Comunità che innovano. Prospettive ed esperienze per territori inclusivi
Autori e curatori
Contributi
Carlo Andorlini, Valentina Caimi, Cristian Campagnaro, Domenico Maria Caprioli, R. Todd Ferry, Arjo Klamer, Chiara Lodi Rizzini, Franca Maino, Francesco Mannino, Anna Mignosa, Sergio Palleroni, Giulio Pasi, Lyudmila Petrova, Valentina Porcellana, Anna Zumbo
Livello
Testi per insegnanti, operatori sociali e sanitari
Dati
pp. 256,      1a edizione  2019   (Codice editore 1175.1.4)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 32.00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 22.00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 22.00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Il volume affronta il tema della partecipazione delle comunità locali allo sviluppo di programmi di intervento per ridurre l’impoverimento nei territori. I diversi saggi concentrano l’attenzione su strategie, metodologie, pratiche che ricercano l’efficacia attraverso la combinazione di persone e organizzazioni diverse. Un’innovazione sociale in cui la costruzione del benessere degli abitanti di un luogo diventa azione collettiva.
Presentazione del volume

Accanto a forme di intolleranza e di sfiducia nell'altro e nelle istituzioni, a comunità chiuse ed espulsive, si fanno spazio iniziative resilienti con una carica di energia e di progettualità genuinamente orientata al miglioramento delle opportunità per tutti i membri della comunità. Nascono da quel senso civile che ha nutrito la crescita delle istituzioni politiche e sociali italiane ed europee permettendo che un modello unico di welfare nascesse proprio in questa area del mondo. Sono forme di welfare complementare a quello che garantisce protezione sociale pubblica e universalistica.
Il volume affronta il tema della partecipazione delle comunità locali allo sviluppo di programmi di intervento per ridurre l'impoverimento nei territori. I diversi saggi concentrano l'attenzione su strategie, metodologie, pratiche che ricercano l'efficacia attraverso la combinazione di persone e organizzazioni diverse (membri della Pubblica Amministrazione, cittadini, creativi, professionisti, associazioni, imprese). Il libro è frutto di esperienze di ricerca-azione, di conversazioni tra discipline, geografie e ruoli. L'innovazione sociale, mettendo in relazione attori e ambiti altrimenti non collegati, pone l'accento sul contributo all'evoluzione dei propri ambienti di vita da persone diverse che abitano una comunità e diventa il veicolo per la creazione di nuovi assetti organizzativi su base territoriale.
Un'innovazione sociale in cui la costruzione del benessere degli abitanti di un luogo diventa azione collettiva.

Tiziana Ciampolini è esperta di processi di innovazione per la riduzione della povertà. Rappresenta Caritas Italiana nella Task Force Social Innovation e Social Economy di Caritas Europa, ha esperienza di implementazione di sistemi innovativi di lotta alla povertà in Italia e all'estero. Ha diretto per anni l'Osservatorio delle Povertà e delle Risorse di Torino, dirige Snodi, Agenzia di Sviluppo per l'innovazione contro la povertà. Autrice di numerosi articoli scientifici sul tema del rinnovamento del welfare, ha contribuito a diversi volumi tra cui: Arte pubblica, architettura e paesaggio culturale (il Mulino, 2013); Attraversare la cura (Erickson, 2009); Piccolo Lessico per l'ascolto, rimettere al centro l'ascolto per generare cambiamento (EGA, 2009).

Indice
Francesco Marsico, Prefazione
Tiziana Ciampolini, L'importanza di sostenere le innovazioni delle comunità
(Una nuova società civile impegnata contro le diseguaglianze di opportunità; Dentro le crisi, l'innovazione sociale come opportunità; Un'innovazione sociale davvero capace di includere; Verso un'innovazione che nasce dalla società civile; L'articolazione del volume; Ringraziamenti; Bibliografia di riferimento)
Parte I. Prospettive per disegnare nuovi interventi inclusivi
Valentina Caimi, La società civile organizzata e le politiche antipovertà nell'Unione europea
(L'emergere di un nuovo disegno di intervento; Gli assi della trasformazione dei programmi; Il Pilastro europeo dei diritti sociali: un nuovo impulso alla politica sociale europea; Un primo bilancio; Bibliografia di riferimento)
Franca Maino, Chiara Lodi Rizzini, Dal primo al secondo welfare: l'innovazione sociale incontra le comunità locali
(La crisi del "primo welfare"; Il secondo welfare: protagonismo della comunità tra innovazione sociale e nuovi modelli di governance; Secondo welfare e contrasto alla povertà tra innovazione e reti multi-attore; Riflessioni conclusive; Bibliografia di riferimento)
Giulio Pasi, Innovazione e impatto sociale nella lotta alla povertà: processi di cambiamento e nuove strategie istituzionali
(Una breve introduzione; Dove e perché nasce il tema della valutazione dell'impatto sociale; L'effetto acceleratore per la valutazione dell'impatto sociale; La valutazione dell'impatto sociale nei servizi di welfare; Conclusioni itineranti; Bibliografia di riferimento)
Parte II. Esperienze e metodologie per supportare comunità inclusive
Tiziana Ciampolini, Investire nei processi collettivi. Un'esperienza di Caritas Italiana
(Introduzione; Storia di un percorso di innovazione; Il caso Torino: un esempio di interpretazione locale del programma Azioni di Sistema; Prospettive di intervento; Bibliografia di riferimento)
Arjo Klamer, Lyudmila Petrova, L'applicazione del Value Based Approach alla povertà: valutazione della crescita comunitaria
(Fare la cosa giusta; Il Value Based Approach: una nuova metodologia per la valutazione dell'innovazione sociale; Fasi del Value Based Approach; Un'applicazione del Value Based Approach: valutazione dell'impatto sociale e culturale; Conclusioni; Bibliografia di riferimento)
Anna Zumbo, L'educazione critica dialogica problematizzante: una leva per il cambiamento delle comunità locali
(Da Paulo Freire al welfare generativo; Pronunciare la parola autentica significa trasformare il mondo; Uno stile che educhi alla libertà, alla coscienza e alla responsabilità; Liberazione e responsabilizzazione; Coscientizzazione e dialogo come vettore di relazioni rinnovate; Il contenuto programmatico dell'intervento educativo e sociale; Conclusioni; Bibliografia di riferimento)
Domenico Maria Caprioli, Comunità e tecnologie per uno sviluppo diffuso
(Oggetto; Il problema; Gli scenari di applicazione; La metodologia; Lo sviluppo e la densificazione del territorio; Bibliografia di riferimento)
R. Todd Ferry, Sergio Palleroni, Il design per l'impatto sociale: lezioni emergenti, pedagogie e opportunità nel design di interesse pubblico
(Introduzione; Scambi bilaterali a Mumbai; Il design come metodo di costruzione di capacità culturale; Il design come sistema di impatto; Il pensiero e l'azione di design; Conclusioni; Bibliografia di riferimento)
Valentina Porcellana, Cristian Campagnaro, Antropologia trasformativa e design di sistema alla prova delle povertà urbane più estreme
(Osservando la complessità; Attraversare la complessità; Elementi di metodo; Elementi di prospettiva; Bibliografia di riferimento)
Francesco Mannino, Anna Mignosa, Valorizzare patrimoni culturali per generare capitale umano: comunità al lavoro nel Sud d'Italia
(Introduzione; Nuovi modelli di gestione del patrimonio culturale; L'esperienza di Officine Culturali; Conclusioni; Bibliografia di riferimento)
Carlo Andorlini, Abilitare i confini come metodo per generare Territori civili
(Premessa; Le capacitazioni che hanno come oggetto la presa di coscienza del luogo; L'acquisizione di competenze per sconfinare; L'abilitazione alla densità relazionale; I Distretti dell'Economia civile. Una pratica che disegna Territori civili; Bibliografia di riferimento)
Le autrici e gli autori.