Il crimine dei crimini. Stermini di massa nel Novecento
Contributi
Antonia Arslan, Giorgio Bezzecchi, Luca Bravi, Amina Crisma, Paolo De Stefani, Isabelle Delpla, Igor Dorfmann-Lazarev, Marcello Flores, Anna Foa, Emanuela Fronza, Théophile Nsabimana, Luciano Pellicani, Marco Pertile, Giovanni Poggeschi, Giuliano Vassalli, Victor Zaslavsky
Collana
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 336,   1a ristampa 2009,    1a edizione  2008   (Codice editore 1792.135)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 29,00
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856803013

In breve
Una riflessione circostanziata sui tragici e molteplici episodi di stermini di massa del XX secolo: da quello degli armeni a quello di ebrei e zingari; da quelli delle classi sociali e dei popoli “alieni” per mano dei regimi comunisti a quello dei bosniaci, sino a quello dei tutsi per opera dello Stato rwandese. Massacri diversi, frutto di una particolare miscela ideologica totalitaria e anti-moderna, nazionalista o classista, tipica del Novecento.
Presentazione del volume

"Chi si ricorda più del massacro degli armeni?". Queste parole, pronunciate beffardamente da Adolf Hitler pochi giorni prima dell'invasione della Polonia, preludio dello sterminio degli ebrei d'Europa, permettono di cogliere l'imprescindibilità di una riflessione circostanziata sui tragici, molteplici e differenti episodi di stermini di massa del XX secolo: da quello degli armeni perpetrato dal governo turco, a quello di ebrei e zingari ad opera dei nazisti; da quelli delle classi sociali e dei popoli "alieni" per mano dei regimi comunisti a quello dei bosniaci per mano dello Stato nazionalcomunista serbo, sino a quello dei tutsi per opera dello Stato rwandese e della maggioranza hutu.
Massacri diversi, non tutti inquadrabili nella definizione giuridica di "genocidio": tutti, però, frutto di una particolare miscela ideologica totalitaria e anti-moderna, nazionalista o classista, tipica del Novecento, che ha armato la mano di Stati criminali, volti alla ricerca di una purezza politica, ideologica o razziale, contro intere classi sociali, etnie e popoli, eletti a nemico da annientare.
Il volume intende altresì offrire una riflessione sulle difficoltà che il diritto, strumento per eccellenza di disciplina della violenza privata e pubblica, ha incontrato sia in sede di prevenzione o di repressione del genocidio e dei crimini contro l'umanità, sia nello sforzo di bilanciare l'esigenza di tutelare la memoria con la necessità di garantire la libertà di ricerca e di opinione.

Francesco Berti è ricercatore di Storia delle dottrine politiche presso la Facoltà di Scienze politiche dell'Università di Padova.
Fulvio Cortese è ricercatore di Istituzioni di diritto pubblico presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Trento.

Indice


Marcello Flores, Prefazione
Francesco Berti, Fulvio Cortese, Stermini e genocidi tra storia e diritto. Un'introduzione
Parte I. Storia, memoria, interpretazione
Luciano Pellicani, Le radici ideologiche dell'universo concentrazionario
Anna Foa, Genocidi a confronto: una riflessione sull'unicità della Shoah
Igor Dorfmann-Lazarev, Nazionalismo e religione nella dinamica del Genocidio degli armeni (1915-1916)
Fulvio Cortese, Il genocidio armeno tra memoria e letteratura. Intervista ad Antonia Arslan
Francesco Berti, Pulizia di classe e totalitarismo in Unione Sovietica. Intervista a Victor Zaslavsky
Amina Crisma, Tra memoria e rimozioni: scenari di sterminio in Asia orientale
Luca Bravi, Dalla persecuzione allo sterminio dei rom e dei sinti
Giorgio Bezzecchi, Sterminio nazista e persecuzione fascista degli zingari
Théophile Nsabimana, Odio etnico e genocidio in Rwanda: quale prospettiva?
Parte II. Diritto internazionale e comparto
Paolo De Stefani, Genocidio e giustizia internazionale
Giovanni Poggeschi, Diritto e memoria: fra condanna dei genocidi e rielaborazione del passato
Emanuela Fronza, La protezione penale della memoria. Note critiche sul reato di negazionismo
Marco Pertile, Le Nazioni Unite, la comunità internazionale e tre domande sulla prevenzione del genocidio
Isabelle Delpla, Le inchieste del Tribunale penale internazionale per l'ex-Jugoslavia. Intervista a Jean-René Ruez
Isabelle Delpla, La prova mediante le vittime. Bilanci della guerra in Bosnia
Giuliano Vassalli, Postfazione
Gli Autori
Indice dei nomi.





newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi