Il dolore che trasforma. Attraversare l'esperienza della perdita e del lutto
Autori e curatori
Livello
Testi per insegnanti, operatori sociali e sanitari. Testi per psicologi clinici, psicoterapeuti. Guide di autoformazione e autoaiuto
Dati
pp. 160,   6a ristampa 2018,    1a edizione  2013   (Codice editore 1930.10)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 21.00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820408633
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 15.00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856866223
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Una riflessione interdisciplinare sul problema del lutto, nutrita da un’intenzionalità pratica. Il volume avanza, infatti, proposte operative per chi, in ambito sociale, educativo o sanitario, ha a che fare con la sofferenza della perdita, offrendo anche esercizi e percorsi di senso da sperimentare in prima persona.
Presentazione del volume

Educare alla perdita è un paradosso. Il dolore del lutto coglie sempre impreparati. È una marea che sommerge tutti gli argini che ci eravamo faticosamente costruiti. In questa trasformazione subita e non voluta, in cui l'ombra del passato sembra allungarsi sul presente e sul futuro, appare empio ogni anelito progettuale. Provocatorio ogni invito a sostare nell'esperienza, a cercare tenacemente un senso in ciò che si sta vivendo.
Eppure, proprio in un'epoca di rimozione del lutto, in cui l'individuo è sempre più solo davanti alle cesure della vita, l'educazione è chiamata ad assumersi sino in fondo il suo compito. Di fronte al diffondersi di un falso ideale di autosufficienza e alla tendenza a rimuovere ogni richiamo al limite e alla nostra intrinseca fragilità, si fa sempre più necessario cercare di allestire spazi di elaborazione e tentare una mediazione culturale tra il soggetto e il suo vissuto.
Il libro propone di attivare una "resistenza educativa" che faccia della memoria e della pratica del racconto di sé gli strumenti elettivi, non solo per lenire le ferite del singolo, ma anche per fondare emotivamente una nuova dimensione etica di convivenza.
La riflessione teorica interdisciplinare di questo testo, nutrita da un'intenzionalità pratica, avanza proposte operative per chi, in ambito sociale, educativo o sanitario, ha a che fare con la sofferenza della perdita, offrendo anche esercizi e percorsi di senso da sperimentare in prima persona.

Mario Mapelli è dottore di ricerca in Scienze della Formazione e della Comunicazione presso l'Università di Milano-Bicocca con cui collabora. È insegnante di scuola secondaria, dove da tempo si occupa dell'integrazione delle persone disabili. Sul tema del dolore e del limite ha pubblicato alcuni articoli in riviste e svolge in diversi contesti attività di formazione a partire da un approccio narrativo.

Indice


Introduzione
Educazione come esercizio di esperienza
(Educazione e vita; Il concetto di esperienza; La perdita dell'esperienza; Le esperienze limite; Concepire spazi di elaborazione; In sintesi; Percorsi di senso)
Negazione della morte e difficoltà del lutto nella società contemporanea
(La morte nascosta; La morte medicalizzata; La morte consumata; La morte destoricizzata; La crisi della morte socializzata; In sintesi; Percorsi di senso)
L'esperienza della perdita
(Lutti e trasformazioni; Fenomenologia del processo di lutto; In sintesi; Percorsi di senso)
Ricordare, raccontare, scrivere
(Il soggetto e la memoria; Il potere della narrazione; Writing through: scrivere la perdita; In sintesi; Percorsi di senso)
Educare al limite
(Vivere la trasformazione; Per un'etica solidale; In sintesi; Percorsi di senso)
Promuovere buone pratiche
(Scrivere il dolore della propria solitudine in gruppo; Raccontare e raccontarsi, ascoltarsi e ascoltare storie
in hospice)
Bibliografia.