Il bambino disabile in acqua

Manuale d'uso per terapisti ed operatori

Livello
Testi per insegnanti, operatori sociali e sanitari
Dati
pp. 124,      1a edizione  2009   (Codice editore 1305.105)

Il bambino disabile in acqua. Manuale d'uso per terapisti ed operatori
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 18,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856806236

In breve

La ricchezza di elementi (psicologica, sensoriale, motoria, cognitiva e sociale) rende l’ambiente acquatico particolarmente favorevole allo svolgimento di attività ludiche e riabilitative anche con i bambini disabili. Il testo si propone ai terapisti della riabilitazione e agli operatori come un vero strumento di lavoro, arricchito da disegni che agevolano la comprensione delle posture da effettuare, delle manovre da eseguire e dei supporti che possono essere utilizzati in acqua.

Utili Link

Donne e Mamma Qunate scoperte in acqua! (di Francesca Capelli)… Vedi...

Presentazione del volume

L'esperienza che ciascuno di noi può fare immerso nell'acqua è un'esperienza di tipo "globale" che sollecita la sfera psicologica, quella sensoriale, quella motoria, quella cognitiva e quella sociale. Questa ricchezza di elementi rende l'ambiente acquatico particolarmente favorevole allo svolgimento di attività ludiche e riabilitative anche con i bambini disabili.
Partendo da queste premesse, e dall'esperienza quindiciennale degli autori, il testo si propone ai terapisti della riabilitazione e agli operatori come un utile e completo strumento di lavoro.
Il testo si articola in quattro capitoli; il primo ed il secondo, di carattere più teorico, si soffermano sulle relazioni del bambino disabile con il mondo che lo circonda e sulle modalità di comunicazione tra bambino e operatore.
Con il terzo e il quarto capitolo, più operativi, ci si "immerge in acqua". Innanzitutto, ci si sofferma sulle tappe del percorso di adattamento al nuovo ambiente perché il bambino si senta a proprio agio nell'acqua e possa godere di un buon livello di autonomia, impari a controllare il corpo immerso, a gestire l'emotività, l'affettività e l'ansia, a condividere l'avventura con altri. L'obiettivo principale è il benessere del bambino, indipendentemente dalle sue disabilità. Una volta che il bambino ha raggiunto una condizione di benessere si possono proporre tecniche specifiche per migliorare alcuni aspetti del suo quadro motorio e sensoriale e aiutarlo a scoprire una nuova dimensione corporea. Nel quarto capitolo, quindi, si illustrano una serie di proposte operative, in cui l'aspetto ludico rappresenta la scelta pedagogica vincente, pensate specificamente per i bambini affetti da patologie come le deprivazioni sensoriali, le PCI e la sindrome di Down.
Il testo è arricchito da numerosi disegni che agevolano la comprensione delle posture da effettuare, delle manovre da eseguire e dei supporti che possono essere utilizzati in acqua.

Arrigo Broglio, fisioterapista, da anni lavora in piscina con bambini dai sei mesi a quattro anni, occupandosi anche di acquaticità con portatori di handicap. Autore di Acquaticità per la prima infanzia (FrancoAngeli, 2005) ha maturato una lunga esperienza come docente e relatore a corsi e convegni sulle attività motorie e riabilitative in acqua.
Barbara Della Casa, fisioterapista, si occupa di riabilitazione per i bambini con disabilità neuromotorie e sensoriali a terra, in acqua e a cavallo.
Monica Zanchi, formatrice, collabora con diversi enti ed istituzioni come specialista per l'ideazione e la realizzazione di progetti di formazione per l'attività in acqua con soggetti disabili.

Indice



Arrigo Broglio, Barbara Della Casa, Monica Zanchi, Introduzione
La famiglia, le relazioni, il gioco
(Relazioni e dinamiche familiari di fronte alla disabilità; La famiglia del bambino con disabilità; Il gioco, strumento ed opportunità)
La comunicazione nella relazione tra bambino disabile e operatore
(L'insegnamento di Marco; Perché parlare di comunicazione?; La comunicazione interpersonale; Il problema della percezione nella relazione e nella comunicazione; Comunicazione verbale e non verbale; Qualche consiglio)
Acquaticità e riabilitazione
(Adattamento e globalità; Obiettivi del lavoro in acqua; Principi pedagogici; Il materiale; Modalità di assistenza dell'operatore e utilizzo del materiale di sostegno nelle diverse posture)
Acquaticità e riabilitazione: proposte operative per le diverse patologie
(Le deprivazioni sensoriali; Le paralisi cerebrali infantili; La sindrome di Down)
Bibliografia di riferimento.






  • Psichiatria, neuropsichiatria, neuroscienze, psicofisiologia, psicobiologia
  • Psicologia cognitiva, psicologia della personalità
  • Psicologia sociale, di comunità, politica, ambientale, dell'emergenza, del turismo
  • Scienze e tecniche psicologiche per l'intervento clinico

    Scienze e tecniche psicologiche per il lavoro, l'impresa, le organizzazioni

    Teoria e tecniche dei test, psicometria, psicodiagnostica

    Scienze e tecniche psicologiche dello sviluppo e dell'educazione

    Teoria e tecniche per la riabilitazione

    Prevenzione e clinica delle dipendenze

    Psicologia giuridica, investigativa, forense, criminale, psicologia della devianza

    Psicologia della salute, psicologia del benessere, educazione al benessere

    Psicologia dell’arte e della letteratura, psicologia estetica

    Storia della psicologia

    Professione psicologo

    Servizi di cura


    Pubblicità