Peripherein: pensare diversamente la periferia
Autori e curatori
Livello
Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 160,   1a ristampa 2016,    1a edizione  2013   (Codice editore 1561.90)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 21,50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820421199

In breve
Nonostante il quadro inquietante che emerge dall’analisi delle grandi trasformazioni planetarie e dal loro impatto sulle singole città, il volume invita a pensare diversamente la periferia. Nello stesso divenire periferia di parti sempre più consistenti delle nostre città risiede anche la possibilità di un recupero generalizzato della dimensione urbana e di modalità di vita associata più civili e giuste.
Utili Link
Territorio Recensione (di Emma Finocchiaro)… Vedi...
Mondi Migranti Recensione (di Sebastiano Citroni)… Vedi...
Archivio di Studi Urbani e Regionali Recensione (di Maurizio Bergamaschi)… Vedi...
Presentazione del volume

Povertà, marginalità e frammentazione urbana non sono più confinate alle realtà del sottosviluppo, ma, a causa della crisi, si affermano anche nei paesi sviluppati, delineando una serie di importanti interrogativi sulla tenuta sociale delle città: il desolato presente in cui vivono molti abitanti del pianeta rischia di rappresentare un'anticipazione del nostro futuro.
Date queste premesse sembrano poco praticabili le alternative proposte dalle nuove forme di governance della povertà, così come altrettanto inefficaci appaiono le prospettive di 'fuga individuale' dai quartieri della emarginazione. Nonostante il quadro inquietante che emerge dall'analisi delle grandi trasformazioni planetarie e dal loro impatto sulle singole città, il libro è un invito a pensare diversamente la periferia. Infatti al di là delle miserie del presente rimangono aperti spazi di speranza: nello stesso divenire periferia di parti sempre più consistenti delle nostre città risiede anche la possibilità di un recupero generalizzato della dimensione urbana e di modalità di vita associata più civili e giuste.

Agostino Petrillo insegna Sociologia urbana al Politecnico di Milano. Il suo lavoro di ricerca verte su metropoli, conflitti urbani, globalizzazione e immigrazione. È collaboratore di diverse riviste, tra cui "Sociologia Urbana e Rurale", "Mondi Migranti", "Filosofia Politica", "Territorio". Tra i suoi lavori: La città perduta. Eclissi della dimensione urbana nel mondo contemporaneo (Dedalo 2000); Max Weber e la sociologia della città (FrancoAngeli 2001); Città in rivolta. Los Angeles, Buenos Aires, Genova (Ombrecorte 2004); Identità urbane in trasformazione (Coedit 2005); Villaggi, città, megalopoli (Carocci 2006).

Indice


Introduzione
Peripherein
(Oltre l'etimologia; Alle origini della filosofia delle periferie: un pregiudizio emanatista?; Il contributo al dibattito centro-periferia del pensiero francese contemporaneo; Utilità e danno di una storia delle periferie; Il nuovo disordine delle periferie: dimenticare Wallerstein?; Ripartire dalla piccola dimensione? La periferia in una prospettiva micro-sociologica; Locis terribilis: marginalità, segregazione e relegazione; Divenire periferia; Conclusioni)
Slum e dintorni... a partire da Mike Davis
(Introduzione; Emergenza storica; Città globali/Mega-città? Genesi degli slum; Rivolta e rassegnazione; La "governance" dello slum; Controllo e mafie; Una storia sociale degli slum?; Spiegare lo slum)
Nuove differenze tra le città, nuove disuguaglianze nelle città
(Perché le città; Gli anni Settanta; Gli anni Ottanta; I primi studi innovatori; Le città mondiali; Città globali; Mega-città; Il punto di incrocio: l'ipotesi della frammentazione; Conflitti e lotte; Disuguaglianze nelle città; Il futuro della città)
La città coloniale come mito e come modello: spunti di riflessione
(I confini della globalizzazione; La città coloniale: un modello generale; La città coloniale nella crisi dei paradigmi; La città coloniale nella elaborazione del modello di dual city; La città coloniale nella formazione della World City Hypothesis; Città coloniale e critica postcoloniale; Ibridazioni, mutamenti e adattamenti)
"Da utilizzare in caso d'incendio"? Riflessioni sulla teoria della "città a tre velocità" e su alcune sue implicazioni
(Metropoli in trasformazione; La città a più velocità; Urbano troppo urbano...?; Fare società; Conclusione)
Bibliografia di riferimento.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi