Luoghi comuni? Le assemblee nella democrazia urbana italiana
Autori e curatori
Contributi
Daniela Bagattini, Simona Forzoni, Manuela Nicosia, Valentina Pappalardo, Francesco Sacchetti
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 160,      1a edizione  2012   (Codice editore 1562.30)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 21,00
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856849639

In breve
Cosa fanno in concreto i consiglieri comunali, perché lo si diventa, come si vive questa posizione? Il volume fornisce una risposta attraverso una ricerca che ha coinvolto 1.200 consiglieri attivi in un campione rappresentativo.
Presentazione del volume

Partendo da un inedito materiale empirico, raccolto nel quadro di un'indagine svolta in quindici paesi europei, il volume intende contribuire al rilancio della riflessione sul ruolo delle assemblee nella democrazia urbana italiana.
In Europa la posizione delle assemblee nei sistemi politici urbani è stata indubbiamente trasformata dalle recenti riforme degli enti locali, per effetto di disegni di ingegneria istituzionale ovunque dedicati a consolidare gli esecutivi e a dare visibilità nuova ai sindaci. Il loro ruolo è stato anche indebolito dalla diffusa insofferenza verso le forme più tradizionali della democrazia rappresentativa.
Su questi mutamenti, decisivi per la comprensione dello stato della democrazia locale, mancano verifiche sociologiche e dibattito politico. I dati raccolti mediante questionario (in Italia presso un campione di 1.200 consiglieri) offrono quindi un insieme sistematico e comparato di informazioni fino a ora non disponibili sui meccanismi di selezione dei membri delle assemblee, sulle loro relazioni con i cittadini e gli attori importanti delle società locali, sulla loro interpretazione concreta del ruolo, del funzionamento delle assemblee, dell'efficacia degli strumenti a loro disposizione, delle tendenze di innovazione nella politica locale.
Nel confronto con i paesi vicini, i giudizi dei consiglieri comunali illustrano la particolare difficoltà delle assemblee locali italiane a imporsi, nel contesto rinnovato della politica locale, come luoghi condivisi che contribuiscano a costruire il legame tra cittadini e politica e facilitare l'identificazione locale.

Annick Magnier insegna materie sociologiche nella Facoltà di Scienze politiche "Cesare Alfieri" di Firenze, dove è titolare della cattedra Jean Monnet "La città nell'integrazione europea". Presso FrancoAngeli ha curato, con Giovanna Vicarelli, la raccolta di saggi promossa dall'Associazione Italiana di Sociologia Mosaico Italia. Lo stato del Paese agli inizi del XXI secolo (2010).

Indice


Annick Magnier, Introduzione
Annick Magnier, I consigli comunali nella carriera politica
Simona Forzoni,
Quanto contano Consigli e consiglieri? Tra competenze e capacità
Annick Magnier, I consigli nei sistemi locali di rappresentazione politica
Manuela Nicosia, Valentina Pappalardo, Democrazia locale e rappresentanza politica
Daniela Bagattini, Il Gender Gap nei consigli comunali italiani
Francesco Sacchetti,
Campionamento e rilevazione
Annick Magnier, Conclusioni
Riferimenti bibliografici.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi