Visioni, strategie e scenari nelle esperienze di piano
Autori e curatori
Collana
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 360,      1a edizione  2014   (Codice editore 1862.179)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 43,00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 30,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 30,00
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Visioni, scenari e strategie sono termini e concetti sempre più frequentemente utilizzati nelle esperienze di piani, programmi e progetti urbani e territoriali, divenendo costanti, sempre più pregnanti, nella pianificazione e programmazione contemporanea.
Utili Link
Giornale di Sicilia Recensione… Vedi...
Centonove Se Messina diventa ecotown… Vedi...
Presentazione del volume

La nuova forma del piano risulta essere costantemente in bilico tra tradizione ed innovazione mediante un approccio strategico e con un forte ritorno al territorio (strutturale). Visioni, scenari e strategie sono termini e concetti sempre più frequentemente utilizzati nelle esperienze di piani, programmi e progetti urbani e territoriali, divenendo costanti, sempre più pregnanti, nella pianificazione e programmazione contemporanea.
Il volume è diviso in tre parti. La prima riguarda le riflessioni sulla dimensione teorica delle vision e dello scenario strategico e più in generale analizza la casistica dei metodi e delle tecniche di visioning. La seconda analizza casi studio e sperimentazioni in contesti "locali", ove le pratiche di visioning vengono individuate come capacità maieutica di esplorazione del territorio e delle comunità locali. La terza ed ultima parte si concentra sull'indagine internazionale e fornisce una panoramica sulle esperienze di ampio respiro, a livello globale. Le considerazioni conclusive sono rivolte a fornire elementi e spunti sulle dinamiche disciplinari, professionali e istituzionali inerenti soggetti, ruoli e attività della pianificazione urbana e territoriale. In appendice si trovano tre conversazioni sugli scenari con alcuni studiosi italiani.

Andrea Marçel Pidalà pianificatore territoriale senior & urbanista (LM in Pianificazione territoriale urbanistica e ambientale, Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria, 2004), cultore della materia in Urbanistica presso il CdL in Ingegneria edile e architettura dell'Università degli Studi di Palermo (2009-2013), è dottore di ricerca (PhD) in Pianificazione urbana e territoriale presso Università degli Studi di Palermo (2009). È stato research associate (ricercatore aggregato) e teaching and tutorial sessional contract (docente a contratto) per i corsi di Urban and regional planning e Landscape and heritage sites planning (Pianificazione urbana e territoriale, del paesaggio e dei beni culturali) presso la Curtin University di Perth, Australia (2010-2011).

Indice


Ringraziamenti
Una necessaria premessa
Parte I. Teorie e riflessioni intorno alle tecniche di visioning. Inquadramento concettuale e prime esplorazioni nel solco scientifico
Una panoramica sulle tecniche di visioning nella pianificazione urbana e territoriale. Primi passi nel labirinto degli scenari
(Tensioni ed evoluzioni nella pianificazione urbana e territoriale; Riordino delle idee per sistemi semantici; La complessità e le dinamiche degli scenari; Scenari europei: cinque modelli; Il worldwide think scenario; Gli scenari riverberano in Italia, ma i cantieri di lavoro sono ancora aperti; Riferimenti bibliografici)
Radici: visioning, vision e scenari nella scienza della pianificazione. Evoluzione di tecniche, temi e metodi
(Community Planning. Esperimenti e modelli di visioning e vision cosmopoliti; Primo tentativo d'ordine: il metodo del visioning, una lettura strutturale; Secondo tentativo d'ordine: la costruzione di una vision condivisa; Terzo tentativo d'ordine: individuare probabilità e possibilità di mutazione; Argomentativo, non predittivo/percettivo e figurativo: di cosa parliamo quando parliamo di scenari strategici?; Cosa non è lo scenario/dunque lo scenario è...: una prima perimetrazione; Tre declinazioni ed applicazioni di scenario in Italia: territorialista, strategico e funzionalista; Riferimenti bibliografici)
Parte II. Le analisi dei contesti locali. Primi esercizi di applicazione e sperimentazioni delle teorie e delle riflessioni maturate in contesti territoriali locali
Lo scenario come strumento cognitivo e la vision come bussola per l'orientamento
(Scenari per similitudini e visioni per antinomie: le bioregioni di Messina, dei Peloritani e dei Nebrodi, l'ambito paesaggistico delle piane di Palermo e dell'Alto-Belìce corleonese; Delirious Messina: il caos dimensionale di una città in bilico tra la forte identità locale, l'indecisione del divenire area metropolitana o mantenere le caratteristiche di bioregione urbana; Da Zancle a Mylai, la dispersione urbana avanza. La Sicilia da Terra di Città agli attuali processi di strutturazione di città diffusa sulle coste mediterranee; Nebròdes. I Monti di Dionìso nelle terre dei Gattopardi. Lo scenario eco-territorialista come masterplan di riequilibrio ecologico e strutturale del territorio; Le piane di Palermo, le Valli del Belìce e i rilievi dei Monti Sicani. Le forze e le debolezze della vision per la pianificazione del paesaggio in Sicilia; Riferimenti bibliografici)
Focus: lo scenario strategico come metodo conoscitivo ed integrativo nelle politiche ambientali
(La VAS come opportunità e metodologia per la creazione di nuove visioni, scenari e strategie di progetto per città e territorio in Sicilia; Andrea Marçel Pidalà, Alberto Ziparo, Autosostenibilità ed innovazione nel piano regolatore di Gioiosa Marea (Messina); Il rapporto preliminare di VAS dello schema di massima del piano regolatore generale di Gioiosa Marea (Messina); Riferimenti bibliografici)
Parte III. Le esperienze globali. Il fronte di avanzamento della sperimentazione in contesto internazionale
Esperienze di ricerca sulle tecniche di visioning in contesti esteri. Ricerca e pratica di pianificazione urbana e territoriale in Australia
(Lisa Scaffidi, Il ruolo chiave di una vision condivisa per la città di Perth, capitale dello Stato del Western Australia; Dave Hedgcock, Perth, Western Australia: Strategic Re-imagination; Perth boomtown: dalla scala umana all'esplosione metropolitan; Lo Strategic Plan for Public Open Spaces della City of South Perth, WA. Resoconto di una significativa esperienza internazionale di ricerca applicata; Riferimenti bibliografici)
Next: le traiettorie dei processi e delle tecniche di visioning
(Strumenti di visioning: obiettivi, traiettorie e direzioni; Questioni aperte: non solo urbanistica, ma spazio e società ed evoluzione della specie. Un tazebao dei temi intercettati; Un'azione propedeutica alla costruzione di visioni, strategie e scenari: formare figure in grado di pianificare spazio e società/territorio e comunità; Riferimenti bibliografici)
Conclusioni e tracce per la prosecuzione dei lavori
(Riferimenti bibliografici)
Giuseppe Trombino, Postfazione
Appendice. Visioni, strategie e scenari in bilico tra progetti urbani e territoriali, tra razionalità e spontaneismo, tra tensioni utopiche individuali e sistemiche. Una diversità di sguardi, contributi e punti di vista
Conversazioni con tre urbanisti italiani
Concepts studio collection
Crediti
Gli autori dei contributi.