Come realizzare un business plan. Guida pratica per imprenditori e dirigenti
Autori e curatori
Livello
Testi per professional
Dati
pp. 206,   2a ristampa 2017,    2a edizione, nuova edizione  2013, allegati: allegato on-line   (Codice editore 1065.99)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 29,00
Disponibilità: Buona





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 19,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 19,99
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Una guida pratica e completa, arricchita da esempi pratici, che offre una traccia di compilazione utilizzabile da chiunque per elaborare il proprio business plan. Al libro è allegato un programma di redazione del business plan, che, completando i vari campi vuoti disponibili, eseguirà direttamente i calcoli, determinandone i risultati.
Presentazione del volume

Se volete realizzare un'idea imprenditoriale, ma non sapete come fare e soprattutto non sapete se la vostra idea è realmente fattibile, dovete redigere un business plan (o piano d'impresa). Tale idea può nascere nel caso in cui vogliate intraprendere una nuova attività o nel caso in cui avete già un'attività imprenditoriale e volete espanderla o cambiarla, sfruttando un'occasione capitata in un momento particolare e magari utilizzando anche incentivazioni statali di tipo finanziario e fiscale. Inoltre, il business plan diventa uno strumento obbligatorio per far capire la fattibilità dell'idea imprenditoriale che si vorrebbe realizzare e quindi farla conoscere ai terzi che potrebbero in qualche modo finanziarla (banca, ente pubblico, un socio, ecc.).
Il libro spiega, quindi, l'importanza del business plan, la sua composizione, la metodologia attraverso la quale si redige ed introduce, inoltre, man mano che vengono trattati gli argomenti specifici, dell'esemplificazioni pratiche di un vero business plan realmente redatto e finanziato.
Per di più al libro è allegato un programma di redazione del business plan, scaricabile dalla Biblioteca Multimediale di questo sito, che vi permetterà di redigere il vostro business plan e compilando i vari campi vuoti disponibili eseguirà direttamente i calcoli, determinandone i risultati. A supporto di detto programma, al libro sono allegati altre 5 schede utili per riepilogare il progetto da realizzare, calcolare l'investimento, calcolare il budget dei costi, calcolare il budget dei ricavi, calcolare il budget del cash-flow.

Marcello D'Onofrio si è laureato in Economia e Commercio presso l'Università degli Studi di Sassari. Attualmente è docente presso la Promocamera Azienda Speciale della C.C.I.A.A. di Sassari. Ha già pubblicato con FrancoAngeli Come realizzare un business plan (Milano, 2002, 5° ristampa 2009), La redazione di un cash-flow con l'ausilio pratico di excel (Milano, 2003), Come rielaborare il bilancio per ottenere un affidamento bancario (Milano, 2003), Come aumentare i guadagni aziendali (Milano, 2004), Come risolvere l'indebitamento aziendale (Milano, 2005), Tre regole per fare un business plan (Milano, 2006, 2° ristampa 2009), Come fare il controllo di gestione (Milano, 2010) ed infine Come fare il controllo di gestione negli enti pubblici (Milano, 2013). Per di più l'autore, oramai esperto nel campo delle piccole-medie imprese, dedica gran parte del proprio tempo per offrire consulenze sulla gestione aziendale e può essere contattato all'indirizzo di posta elettronica marcello.fa@katamail.com - www.marcellodonofrio.it

Indice


Marcello D'Onofrio, Introduzione
Progettare un'idea attraverso il business plan
(L'idea da realizzare; Progettare l'idea; L'importanza del business plan)
Gli strumenti del business plan: pianificazione e programmazione
(La pianificazione e la programmazione d'impresa; Le fasi del processo di pianificazione; Prima fase: analisi della situazione di partenza e della sua prevedibile evoluzione analisi di settore; Il concetto di settore: criteri di suddivisione settoriale; La concorrenza multisettoriale; La problematica delle barriere: barriere in entrata, negative ed in uscita; Seconda fase: individuazione ed analisi dei punti di forza e di debolezza dell'impresa; Terza fase: definizione degli obiettivi e la relativa razionalizzazione delle scelte; Modelli e limiti della razionalità decisionale; La strutturazione delle decisioni aziendali; Quarta fase: la formulazione delle strategie; Quinta fase: la redazione del piano; Sesta fase: approvazione, esecuzione e controllo del piano)
Il budgeting come strumento di redazione del business plan
(Le caratteristiche del budget e le sue funzioni; Formazione e composizione del budget aziendale; Budget commerciale e budget di produzione; Le fasi del budgeting; Prima fase: analisi della situazione patrimoniale iniziale; Il punto di partenza; Alcune importanti definizioni; Tipologie di riclassificazione dello stato patrimoniale; Tipologie di riclassificazione del conto economico; Rapporti fra i vari elementi di bilancio: il sistema degli indici; Seconda fase: il budget economico; Terza fase: il budget finanziario; Il budget delle fonti e degli impieghi; Il budget di cassa; Quarta fase: il budget patrimoniale; Quinta fase: il controllo di budget; Sesta fase: la situazione patrimoniale ed economica finale)
Il business plan e l'analisi dei costi
(Analisi dei costi; Tipologie di classificazione dei costi; Classificazione secondo la natura dei costi; Classificazione secondo la variabilità dei costi: break even point; Classificazione secondo le modalità di programmazione dei costi; Classificazione secondo le modalità di imputazione dei costi; Classificazione secondo la controllabilità d'imputazione dei costi; Classificazione secondo l'effettività della manifestazione dei costi)
Il business plan ed il controllo di gestione
(Il concetto del controllo di gestione; Gli strumenti contabili; La struttura organizzativa d'impresa: centri di responsabilità; Centri di costo; Centri di ricavo; Centri di profitto; Organi del controllo di gestione: direzione generale, manager ed il controller)
Applicazione pratica del business plan
(Introduzione; La presentazione della società; La descrizione dell'idea imprenditoriale; La localizzazione dell'attività; L'analisi di mercato: le caratteristiche della domanda turistica ed il trend della domanda turistica; Il piano di marketing; Il piano di produzione; Relazione sul piano economico-finanziario; Determinazione e pianificazione dei ricavi; Determinazione e pianificazione dei costi; Il bilancio di previsione dei primi tre anni d'attività; Pianificazione del cash-flow; Calcolo del break even point; Conclusioni)
Istruzioni operative del programma allegato al libro per la redazione di un business plan
(Parte dell'analisi storica quantitativa; Parte dell'analisi prospettica).




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi

Management

Finanza. Amministrazione. Controllo

Marketing. Pubblicità. Comunicazione. Vendite

Produzione. Logistica. Qualità.

Risorse umane

Banca, credito e assicurazioni

Commercio e turismo


Segnalazioni

Pubblicità