Curare e prendersi cura. Temi di bioetica e di biodiritto
Autori e curatori
Livello
Testi per insegnanti, operatori sociali e sanitari
Dati
pp. 304,      1a edizione  2009   (Codice editore 1370.1.23)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 25,50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856805048

In breve
Il libro, attraverso contributi di tipo interdisciplinare, riflette sui bisogni di cura degli individui nelle varie fasi della vita e sull’adeguatezza delle risposte che i curanti possono e devono offrire. Il testo si propone come un viaggio finalizzato all’ascolto reciproco dei curanti e dei curati, alla scoperta di possibili connessioni tra bisogni di cura e adeguati interventi terapeutici.
Utili Link
Famiglia Oggi Recensione (di Pier Davide Guenzi)… Vedi...
Presentazione del volume

Nascita, malattia, sofferenza, morte: parti significative della nostra esistenza, comuni a tutto il genere umano, eppure così diverse per ognuno di noi; momenti "misurabili" non solo con i dati oggettivi provenienti da evidenze scientifiche, "valutabili" non solo attraverso sofisticate tecnologie il cui sguardo penetra nelle cellule, nei geni, in parti del nostro corpo sconosciute perfino a noi stessi, lasciandoci spesso la sensazione di "non essere stati adeguatamente guardati e compresi".
Questo libro, nato da un progetto elaborato nell'ambito delle attività del Centro interdipartimentale di studi di Bioetica e Biodiritto dell'Università degli Studi di Siena, si sofferma a riflettere, attraverso contributi di tipo interdisciplinare, sui bisogni di cura degli individui nelle varie fasi della vita e sull'adeguatezza delle risposte che i curanti possono e devono offrire. Il prendersi cura si delinea così come un obiettivo diverso dal lottare contro la malattia e la morte, come se queste fossero realtà "curabili in vitro" estratte dall'esistenza personale degli individui con il bisturi della scienza e della tecnologia.
Tra gli autori del testo non vi sono solo esponenti del mondo scientifico, bioetico e biogiuridico, ma anche "autentici portatori di bisogni di cura" che hanno voluto dialogare con i curanti attraverso la narrazione del loro vissuto e la condivisione delle loro riflessioni.
Il testo si propone come un viaggio finalizzato all'ascolto reciproco dei curanti e dei curati, alla scoperta di possibili connessioni tra bisogni di cura e adeguati interventi terapeutici. L'invito al viaggio è rivolto ai professionisti sanitari, agli studenti dei corsi delle lauree sanitarie, umanistiche e giuridiche, e più in generale a quanti sono interessati al complesso mondo della cura, bisognoso di essere arricchito di una dimensione umana che non può essere lasciata alla sensibilità personale dei singoli, ma affidata alla responsabilità professionale dei curanti, supportati da un'adeguata formazione.

Patrizia Funghi, filosofa e dottore di ricerca in Deontologia e Etica medica, è docente di Etica presso il Corso di laurea in Infermieristica dell'Università degli Studi di Siena e svolge attività di ricerca, di formazione e di consulenza presso il Centro interdipartimentale di Bioetica e di Biodiritto della medesima Università. Tra le sue pubblicazioni: Bioetica e Cattolicesimo. Qual è la liceità dell'intervento scientifico sulla vita umana?, Firenze Atheneum (1993); con R. Senatore, a cura di, Bioetica a scuola_ a scuola di bioetica, FrancoAngeli (2002); con F. Giunta, a cura di, Medicina, bioetica e diritto. I problemi e la loro dimensione normativa, ETS (2005).

Indice


Mario Gabbrielli, Patrizia Funghi, Introduzione
Etica della cura
(Benedetta Rotesi, Curare e prendersi cura; Gaia Marsico, Etica della cura nella prospettiva di una Bioetica al femminile e femminista; Alessandro Bussotti, Gianni Amunni, Etica del diniego: quando il medico dice "no" al paziente; Patrizia Funghi, Pasquale Giuseppe Macrì, Etica del diniego: quando il paziente dice "no" al medico; Laura Bindi, Quello che non avrei mai voluto da voi. Lettera aperta di una paziente ai "curanti"; Dafne Rossi, Accoglienza, Ascolto, Rispetto: i pilastri di un adeguato percorso di cura).
Curare e prendersi cura: temi di bioetica e di biodiritto in ambito di inizio-vita e di minori
(Walter Bernardi, Stefano Miniati, Lo statuto dell'embrione: alcune considerazioni filosofiche e terminologiche preliminari; Gianni Baldini, La procreazione medicalmente assistita fra libertà e limiti; La diagnosi prenatale; Filiberto Maria Severi, Francesca Filosomi, Aldo Altomare, Test diagnostici prenatali inevasivi e non invasivi; Gaia Marsico, Riflessioni etiche sui test diagnostici prenatali; Può essere accolta la richiesta di una donna di partorire mediante cesareo in assenza di motivi terapeutici?; Felice Petraglia, Francesca Filosomi, Il punto di vista dei ginecologi; Patrizia Funghi, Una lettura bioetica; Chiara Bencini, Maternità e bisogni di cura: la depressione post partum; Bruno Magliona, Bioetica di fine-vita all'inizio della vita: dilemmi etici in neonatologia; Enrico Barone, Edi Cecchini, La metodologia narrativa della "Pedagogia dei Genitori": una risorsa per la formazione; Mariassunta Piccinni, Informazione e consenso nel caso del paziente minore)
Curare e prendersi cura: temi di bioetica e di biodiritto in ambito di fine-vita
(Patrizia Funghi, La morte e il morire: tempi di cura; Il diritto di morire: significato e limiti; Massimo Reichlin, Il punto di vista del filosofo; Carlo Colasanto, Fabio Cembrani, Il punto di vista del giurista e del medico legale; Piero Morino, Bioetica della fase terminale della vita: riflessione/narrazione di un medico palliativista; Piero Morino, Guido Miccinesi, La sedazione continua profonda in cure palliative)
Curare e prendersi cura: temi di bioetica e di biodiritto in ambito di multiculturalità
(Patrizia Funghi, Anna Coluccia, Bioetica in una società multietica e multietnica; Roberta Sala, Etica della tolleranza e pluralismo dei valori; Gaia Marsico, La laicità in bioetica; Pasquale Giuseppe Macri, La laicità come momento generatore e fondante della bioetica)
Bibliografia
Autori.