Costruire il dato 3. Le scale Likert
Contributi
Ernesto Amisano, Francesca Giovani, Emilia Pampanin, Giuseppe Rinaldi, Michele Sapignoli
Collana
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 208,   figg. 20,  1a ristampa 2004,    1a edizione  2002   (Codice editore 1520.390)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 22.50
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846436573

Presentazione del volume

L'ultimo mezzo secolo ha visto un impetuoso sviluppo delle tecniche di analisi dei dati nelle scienze umane, favorito dalla diffusione del personal computer e di software specializzato. Hanno invece progredito molto lentamente le tecniche per raccogliere i dati da sottoporre a tali analisi. Inoltre, queste tecniche raramente vengono fatte oggetto di ricerca empirica e di riflessione critica. Questo volume sviluppa il discorso critico avviato nei precedenti due volumi della serie Costruire il dato e cerca, limitatamente alla tecnica di raccolta più usata nelle scienze umane, di porre un qualche rimedio a questo stato di cose.

La tecnica per la rilevazione degli atteggiamenti denominata method of summated ratings è stata proposta nel 1932 dallo psicologo Rensis Likert. Data la sua semplicità e rapidità di somministrazione, ha presto messo radici nella comunità dei ricercatori in scienze umane, con il nome di "scala Likert".

I saggi presentati in questo volume rielaborano alcuni studi sul funzionamento delle scale Likert pubblicati nel corso degli anni ottanta e novanta in volumi ormai esauriti. I curatori si sono preoccupati di fondere questi contributi in un discorso organico e consequenziale che riprende, approfondisce e amplia la riflessione critica su questo notissimo strumento. I saggi richiamano l'attenzione dello studioso sui difetti noti e meno noti di questa tecnica e gli propongono suggerimenti preziosi per il lavoro di ricerca e per la didattica. Anche il lettore colto non specialista potrà rendersi conto di quanto siano complessi e potenzialmente fuorvianti i sondaggi di opinione e le altre indagini su atteggiamenti e valori condotte con gli strumenti standard.

Alberto Marradi insegna Metodologia delle scienze sociali presso il corso di laurea in Scienze sociali all'Università di Firenze, dirige una Maestría en la Investigación Social a Buenos Aires e la collana "Metodologia delle Scienze Umane". Ha scritto, tra l'altro, Valori, classi sociali, scelte politiche (con Carlo Tullio-Altan); Concetti e metodo per la ricerca sociale ; L'analisi monovariata ; Linee guida per l'analisi bivariata dei dati delle scienze sociali , e curato varie raccolte di saggi metodologici.

Giancarlo Gasperoni insegna Metodologia e tecnica della ricerca sociale presso il corso di laurea in Scienze della Comunicazione all'Università di Bologna, è direttore di ricerca presso l'Istituto Cattaneo di Bologna e dirige la rivista "Polis". Ha scritto, tra l'altro, Diplomati e istruiti ; Il rendimento scolastico ; Statistica per la ricerca sociale (con P. Corbetta e M. Pisati) e vari saggi di sociologia dell'educazione e di metodologia.

Indice


Giancarlo Gasperoni, Alberto Marradi , Presentazione
Alberto Marradi , Le scale Likert e la reazione all'oggetto
(Le scale Likert nella letteratura metodologica; Critiche relative alla natura delle frasi; Critiche alla maniera di registrare le risposte; Critiche alla presentazione in batteria delle frasi; Critiche ai criteri di attribuzione dei punteggi individuali; Questa ricerca; Descrizione delle scale Likert; Gli intervistati alle prese con le scale Likert; La reazione all'oggetto e altri problemi sollevati dalla struttura delle scale Likert; Problemi sollevati dalla redazione di specifiche frasi)
Michele Sapignoli , Ricerche sulla reazione all'oggetto e altre forme di distorsione
(Le cinque ricerche; La ricerca a Reggio Emilia; La prima ricerca in Emilia-Romagna; La ricerca in Toscana; La seconda ricerca in Emilia-Romagna; Una tipologia delle reazioni all'oggetto e di altre distorsioni affini; Come si individuano le distorsioni: esempi di confronto tra risposte strutturate e commenti liberi; Le reazioni all'oggetto di tipo A, di tipo B, di tipo C, di tipo D; Le reazioni a un oggetto secondario; La falsa doppia negazione; Riadattamenti semantici; Reazioni incongruenti; Incidenza dei vari tipi di distorsione nelle cinque ricerche)
Ernesto Amisano, Giuseppe Rinaldi, Emilia Pampanin , Sono equidistanti le categorie di una scala Likert?
(L'uso di supporti grafici nella rilevazione delle risposte; Le due ricerche in Piemonte; Distribuzioni di frequenza delle risposte nelle due ricerche; Percezione delle distanze tra le categorie da parte degli intervistati piemontesi; La ricerca a Bologna; Percezione delle distanze tra le categorie da parte degli intervistati bolognesi)
Giancarlo Gasperoni, Francesca Giovani , L'inversione della polarità semantica nelle frasi delle scale Likert
(Scale Likert e stili di risposta; La contrapposizione semantica delle frasi nelle scale Likert; Controlli resi possibili dalla contrapposizione semantica; La ricerca condotta a Bologna; Il disegno della ricerca; I risultati della ricerca di Bologna; Analisi dei risultati in base al titolo di studio degli intervistati; Alcune riflessioni sui risultati della ricerca a Bologna; La ricerca in Toscana; Il disegno della ricerca; I risultati della ricerca in Toscana; Alcune riflessioni sui risultati della ricerca in Toscana; Un'analisi secondaria di altre matrici con dati raccolti mediante scale Likert; Alcune riflessioni sui risultati dell'analisi secondaria)