Le nostre spedizioni verranno sospese per la pausa estiva dal 27 luglio al 21 agosto (inclusi). Buone vacanze!
La nascita delle "scienze umane" nell'Italia post-unitaria

Guido Cimino, Giovanni Pietro Lombardo

La nascita delle "scienze umane" nell'Italia post-unitaria

La nascita delle “scienze umane” in un crogiolo intellettuale assai complesso pieno di molteplici e differenti ingredienti. Muovendo dal positivismo italiano, il discorso passa attraverso il pensiero sociologico di Labriola e tocca alcuni nuclei storici, teoretici e istituzionali delle nascenti scienze psicologiche, antropologiche e pedagogiche, soffermandosi su alcuni protagonisti di questa straordinaria stagione culturale.

Edizione a stampa

39,00

Pagine: 416

ISBN: 9788891708496

Edizione: 1a edizione 2014

Codice editore: 1582.12

Disponibilità: Discreta

In un contesto di profonda trasformazione economica e sociale dell'Italia post-unitaria, si affermò un clima filosofico-culturale di stampo positivista, espressione della cultura laica e della borghesia in ascesa, il quale promosse lo studio "scientifico" - con "metodo positivo o sperimentale", come allora si diceva - dell'uomo in tutti i suoi aspetti, non solo in quanto homme physique ma anche in quanto homme morale, e tentò di sottrarlo alla speculazione filosofica.
Ebbero così origine le cosiddette "scienze umane" - principalmente identificate nella sociologia, nella psicologia, nell'antropologia, nella criminologia, nella pedagogia e, ai confini con la medicina, nella psichiatria e nell'igiene - le quali, aspirando a uno "statuto scientifico" simile a quello delle "scienze della natura", aprirono la discussione sulla loro collocazione disciplinare tra le Naturwissenschaften e le Geisteswissenschaften.
Il libro affronta alcune tematiche legate a questa nascita, avvenuta in un crogiolo intellettuale assai complesso pieno di molteplici e differenti ingredienti. Muovendo dall'analisi delle peculiari caratteristiche del positivismo italiano, il discorso passa poi attraverso il pensiero sociologico segnato dalla figura di Labriola e tocca alcuni nuclei storici, teoretici e istituzionali, delle nascenti scienze psicologiche, antropologiche e pedagogiche, a mano a mano soffermandosi su alcuni protagonisti di questa straordinaria stagione culturale, quali Rosmini, Ardigò, Morselli, Mosso, Buccola, Mantegazza, Lombroso, Montessori, Credaro, Gentile.

Guido Cimino è professore ordinario di Storia della scienza nella Facoltà di Medicina e Psicologia della "Sapienza" Università di Roma, socio eletto della Académie Internationale d'Historire des Sciences, direttore della rivista internazionale di storia della scienza Physis e autore di saggi che riguardano la storia delle scienze biologiche, delle neuroscienze e della psicologia italiana.
Giovanni Pietro Lombardo è professore ordinario di Psicologia generale nella Facoltà di Medicina e Psicologia della "Sapienza" Università di Roma, membro eletto nella Giunta del Dipartimento di Psicologia Dinamica e Clinica e nella Giunta di Facoltà e autore di saggi che riguardano la storia della psicologia della personalità, della psicologia italiana e della psicologia clinica.

Guido Cimino, Introduzione. La problematica delle scienze umane nell'Italia post-unitaria
Francesco Coniglione, Positivismo, filosofia scientifica e scienze umane nell'Italia d'inizio secolo
Nicola Siciliani de Cumis, Il punto di vista "altro" di Antonio Labriola
Alessandro Sanzo, Il Museo pedagogico di uno scienziato delle "cose umane". Antonio Labriola e il Museo d'Istruzione e di Educazione di Roma
Paolo De Nardis, La psicologia sociale herbartiana in Italia e l'approdo alla spiegazione delle scienze sociali. L'operazione teorica di Antonio Labriola
Piero Di Giovanni, Dalla filosofia alla psicologia nell'Italia post-unitaria
Luciano Malusa, La psicologia rosminiana tra la dinamica dell'animazione universale e il rilievo medico-sperimentale
Giovanni Pietro Lombardo, Chiara Bartolucci, La nascita della psicologia scientifica nei primi cinquant'anni del Regno d'Italia (1861-1911)
Maria Sinatra, Lucia Monacis, Gli strumenti e le pratiche strumentali nei primi laboratori di psicologia in Italia
Guido Cimino, Silvia Degni, All'origine della psicologia sperimentale: Gabriele Buccola tra impegno politico-culturale e ricerca psichiatrica
Giulio Barsanti, Paolo Mantegazza e la "storia naturale dell'uomo". L'antropologia a tutto campo di un "poligamo di molte scienze"
Daniele Velo Dalbrenta, L'antropologia criminale di Cesare Lombroso, o della via italiana a un diritto penale finalmente "moderno"
Valeria Paola Babini, Maria Montessori: nascita, metodo e rivelazioni di una vera "pedagogia scientifica"
Marco Antonio D'Arcangeli, Luigi Credaro e la pedagogia kantiano-herbartiana nell'Italia del primo Novecento: scienza dell'educazione ed educazione nazionale
Margarete Durst, La riforma della scuola di Giovanni Gentile: considerazioni su un dibattito ancora in corso
Gianfranco Tarsitani, Davide Renzi, Alessandra Marani, Le politiche per la salute pubblica nell'Italia post-unitaria: la nascita dell'igiene come disciplina scientifica
Adriano Ossicini, La formazione e la cultura psicologica nella prima metà del Novecento: ricordi autobiografici
Gli autori.

Contributi: Valeria Paola Babini, Giulio Barsanti, Chiara Bartolucci, Francesco Coniglione, Marco D'Arcangeli, Paolo De Nardis, Silvia Degni, Piero Di Giovanni, Margarete Durst, Luciano Malusa, Alessandra Marani, Lucia Monacis, Adriano Ossicini, Davide Renzi, Alessandro Sanzo, Nicola Siciliani de Cumis, Maria Sinatra, Gianfranco Tarsitani, Daniele Velo Dalbrenta

Collana: Storia della psicologia

Argomenti: Storia della scienza e della tecnica - Storia dell’educazione e della scuola - Storia della psicologia

Livello: Studi, ricerche - Textbook, strumenti didattici

Potrebbero interessarti anche