Una lotta femminista globale. L'esperienza dei gruppi per il Salario al Lavoro Domestico di Ferrara e Modena
Contributi
Beatrice Busi
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 210,      1a edizione  2019   (Codice editore 1057.11)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 27.00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891787088
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 19.00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891795311
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Il libro intende restituire voce all’esperienza politica di Lotta Femminista e del Salario al Lavoro Domestico, una rete diffusasi nell’Italia degli anni Settanta, collegata al Comitato Triveneto e alla International Wages for Housework Campaign. Un testo sulla memoria e sulle emozioni che trasformarono le vite, individuando un nuovo spazio di riflessione e azione collettiva, centrato su corpi, lavori, relazioni, responsabilità, autonomia e denaro. Ma anche un testo che guarda al presente, al movimento di Non Una di Meno e alla mobilitazione per lo sciopero globale.
Utili Link
il manifesto Gli anni Settanta nella tensione trasformativa e vivente di sé (di Cristina Morini)… Vedi...
Presentazione del volume

A partire dai gruppi di Modena e Ferrara, che costituiscono l'esperienza diretta delle due autrici, questo libro si propone di restituire voce all'esperienza politica di Lotta Femminista e del Salario al Lavoro Domestico, una rete che si è diffusa nell'Italia degli anni Settanta collegandosi al Comitato Triveneto e alla International Wages for Housework Campaign.
È dunque un lavoro sulla memoria e sulle emozioni che trasformarono le vite individuando un nuovo spazio di riflessione e azione collettiva centrato su corpi, lavori, relazioni, responsabilità, autonomia e, non ultimo, il denaro.
L'originalità di questa esperienza politica sta nell'aver indicato il lavoro domestico non pagato come il determinante strutturale delle diseguaglianze di genere e della violenza domestica: per resistere alla "naturale" femminilità di servizio e all'endemica povertà delle donne era necessario negoziare con lo Stato una diversa distribuzione delle risorse, in antagonismo al sistema capitalista e al suo controllo su lavori e vite, di donne e uomini.
Il recupero di questa radicalità fondata sui conflitti di sesso, classe e razza è rivolto al presente: al movimento di Non Una di Meno e alla mobilitazione per lo sciopero globale.

Indice
Introduzione
Il personale è politico
(Dall'autonomia delle madri a quella del movimento femminista, di Antonella Picchio; Quando nel 1972, di Giuliana Pincelli)
Da Lotta Femminista alla Campagna internazionale per il Salario al Lavoro Domestico
(I gruppi di Ferrara e Modena, di Giuliana Pincelli; La storia di una dimenticanza)
Documenti, a cura di Beatrice Busi, Antonella Picchio e Giuliana Pincelli
(Come nascono i gruppi; La prospettiva politica; L'autonomia femminista; La lotta per l'aborto libero assistito e gratuito; Scuole: insegnanti e studenti; La lotta alla Clinica Ostetrica dell'Ospedale S. Anna di Ferrara; Lavoro domestico e servizi sociali in Emilia; La rete internazionale (con documenti di Selma James, Susie Fleming e Silvia Federici))
Epilogo. Giuliana intervista Antonella.