Il gruppo abc. Un metodo di autoaiuto per i familiari di malati Alzheimer
Autori e curatori
Contributi
Marco Trabucchi, Gabriella Salvini Porro, Antonio Guaita, Angela Peduzzi
Livello
Testi per insegnanti, operatori sociali e sanitari
Dati
pp. 228,   1a ristampa 2011,    1a edizione  2010   (Codice editore 1305.114)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 28,50
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856814170
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 19,50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856820829
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Il volume si rivolge agli operatori che si occupano dei malati di Alzheimer: psicologi, medici, educatori, terapisti occupazionali e tutti i professionisti che operano nelle strutture per anziani. Il Metodo ABC è un approccio pratico e innovativo per aiutare i familiari che stanno accanto (e soffrono) ai malati di Alzheimer. Fornisce spunti utili per avviarsi verso una felicità possibile, seguendo il cammino dei Dodici Passi.
Presentazione del volume

Fatica, rabbia, frustrazione sono i sentimenti del familiare che vive con una persona malata di Alzheimer. Dedica tanto tempo ed energia per stargli vicino, per prendersi cura di lui nel modo migliore eppure questi non migliora, anzi, peggiora di anno in anno. Ai problemi della malattia si aggiunge un senso di impotenza e di inadeguatezza.
Il familiare si chiede: "Faccio bene a comportarmi così?", "È colpa mia se peggiora?".
Queste considerazioni sono il punto di partenza per cercare delle soluzioni che permettano al familiare di ottenere un certo benessere e una felicità possibile, nonostante la malattia.
Ma come si può fare?
Il Gruppo ABC - di cui questo libro illustra il metodo - si propone come un gruppo di autoaiuto in cui i familiari, guidati da un conduttore, imparano a diventare dei curanti esperti. Le riunioni si svolgono in cerchio con 8-15 familiari. Non si discute: ciascuno è libero di raccontare la propria esperienza, di ascoltare quella degli altri e di portare a casa le idee e i suggerimenti che per lui sono più importanti.
Al centro dell'attenzione ci sono le conversazioni della vita quotidiana, gli scambi di parole e di silenzi che costruiscono la relazione tra familiare e malato.
Nel corso degli incontri il conduttore accompagna i partecipanti in un cammino, i Dodici Passi, che serve loro per diventare più competenti nell'affrontare i problemi di tutti i giorni. Partecipando al gruppo, il familiare ottiene dei cambiamenti piccoli ma significativi: se prima degli incontri si sente perso, insicuro e carico di sensi di colpa, dopo si sente meno solo e meglio equipaggiato per affrontare i problemi posti dalla malattia e riuscire a essere più sereno.
Il volume si rivolge in primo luogo agli operatori che si occupano dei familiari: psicologi, medici, educatori, terapisti occupazionali e tutti i professionisti che operano nelle strutture per anziani. In secondo luogo proprio ai familiari, che ne possono trarre spunti utili per avviarsi verso una felicità possibile, seguendo il cammino dei Dodici Passi.

Pietro Vigorelli è medico e psicoterapeuta. Fondatore e presidente del Gruppo Anchise, associazione per lo studio, la formazione e la cura della persona anziana centrata sulla parola e la capacitazione. Docente al Corso di Laurea in Terapia Occupazionale della Facoltà di Medicina dell'Università di Milano, tiene corsi di formazione in tutta Italia, rivolti ai professionisti della cura degli anziani e ai loro familiari. Ha già pubblicato sull'argomento La conversazione possibile con il malato Alzheimer (FrancoAngeli, 2004) e Alzheimer senza paura. Perché parlare, come parlare (Rizzoli, 2008).

Indice


Marco Trabucchi, Prefazione
Gabriella Salvini Porro, Presentazione
Introduzione
Parte I. Il Gruppo ABC
Perché ABC
I disturbi della parola
L'Approccio Conversazionale e Capacitante
La felicità come fine e come mezzo
Che cos'è il Gruppo ABC
La Carta ABC
Le Tre Condizioni
La costituzione del gruppo
Lo svolgimento degli incontri
Le Tradizioni
Le tecniche di conduzione
Alcuni problemi di conduzione
Il primo incontro
Il Gruppo ABC in sei incontri
Il Gruppo ABC permanente)
Parte II. I Dodici Passi
Non fare domande
Non correggere
Non interrompere
Ascoltare
Accompagnare con le parole
Rispondere alle domande
Comunicare con i gesti
Riconoscere le emozioni
Rispondere alle richieste
Accettare che faccia quello che fa
Accettare la malattia
Occuparsi del proprio benessere)
Parte II. Il conduttore
Il conduttore esperto
La formazione del conduttore
Come si progetta un Gruppo ABC
Sintesi e prospettive
Biblio-sitografia
Appendici
Antonio Guaita, Angela Peduzzi, Pietro Vigorelli, La valutazione dei risultati
Schede per l'avvio e la conduzione dei Gruppi ABC
Le Associazioni dei familiari
Il Gruppo Anchise
L'autore.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi
  • Psichiatria, neuropsichiatria, neuroscienze, psicofisiologia, psicobiologia
  • Psicologia cognitiva, psicologia della personalità
  • Psicologia sociale, di comunità, politica, ambientale, dell'emergenza, del turismo
  • Scienze e tecniche psicologiche per l'intervento clinico

    Scienze e tecniche psicologiche per il lavoro, l'impresa, le organizzazioni

    Teoria e tecniche dei test, psicometria, psicodiagnostica

    Scienze e tecniche psicologiche dello sviluppo e dell'educazione

    Teoria e tecniche per la riabilitazione

    Prevenzione e clinica delle dipendenze

    Psicologia giuridica, investigativa, forense, criminale, psicologia della devianza

    Psicologia della salute, psicologia del benessere, educazione al benessere

    Psicologia dell’arte e della letteratura, psicologia estetica

    Storia della psicologia

    Professione psicologo

    Servizi di cura


    Segnalazioni

    Pubblicità