Cultural accountability. Una questione di cultura
Autori e curatori
Contributi
Marco Bernabè, Alfonso Casalini, Adriana Polveroni, Francesca Quadrelli
Livello
Testi advanced per professional
Dati
pp. 128,      1a edizione  2015   (Codice editore 1257.46)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 17,00
Disponibilità: Buona





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 11,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 11,99
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
L’accountability è la responsabilità da parte di qualsiasi impresa o ente di rendicontare le decisioni prese nell’uso delle proprie risorse. Il volume ragiona del perché in Europa proprio le organizzazioni che hanno quale oggetto sociale la cultura siano le più restie a produrre bilanci sociali che testimonino la non arbitrarietà delle loro scelte: un limite la cui debolezza urge superare.
Utili Link
Artribune La necessità della cultural accountability (di Stefano Monti)… Vedi...
Presentazione del volume

Ognuno di noi quando lavora o si relaziona con i propri affetti deve rendere conto delle proprie azioni in un qualche modo.
Questo vuol dire che talvolta si assumerà la responsabilità di determinate decisioni, altre si potrà fregiare di meriti o si dovrà scusare per degli errori o sarà comunque tenuto a spiegare delle scelte.
L'affidabilità culturale risulta fragile e precaria, dipendendo da circostanze occasionali e non discendendo da una griglia solida e credibile di incentivi e vincoli che inducano le organizzazioni ad adottare e consolidare strategie.
A parte l'opinabilità tanto tecnica che economica di molti dei concetti sottesi alle erogazioni-elargizioni, che per fortuna cominciano a entrare seriamente sul tavolo della discussione, c'è un dato importante che questa modalità evidenzia: l'arbitrarietà.
Queste difficoltà hanno finito col determinare una sorta di "contraddizione in termini" del processo di accountability in Europa: sono proprio quelle organizzazioni che hanno quale oggetto sociale la cultura della sostenibilità a non produrre bilanci sociali.

Stefano Monti, amministratore delegato Monti&Taft, advisory company attiva nel settore culturale e in quello del turismo. Specializzato alla London School of Economics, insegna Corporate Social Responsability (Università di Tor Vergata, Roma). È autore di pubblicazioni di Economia della Cultura e di Urbanistica, e relatore in convegni su temi legati alla Legislazione dei Beni Culturali e alla Valorizzazione del Territorio attraverso la Cultura.

Indice

Adriana Polveroni, Prefazione: i mercati della cultura
Stefano Monti,
Introduzione: Cultura e Accountability
Che cos'è l'accountability
(Un glossario essenziale: a cosa serve e perché manca; Le tre aree dell'accountability: strategica, gestionale e finanziaria; Il panorama internazionale: regole, prassi, limiti)
Obiettivi e strumenti
(Il valore simbolico e relazionale dell'affidabilità; Sintassi e grammatica: come misurare l'affidabilità?; Indicatori di affidabilità: una ricognizione critica)
L'accountability culturale
(L'industria culturale: struttura, dimensioni e flussi; Gli indicatori della cultura nell'esperienza italiana; Orientamenti e strumenti di valutazione)
Conclusioni: strategie e politiche per una nuova impresa culturale
Bibliografia
Biografie autori.


Management

Finanza. Amministrazione. Controllo

Marketing. Pubblicità. Comunicazione. Vendite

Produzione. Logistica. Qualità.

Risorse umane

Banca, credito e assicurazioni

Commercio e turismo

Pubblicazioni in Open Access


Segnalazioni

Pubblicità