (ilmiolibro, 2012).

Indice
Premesse generali
(Breve introduzione; Ambito territoriale; Limiti cronologici dello studio; La periodizzazione; La base naturale)
La reggenza e il primo periodo Lorenese
(La situazione nella Maremma settentrionale fra la fine della casa dei Medici (1737) e la fine della Reggenza (1765); La svolta della Reggenza, la politica leopoldina; Le trasformazioni economiche; La popolazione e gli insediamenti; Le modifiche nel paesaggio umanizzato, cambiamenti d'uso del suolo)
Il periodo francese (1799-1815)
(L'evoluzione economico-sociale; Lo sviluppo demografico ed edilizio; Le scelte politiche; Modifiche dell'assetto territoriale e dell'uso del suolo)
Il secondo periodo lorenese (1815-1859)
(L'evoluzione economico-sociale; La politica di Leopoldo II° e la Maremma settentrionale; Crescita demografica e sviluppo degli insediamenti; I cambiamenti nella struttura del territorio)
Dall'unità alla prima guerra mondiale
(Le vicende economico-sociali; Lo sviluppo demografico e insediativo; Lo sviluppo della società civile; La politica. Livelli nazionale e locale; Si consolida il nuovo assetto territoriale)
Dalla 1 a alla 2 a guerra mondiale
(Le modifiche della situazione economico-sociale; La popolazione e gli insediamenti; La politica del governo e dei suoi riflessi locali; Stabilità dell'assetto territoriale nel periodo fra le due guerre)
Dalla 2 a guerra mondiale al 1970
(Modifiche nella struttura economico-sociale; Cenni sull'evoluzione politico-sociale; Evoluzione demografica e insediamenti; L'assetto attuale)
Conclusioni generali sull'assetto territoriale
Tabelle
Indice dei nomi di persona
Indice dei luoghi
Indice delle illustrazioni.