Azione sociale e potere. Diritto e società tra moderno e postmoderno
Contributi
Giovanni Fiandaca
Livello
Studi, ricerche. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 640,   1a ristampa 2014,    1a edizione  2012   (Codice editore 290.25)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 40,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820405670

In breve
La sociologia del diritto si sviluppa all’interno del rapporto azione sociale/potere, indagando le forme, istituzionali e non, che via via assumono la convivenza-cooperazione degli uomini e il loro modo di autoregolarsi. Il libro vuole approfondire alcuni capisaldi di questo campo della ricerca sociologica, sullo sfondo storico del consolidamento della modernità e del suo irrisolto passaggio verso la postmodernità.
Presentazione del volume

Qual è lo choc o, forse, la mutazione che il diritto ha subito nel passaggio dalla modernità alla postmodernità?
La modernità si era aperta con le grandi promesse fatte alle società umane di una politica che fosse capace di controllare il loro destino e di dare risposte alle domande fondamentali: chi siamo, che cosa dovremmo essere, come dovremmo vivere. La transizione verso la postmodernità è caratterizzata da processi di de-strutturazione degli spazi tradizionali della politica, da trasformazioni tecno-sociali che determinano lo sfaldamento delle tradizionali modalità di partecipazione politica e di formazione del "discorso pubblico". Non ci sono più soltanto Stati che agiscono tra di loro, ma emerge un gran numero di nuovi attori transnazionali . Il diritto e i suoi rapporti con l'economia e la politica assumono un'estrema mobilità nell'era dei processi di globalizzazione e nel quadro del più ampio mutamento di carattere sociale da cui dipende e da cui è fortemente condizionato.
La transizione verso la postmodernità ha trasformato sostanzialmente il fenomeno giuridico. Dove prima era il diritto ora sempre più si formano delle vere e proprie terre di nessuno nelle quali è più agevole la penetrazione del potere economico sciolto da ogni rapporto con le regole giuridiche. Stiamo attraversando una crisi profonda delle forme politiche moderne e, specificamente, degli Stati.
La sociologia nasce in una relazione strettissima con il mutamento sociale. La sociologia del diritto, nello specifico, si sviluppa all'interno del rapporto azione sociale/potere, indagando le forme, istituzionali e non, che via via assumono la convivenza-cooperazione degli uomini e il loro modo di autoregolarsi. Scopo di questo libro è approfondire alcuni punti salienti, alcuni capisaldi di questo campo della ricerca sociologica, sullo sfondo storico del consolidamento della modernità e del suo irrisolto passaggio verso qualcosa che ancora non siamo in grado di definire compiutamente e che infatti chiamiamo postmodernità.

Salvatore Costantino è professore ordinario di Sociologia giuridica, della devianza e del mutamento sociale all'Università di Palermo, Facoltà di Scienze politiche.
Aldo Zanca è professore a contratto presso la Facoltà di Scienze politiche dell'Università di Palermo.

Indice


Premessa
Giovanni Fiandaca, Presentazione
Salvatore Costantino, Teoria sociale e mutamento giuridico nella transizione verso la postmodernità. I temi in discussione
Aldo Zanca,
I precursori
Salvatore Costantino, Aldo Zanca, Marx
Salvatore Costantino, Durkeim
Salvatore Costantino, Simmel
Salvatore Costantino, Weber
Aldo Zanca, La controversia Ehrlich-Kelsen
Salvatore Costantino, Schmitt
Salvatore Costantino, Gramsci
Salvatore Costantino, Canetti
Salvatore Costantino, Luhmann
Salvatore Costantino, Habermas
Aldo Zanca, Foucault
Aldo Zanca, Bourdieu
Aldo Zanca, Rawls
Salvatore Costantino, Friedman
Salvatore Costantino, Aldo Zanca, La Costituzione, la democrazia, l'Europa
Salvatore Costantino,
Il diritto come relazione comunicativa
Riferimenti bibliografici.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi