Infanzie

Percorsi storico-educativi fra immaginario e realtà

Autori e curatori
Contributi
Carmela Covato
Livello
Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 150,      1a edizione  2019   (Codice editore 249.2.22)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Infanzie. Percorsi storico-educativi fra immaginario e realtà
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 19,00
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891789976

In breve

Basato su una pluralità di fonti come biografie e autobiografie, testimonianze letterarie, filmiche e appartenenti alla tradizione folklorica, il volume tenta di far emergere la complessità delle realtà infantili, segnate da numerose differenze sociali e di genere presenti nella quotidianità della vita educativa, familiare e scolastica, prese in esame in un periodo storico compreso fra Otto e Novecento, nella consapevolezza che comprendere a fondo il rapporto fra passato e presente è una premessa indispensabile per chi opera nel mondo della scuola e della formazione.

Presentazione del volume

La storia dell'infanzia appare, oggi, sempre più rivolta a ricostruire i vissuti reali delle bambine e dei bambini anziché limitarsi all'analisi delle rappresentazioni pedagogiche e immaginarie delle loro identità. In questo complesso percorso conoscitivo, gli studiosi hanno fatto i conti con l'esiguità di testimonianze dirette che restituiscano davvero la realtà delle storie di vita. Per attingere a tale concretezza, il volume si basa su una pluralità di fonti come biografie e autobiografie, testimonianze letterarie, filmiche e appartenenti alla tradizione folklorica. Dell'infanzia emerge, così, la complessità delle realtà esistenziali, segnate da numerose differenze sociali e di genere presenti nella quotidianità della vita educativa, familiare e scolastica, prese in esame in un periodo storico compreso fra Otto e Novecento. Affiora soprattutto il contrasto fra l'evoluzione scientifica del sapere sull'infanzia e il permanere della precarietà dei vissuti affettivi nelle trame delle relazioni familiari, così come la presenza di forme di disconoscimento e di atteggiamenti, a volte violenti o repressivi, che contrastano con la diffusa retorica sul valore dell'infanzia.
In questa prospettiva, comprendere a fondo il rapporto fra passato e presente è una premessa indispensabile, dal punto di vista della consapevolezza critica, per chi opera nel mondo della scuola e della formazione.

Francesca Borruso è professoressa associata e insegna Storia della pedagogia e Storia della scuola e delle istituzioni educative nell'Università degli Studi Roma Tre. Dal 2015 è membro del Consiglio scientifico del Museo della Scuola e dell'educazione 'Mauro Laeng' (MuSEd) dello stesso Ateneo e dal 2017 fa parte del Laboratorio di Ricerca Interdipartimentale (VioleLab) che si occupa di analisi, studio e prevenzione della violenza all'infanzia istituito presso l'Università Milano Bicocca. Studiosa di storia dell'educazione delle donne, di storia della famiglia e di storia della scuola in età contemporanea, è autrice e curatrice di numerosi saggi e volumi. Fra le sue pubblicazioni più recenti si segnalano: Donne immaginarie e destini educativi. Intrecci pedagogici nel teatro di Ibsen, Cëchov e Strindberg (Milano 2008); L'educazione sentimentale: vita e norme nelle pedagogie narrate (a cura di, con L. Cantatore e C. Covato, Milano 2014). Ha curato, inoltre, l'edizione del volume di John Dewey, Scuola e società (Roma 2018).

Indice

Carmela Covato, Prefazione
Introduzione
Vita e affetti familiari nelle metamorfosi della famiglia borghese. Un'indagine di caso: l'infanzia di Gustave Flaubert
(Metamorfosi della famiglia borghese fra Sette e Ottocento; Le "preoccupazioni" di famiglia)
Letture bambine. Modelli educativi, sguardo materno e differenze di genere nella letteratura amena del secondo Ottocento
(Breve premessa sulla storia della lettura; "Imparare a leggere". Sulle tracce di una relazione educativa; Letture educative edificanti per le fanciulle del secondo Ottocento)
Tracce d'infanzia nei miti, nel folklore e nella tradizione popolare siciliana. I canti della culla
(Gli studi folklorici e il contributo alla storia dell'infanzia; I canti della culla; Saperi femminili e cura dell'infanzia; Le attese genitoriali e la prefigurazione di destini)
Infanzia e violenza fra storie di vita e narrazioni letterarie
(Uno sguardo all'attualità; Su alcune interpretazioni storiografiche della violenza all'infanzia; Sulle tracce di bambini e bambine del passato; La famiglia borghese: storie di vita infantile fra oppressione ed emancipazione)
Ritratti d'infanzia nell'immaginario cinematografico
(Il cinema come fonte della storia dell'infanzia; Infanzia e società; Infanzia e famiglia; Interpretare la relazione di cura)
Bibliografia.





newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi