La città latente. Il progetto ambientale in aree di bordo
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 128,   figg. 43,     1a edizione  2001   (Codice editore 1126.12)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 21,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846431417

Presentazione del volume


La città latente
affiora nelle "situazioni di bordo" dell'urbano, che si prestano, per la loro costitutiva ambiguità, a molte interpretazioni, a differenti punti di osservazione, in quanto espressione di varie forme di marginalità e di transizione.
Sono territori non ancora decifrati, difficilmente interpretabili perché estranei a linguaggi e categorie interpretative convenzionali dell'analisi urbana e territoriale.
Tra il naturale e l'artificiale, tra i processi ambientali e i processi urbani, vi sono spazi - del divenire, dei flussi, delle dinamiche ecologiche, della contaminazione biologica e culturale - di cui il progetto può sperimentare il senso e il ruolo rispetto agli scenari urbani contemporanei.
Il bordo è disponibile ai comportamenti spontanei degli abitanti che si trovano a interagire in ambienti strutturati in maniera rigida: è uno spazio in cui alla tendenza di oggettivazione dello spazio si contrappone l'affermazione di una soggettività urbana e territoriale, come emerge nei margini dello spazio e del tempo della città che si offrono a una ricolonizzazione.
Attraverso i contributi presentati in questo volume, il tema del bordo viene esplorato rispetto a tre differenti contesti: il bordo tra dimensione ambientale e dimensione urbana, tra spazio pubblico e spazio privato, tra micro e macro-urbanità. Il denominatore comune, più o meno esplicito, è rappresentato da un'indagine del territorio come "condizione umana", da un approccio comunicativo al progetto in ambienti plurali e complessi, che si rivelano come "ecologie di bordo", dense di un'urbanità nascosta, sotterranea, latente.

Giovanni Maciocco è professore ordinario di Pianificazione territoriale presso la Facoltà di Ingegneria dell'Università di Cagliari. Tra le sue opere recenti: La città in ombra , Angeli, 1996; La città possibile (con Silvano Tagliagambe), Dedalo, 1997; Dimensione ecologica e sviluppo locale: problemi di valutazione (con Giampaolo Marchi), Angeli, 2000.

Paola Pittaluga insegna Pianificazione territoriale nel Corso di Laurea in Scienze Ambientali dell'Università di Sassari. Tra i lavori più recenti: "Waste Lands, Waste Bodies and the Speed of Liberation", Plurimondi , n. 3, 2000; Progettare con il territorio. Immagini spaziali delle società locali e pianificazione comunicativa , Angeli, 2001.

Indice



Giovanni Maciocco , Prefazione
Paola Pittaluga , Introduzione
Tanja Congiu, Silvia Serreli, Funzioni ambientali e funzioni urbane: prospettive di integrazione
Vania Erby , La rigenerazione degli approcci object-oriented e e process-oriented nella pianificazione di aree di transizione
Francesco Spanedda , Possibilità latenti: una ricognizione su alcuni progetti contemporanei
Enrico Cicalò , Frammenti di ubanità. Il progetto ambientale in un'area di bordo
Amalia Crobu , Place identity e place attachment nelle aree di transizione tra spazio pubblico e privato. Scenari per l'area urbana di San Giovanni a Bosa
Luca Caschili, Roberto Cossu, Processi di pianificazione interattiva on-line e off-line in un'area urbana di margine
Ilene Steingut , La valutazione del processo comunicativo nella pianificazione. Alcune riflessioni