Migrazioni Generi Famiglie. Pratiche di escissione e dinamiche di cambiamento in alcuni contesti regionali
Contributi
Lidia Calderoli, Barbara Caputo, Cecilia Gallotti, Lia Lombardi, Alessio Menonna, Roberta Sala
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 432,      1a edizione  2009   (Codice editore 907.36)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 40,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856815207
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 28,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856820270
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Attraverso un’indagine realizzata in alcune città italiane, il volume posiziona le escissioni in un quadro più vasto che raccoglie le pratiche di cura e di modificazione del corpo, la sessualità, le dinamiche di coppia, i riti matrimoniali, la costruzione del genere, i rapporti inter e intra-generi e tra generazioni diverse. Le mutilazioni genitali femminili sono il filo conduttore di una narrazione che descrive contesti di origine e di destinazione, e percorsi di ri-significazione di pratiche e traiettorie di vita.
Presentazione del volume

Come si possono considerare le mutilazioni genitali femminili (Mgf) all'interno dei rapporti tra generi? Si tratta di pratiche in via di sparizione? Cosa ne rimane nelle terre di immigrazione? A queste e altre domande, teoriche ed empiriche, cerca di dare risposta il volume, che posiziona le escissioni in un quadro più vasto che raccoglie le pratiche di cura e di modificazione del corpo, la sessualità, le dinamiche di coppia, i riti matrimoniali, la costruzione del genere, i rapporti inter e intra-generi e tra generazioni diverse. Le Mgf sono il filo conduttore di una narrazione continua che, attraverso le voci di attori diversi, descrive contesti di origine e di destinazione in continua evoluzione, percorsi di ri-significazione delle pratiche e delle traiettorie di vita, di come donne e uomini negozino giorno dopo giorno le proprie appartenenze, dando vita e giustificazione di "culture nuove".
L'indagine è stata realizzata tra Milano, Brescia, Modena, Reggio Emilia, Bologna, Ferrara e Padova e la costruzione dei campi di ricerca ha tenuto conto non soltanto della diversità dei territori, ma anche dei gruppi e delle loro dinamiche interne; sono state investigate tanto realtà piuttosto coese, egiziana e burkinabé, quanto collettività più eterogenee, nigeriana e ghanese, ponendo grande attenzione alla costruzione e alle relazioni interne delle associazioni che le rappresentano. È stata, infine, valutata la percezione del fenomeno da parte di operatori socio-sanitari, coinvolgendo anche altre figure, come gli educatori, che possono rappresentare dei riferimenti per sensibilizzare e coinvolgere maggiormente la popolazione migrante interessata dal fenomeno.

Daniela Carrillo è antropologa e collabora con la Fondazione Ismu, settore Salute e Welfare.

Nicola Pasini, docente di Sistemi politici e amministrativi e di Governo locale all'Università degli Studi di Milano, è responsabile del settore Salute e Welfare della Fondazione Ismu.

Indice


Daniela Carrillo, Nicola Pasini, Introduzione
Lidia Calderoni, Modificazioni permanenti del corpo, età della vita e migrazione: testimonianze di migranti burkinabè e di operatori italiani
(Premessa; Una ricerca tra i migranti di origine burkinabè in Lombardia ed Emilia Romagna; Il metodo della ricerca; L'intervista; Registri di discorso pubblico e privato, racconto personale e "consulenza"; Le compagne informative sull'escissione in Burkina Faso e Costa D'Avorio raccontate dagli intervistati; L'abbandono delle pratiche di escissione all'interno di una famiglia in Burkina Faso; Il futuro dell'escissione nella visione degli intervistati; Motivazioni e funzioni attribuite all'escissione "nella tradizione"; Verso un'omologazione internazionale delle interpretazioni dell'escissione?; Il vissuto dell'operata: dalla banalità al dramma; Profilo della donna favorevole all'escissione: un'eccezione; Modifiche permanenti del corpo ed età della vita: alcuni aspetti; Fidanzamento e matrimonio; La sessualità, l'amore, gli amanti; Il parto; La morte in migrazione; I riti di passaggio e la migrazione; Escamotage della tradizione e della religione; La tradizione e le sue trasformazioni nel tempo; Lo sguardo degli operatori sanitari sulle modificazioni genitali femminili)
Barbara Caputo, Tahara a Milano, tahara in Italia? Circoncisione femminile e vite di migranti egiziani nel villaggio globale
(La circoncisione delle donne egiziane, una questione sfuggente; Identità in-the-stream; Mutamenti della tahara in un contesto globalizzato; Quali politiche sociali?; Conclusione. Tra diritti umani e prendersi cura. Per un'antropologia trasformativi)
Cecilia Gallotti, Le Mgf come posta in gioco nei processi di cambiamento culturale. Migranti nigeriane e servizi socio-sanitari in Emilia Romagna
(Premessa: osservazioni su un caso di confine; Migranti e servizi socio-sanitari in Emilia Romagna; L'analisi delle interviste a migranti e operatori; Nodi critici, proposte e best practices; Conclusione)
Lia Lombardi, Le mutilazioni genitali femminili in Veneto: tra migrazioni, relazioni e processi di cambiamento
(Contesti migratori; Mgf in Italia e in Europa: leggi, provvedimenti, azioni; Mgf: provvedimenti e azioni in Veneto; La ricerca; I risultati della ricerca; Nota conclusiva)
Roberta Sala, Donne, culture, tradizioni. Un riesame della questione delle mutilazioni genitali femminili
(Premessa; Pluralismo: definizioni e domande; Multiculturalismo)
Alessio Menonna, Stime e proiezioni per quantificare il fenomeno delle modificazioni/mutilazioni genitali femminili
(Dal più informale Hosken Report alle indagini internazionali Dhs: metodologie e risultati per quantificare il numero di modificazioni/mutilazioni genitali femminili in Africa; Criticità delle Dhs: classi d'età estreme; paesi non "coperti" direttamente; target particolari d'indagine in Egitto e in Sudan; Possibili accorgimenti tecnici delle Dhs: attualizzare i tassi di prevalenza o quantomeno applicare i tassi "storici" alle odierne popolazioni residenti; I motivi della difficoltà di replica delle Dhs in contesti axtra-africani e le domande a risposta casualizzata; Le altre possibili vie d'analisi statistica al tema delle Mgf in Italia e i loro limiti: i metodi d'indagine "eterodossi" ("simil-snowball indiretto" o "per continuità") e le proiezioni; Ricapitolazioni conclusive; Appendice: Esempio di segmento di questionario Dhs sulle Mgf)
Daniela Carrillo, Nicola Pasini, Conclusioni
Riferimenti bibliografici
Gli autori.