Cognosco ergo valeo. Il capitale della conoscenza, strumento strategico per il progresso di organizzazioni e individui
Autori e curatori
Collana
Livello
Testi advanced per professional
Dati
pp. 208,      1a edizione  2006   (Codice editore 1289.1.4)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 23,50
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846473103

In breve
Il libro percorre velocemente la teoria della gestione della conoscenza, illustra i più conosciuti sistemi di valutazione, per finire con la proposta di uno strumento capace di valutare la conoscenza di un’ organizzazione in maniera semplice, immediata, modulare e pratica.
Presentazione del volume

Il capitale della conoscenza delle organizzazioni: non un bene intangi-bile, ma uno strumento gestibile, valutabile, strategico per il progresso delle strutture e degli individui. Ecco come.
Se la conoscenza è riconosciuta come il più importante capitale delle organizzazioni (come da anni affermato anche da Peter Drucker e Kevin Kelly), oggi in realtà poche organizzazioni la gestiscono e la valutano nella propria struttura. Anche a livello individuale, la cultura personale è considerata un bene acquisito negli anni della formazione scolastica, non valorizzabile con una strategia di qualità ad hoc.
L'autore sostiene che questo paradosso è dovuto allo scarso approfondimento delle implicazioni della recente "rivoluzione digitale", alla sottovalutazione della conoscenza come strumento di generazione di valore, alla necessità di portare fino in fondo l'evoluzione delle strutture organizzative da chiuse ad aperte al proprio pubblico (ex consumatori).
Il libro, da una "cruda" fotografia dello status quo, percorre velocemente la teoria della gestione della conoscenza, illustra i più conosciuti sistemi di valutazione, per finire con la proposta di uno strumento capace di valutare la conoscenza di un'organizzazione in maniera semplice, immediata, modulare e pratica.
Lo stile dell'autore è colloquiale e, mediante l'uso di casi ed esempi tratti dalla vita quotidiana, tenta di spiegare in modo semplice ed immediato come, cosa e perché sia utile, ed a volte necessario, ripensare il proprio metodo di lavoro per raggiungere risultati di efficienza ed aumento di valore realmente significativi.

Mario Soavi è responsabile marketing e comunicazione di Reggiani Spa Illuminazione. Ha iniziato come consulente di pubbliche relazioni, proseguendo nel direct marketing e passando a dirigere la comunicazione esterna di Vortice Elettrosociali Spa. È coordinatore Regionale Lombardia della TP, Associazione Italiana Pubblicitari Professionisti e dal 2001 è docente a contratto presso la facoltà del Design del Politecnico di Milano.

Indice


Premessa
Parte I
Lo stato dell'arte sulla gestione della conoscenza nelle organizzazioni
(Prima l'azienda crea comunicazione; Gli attuali sistemi di gestione dell'informazione aziendale)
I presupposti teorici della gestione della conoscenza
(Definizione di conoscenza; Il processo della creazione e gestione della conoscenza; I sistemi di valutazione della conoscenza)
K-Value: il valore relativo ed assoluto della conoscenza
(Presupposti di un sistema di valutazione della conoscenza; Un nuovo modo per valutare la conoscenza relativo e assoluto; Le conseguenze di questo metodo)
Conclusione. Perché è necessaria la gestione della conoscenza
Parte II
Case History
(Mobius; Banco Ambrosiano Veneto; Channel 9; Bukman Laboratories; McKinsey and Co.; PeopleSoft; Hewlett Packard; Roads and Traffic Authority (RTA); Yahoo!; Vortice Elettrosociali; Motorola; Alfa Romeo)
Approfondimenti
(La differenza culturale tra pensiero occidentale e orientale; Le sette scuole della gestione della conoscenza)
Glossario
Bibliografia
(Libri e documenti; Web).




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi

Management

Finanza. Amministrazione. Controllo

Marketing. Pubblicità. Comunicazione. Vendite

Produzione. Logistica. Qualità.

Risorse umane

Banca, credito e assicurazioni

Commercio e turismo


Segnalazioni

Pubblicità