Ecriture et mémoire. Les carnets medico-biologiques de Vallisneri a E. Wolff. Atti delle giornate di studio (Milano, 17-18 marzo 2005)
Autori e curatori
Contributi
Marco Bresadola, Céline Cherici, Maria Ferrucci, Jean Louis Fischer, Dario Generali, Marco Piccolino, Marc J. Ratcliff
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 240,      1a edizione  2006   (Codice editore 496.1.64)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 25,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846479372

Presentazione del volume

I diari di laboratorio sono largamente considerati strumenti imprescindibili per la più adeguata comprensione dei percorsi intellettuali della scienza moderna e della sua dimensione operativa.
In questa occasione si presentano gli Atti di giornate di studio che hanno rivolto attenzione specifica alla tipologia del quaderno medico-biologico. Non lo si è considerato quale "punto zero", in grado di fornire allo storico materiale vergine che sarà deformato dalle elaborazioni successive, né si è inteso studiarlo per "cogliere in fallo" lo scienziato quando non organizza i testi secondo l'ordine dei "fatti". Si è piuttosto indagato come i protocolli vengano coordinati e si trasformino in procedure logiche, tanto più credibili quanto più lontane dalla prima attività. È anzi apparso chiaramente come già la compilazione "privata" del giornale obblighi a modellizzare l'itinerario sperimentale, definendo e ridefinendo obiettivi, confini e significato dell'inchiesta. Anche in questo caso la scrittura, intesa sia come modalità di narrazione sia come gestione dei suoi spazi, si è rivelata "passato" e "presente", cioè non solo memoria, ma soprattutto parte integrante della ricerca. Serva per comunicare agli altri o a se stessi, la scrittura non lascia infatti l'autore "intatto", ma lo modifica quanto la pratica concreta.
Si sono contestualmente affrontati i problemi ecdotici posti dal lavoro sui diari. L'analisi storica ed epistemologica ha in tal modo offerto un contributo d'intelligenza critica per la messa a punto di modelli d'edizione che stabiliscono la forma ultima del testo, ma visualizzano anche la stratificazione della scrittura e della ricerca, secondo percorsi nei quali le abilità retoriche s'intrecciano e si potenziano con le ragioni dell'opportunità, del metodo e della teoria.

Indice


Maria Teresa Monti, Introduction
Dario Generali, Scrittura, narrazione e memoria scientifica nei Quaderni e nei Giornali di Antonio Vallisneri
Maria Ferrucci, "La mano ristette". Strategie del candore nei giornali delle infusioni di Lazzaro Spallanzani
Marc J. Ratcliff, Construction, découverte, et contexte de réalité dans les cahiers de laboratorire. Le cas de Horace-Bénédict de Saussure
Maria Teresa Monti, Espaces blancs, espaces vides, espaces insuffisants. L'écriture du carnet d'observations chez Bonaventura Corti
Marco Bresadola, Note di laboratorio e percorsi investigativi : il caso di Luigi Galvani
Marco Piccolino, La torpille domptée: d'un "art" merveilleux et terrible à l'"électricité animale"
Céline Cherici, Le rôle moteur des carnets d'observations sur la pensée Médicale de Vincenzo Malacarne
Jean-Louis Fischer, Les cahiers de laboratoire d'Étienne Wolff des années 1930-1935
Indice dei nomi.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi