Ripensare il modello pedagogico per la formazione integrata

Il valore dell'esperienza

Contributi
Paola Armaroli, Mariangela Bastico, Lucio Guasti, Guglielmo Malizia, Lubiano Montaguti, Enzo Morgagni, Giuseppe Morsia, Carlo Nanni, Guido Sarchielli, Piero Tamburini
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 160,      1a edizione  2002   (Codice editore 488.20)

Ripensare il modello pedagogico per la formazione integrata. Il valore dell'esperienza
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 19,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846442550

Presentazione del volume

Le considerazioni qui proposte costituiscono la sintesi di un seminario di approfondimento che la Regione ha promosso come prima occasione per riflettere sull'integrazione, esaminando i risultati dell'esperienza sul campo, in termini di dispositivi concreti - cioè essenzialmente innovazione didattica - che hanno cercato di affrontare l'incontro con l'allievo, partendo dalle sue esigenze di apprendimento.

Innovazione didattica che ha puntato alla personalizzazione dei percorsi; a rendere possibile la contaminazione della cultura con le culture professionali ; a trovare soluzioni concrete per rispondere ai bisogni diversificati degli allievi; a rendere possibile la trasformazione dell'azione formativa a servizio educativo, attraverso l'orientamento, il patto formativo, la flessibilità dei contenuti. Quindi un insieme di strumentazioni che si vorrebbe poter definire un modello pedagogico , non alternativo, ma complementare a quello che la didattica dell'istruzione ha fino ad ora adottato.

Questo materiale è stato esaminato da sei testimoni "privilegiati" di ambito accademico, con competenze di riferimento particolari: è stato interpellato il prof. Guido Sarchielli, di ambito psicologico; il prof. Lucio Guasti, dal punto di vista delle sue competenze nella didattica generale nell'Università Cattolica; il prof. Morgagni, sociologo dell'educazione, il prof. Minardi, sociologo; il prof. Carlo Nanni, filosofo dell'educazione e il prof. Guglielmo Malizia, sociologo ed esperto di organizzazione della formazione, entrambi dell'Università Salesiana di Roma.

Il compito di approfondimento e riflessione proposto, ha l'intenzione di rispondere alle seguenti domande:

1. la filiera degli interventi che viene proposta può reggersi su una didattica e su un'organizzazione dell'agenzia formativa centrata sulla personalizzazione del percorso formativo?

2. la personalizzazione del processo formativo può essere una categoria interpretativa di tutti quei segmenti d'intervento che a vario titolo, con vari soggetti e con varie legittimazioni ci si appresta e si sta sviluppando in questo periodo?

3. la personalizzazione è una categoria trasversale che può essere usata come fattore unificante e quindi sviluppata come proposta pedagogica rispetto all'insieme delle filiere formative?

4. una puntualizzazione dell'asse pedagogico-didattico, può favorire l'integrazione dei sistemi formativi, in particolare scuola e formazione professionale?

La recente normativa propone e favorisce un ritorno all'indipendenza dei sistemi, ma questo lavoro sottolinea come l'elemento pedagogico interno è destinato a rimanere, perché coloro che fanno formazione, continuano a farla secondo una logica integrata ed allievo-centrica, indipendentemente dal contenitore politico nel quale questa logica viene ad esprimersi.

Dunque questa è la proposta educativa che comunque continuerà a legare - dal punto di vista formativo - i due canali, anche se politicamente il governo di entrambi sarà posizionato su soggetti diversi.

Indice


Assessore regionale Mariangela Bastico, Introduzione
Giulia Antonelli, Premessa
Giancarlo Sacchi, Le premesse politiche e pedagogiche
Giulia Antonelli, Le soluzioni industriali
Giuseppe Morsia, La personalizzazione dei percorsi. L'integrazione per la formazione iniziale
(Premessa; Il rapporto tra formazione e istruzione; Verso nuovi modelli di formazione; Alla ricerca di nuove metodologie; La personalizzazione dei percorsi; Progetto di vita e progetto personale; Itinerario formativo della personalizzazione; I momenti pedagogico didattici della personalizzazione; Conclusioni)
Lubiano Montaguti, L'integrazione nella formazione continua
(La sperimentazione di un modello integrato nella formazione continua; L'esperienza, il modello, il metodo; Note e riflessioni per lo sviluppo di un sistema di formazione continua; I paradigmi culturali, didattici, metodologici ed organizzativi della personalizzazione e/o individualizzazione)
La riorganizzazione dell'agenzia formativa in vista della personalizzazione
( Giulia Antonelli, Paola Armaroli, Il punto di vista della Regione; Giuseppe Morsia, Il punto di vista dell'Agenzia; Piero Tamburini, Il punto di vista della Scuola)
Sul modello pedagogico: opinioni a confronto
( Guido Sarchielli, Psicologia del lavoro, Università di Cesena; Lucio Guasti, Didattica generale, Università Cattolica di Piacenza; Carlo Nanni, Filosofia dell'educazione, Università Salesiana di Roma; Guglielmo Malizia, Sociologia dell'educazione, Università Salesiana di Roma; Enzo Morgagni, Sociologia dell'educazione, Università di Bologna)
Giulia Antonelli, Il Manifesto per l'Integrazione.