La nuova scena urbana. Cittàstrattismo e urban-art
Autori e curatori
Contributi
Carlo Bertelli
Livello
Saggi, scenari, interventi. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 144,   figg. 16,  1a ristampa 2011,    1a edizione  2005   (Codice editore 85.42)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 21,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846467577

Presentazione del volume

La città contemporanea è oggi investita da profonde e complesse modifiche territoriali, laddove lo sforzo preminente è quello di configurare una riqualificazione ambientale e sociale delle periferie. L’identità di questi luoghi viene posta quindi al centro della ricerca progettuale ed artistica, come reazione e risposta alla condizione di precarietà e frammentazione del paesaggio urbano.

Le trasformazioni in atto, a Milano come a Barcellona, Berlino Londra ecc., stanno ridefinendo non solo la struttura fisica delle città ma anche quella sociale ed esperienziale. La reinterpretazione delle aree dismesse e delle strutture di archeologia industriale prefigura nuovi scenari urbani e relazioni possibili, in cui iscrivere segni e sogni della post-modernità.

Il movimento artistico del “Cittàstrattismo” viene teorizzato dall’autrice nel tentativo di dare unitarietà e riconoscibilità all’opera di un gruppo di artisti che fanno della visione del possibile urbano la loro cifra stilistica.

Jacqueline Ceresoli è storico e critico d’arte specializzata in archeologia industriale. Vive e lavora a Milano, dove insegna “Città metalinguaggio” al Corso di Comunicazione Visiva e Multimediale dell’Accademia di Brera, “Storia del costume e della moda del XX secolo” presso lo Ied Moda Lab e “Storia del design” all’Istituto Marangoni. Ha curato diverse mostre sia in spazi pubblici che privati e collabora con numerose testate specializzate fra cui Arca, Terzocchio, Stile e Tutto da capo .

Indice


Carlo Bertelli, Prefazione
Introduzione
La nuova cultura architettonica
(Ex fabbriche e luoghi abbandonati riconvertiti in piattaforme creative e d’intrattenimento; Le nuove sedi esplosive: architetture industriali e loft periferici; La periferia, cuore del contemporaneo)
La città-spettacolo
(Riflessioni sull’iconografia della città nel cinema e nell’arte, scenari di trasformazione della metropoli; La città-merce e lo spazio marketing dell’intrattenimento; Lo spettacolo della memoria)
Città-Arte
(Le città emergenti; La città tra arte e simulazione; Le città come topos dell’immaginario: cittàstrattismo e urban-art)
Alcune osservazioni finali




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi