Rousseau. Il paradosso del porcospino

Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 144,      1a edizione  2016   (Codice editore 484.7)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Rousseau. Il paradosso del porcospino
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 18.00
Disponibilità: Limitata





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 13.00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 13.00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve

Questa rilettura della filosofia politica di Rousseau cerca di mostrare come il pensatore ginevrino, lungi da essere, come spesso si è sostenuto, l’ispiratore delle correnti totalitarie che hanno accompagnato gli ultimi secoli di storia politica e culturale dell’Occidente, sia in realtà un liberale e individualista autentico. Anzi, proprio nelle sue pagine è dato rinvenire la fondazione ontologicamente più radicale e rigorosa che la modernità occidentale abbia saputo dare del liberalismo come posizione politica basata sul primato dell’individuo nei confronti della società e dello Stato.

Presentazione del volume

Questa rilettura della filosofia politica di Rousseau si propone di mostrare che il pensatore ginevrino, lungi dall’essere, come tanto spesso si è voluto e tuttora si vuole sostenere, il vero ispiratore delle correnti anti-liberali e antiindividualistiche – in definitiva, totalitarie – che hanno sovente accompagnato e funestato gli ultimi due secoli e mezzo di storia politica e culturale dell’Occidente, è in realtà un liberale e un individualista autentico. Certo, per alcuni versi eretico; ma le sue eresie, comunque più apparenti che reali, gli sono servite per affermare un liberalismo e un individualismo tutto sommato più coerente e più vero di quello di quasi tutti i suoi critici. Che per giunta hanno saputo raramente presentare la prospettiva liberale come qualcosa di più e di meglio che una mera opzione, in quanto tale priva di un solido fondamento filosofico e perciò, in ultima istanza, disarmata di fronte alle opzioni avversarie: laddove proprio nelle pagine rousseauiane è dato rinvenire la fondazione ontologicamente più radicale e più rigorosa che la modernità occidentale abbia saputo dare del liberalismo come posizione politica basata sul primato dell’individuo – naturalmente di ogni individuo – nei confronti della società e dello Stato.

Dario Sacchi insegna Filosofia teoretica nell’Università Cattolica di Milano. Costantemente interessato al confronto fra la classica metafisica dell’essere e le istanze provenienti da vari settori del pensiero moderno e contemporaneo, per i nostri tipi ha già pubblicato Le ragioni di Abramo. Kierkegaard e la paradossalità del logos (2011). Fra i suoi titoli più significativi: Evidenza e interpretazione (Milano 1988); L’istinto logico del linguaggio (Genova 1991); Necessità e oggettività nell’analitica kantiana (Milano 1995); L’ateismo impossibile. Ritratto di Nietzsche in trasparenza (Napoli 2000); Libertà e infinito (Roma 2002); Lineamenti di una metafisica di trascendenza (Roma 2007); Some Questions about Idealism and Realism in the Structure of Husserlian Phenomenology, “Analecta Husserliana”, CXXI (2017).

Indice

Avvertenza
Introduzione
Il paradosso del porcospino
Socievolezza e solitudine, stato di natura, critica della società attuale
Ragione, coscienza, sentimento
Libertà naturale, libertà civile, libertà morale. Libertà positiva, libertà negativa
Uomo, individuo, cittadino. Liberalismo, collettivismo
Indice dei nomi.



newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi