Le piccole e medie imprese dell'industria alimentare italiana

Caratteristiche strutturali e strategie competitive

Contributi
Luigi Pieracccioni, Danilo Longhi
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 240,   figg. 156,     1a edizione  1997   (Codice editore 380.116)

Le piccole e medie imprese dell'industria alimentare italiana. Caratteristiche strutturali e strategie competitive
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 36,00
Condizione: fuori catalogo
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788846402516

Presentazione del volume

Questa ricerca, che affronta il tema delle piccole-medie imprese alimentari in un contesto di mercato particolarmente turbolento, si compone di due parti: nella prima ci si sofferma sugli elementi di scenario, mentre la seconda riporta i risultati di un'indagine su strategie e competitività di un campione di aziende.

Dall'esame del contesto d'azione delle imprese emergono, quali elementi di maggiore spicco, la crisi dei consumi sul mercato interno, in parte compensata dal favorevole andamento delle esportazioni, una distribuzione sempre più protagonista e un'industria alimentare ancora molto frammentata.

In tali circostanze, le piccole e medie imprese mostrano flessibilità e capacità di adattamento, ma anche taluni elementi di debolezza strutturale che richiedono, per il loro superamento, una crescita non solo quantitativa; in particolare si riscontra la necessità di una maggiore attenzione per i mercati esteri, un rapporto più attivo con la distribuzione e una più spiccata propensione all'innovazione.

Peraltro, tra le condizioni necessarie per questa crescita risultano esservi la formazione del management e i servizi reali alle imprese, specie nel campo della documentazione e assistenza per l'esportazione.

Lo studio si indirizza ai ricercatori, policy makers ed a quanti si occupano di analisi settoriali e di politiche di sviluppo dell'agroindustria.

Indice

Parte prima - Lo scenario - Continua la riduzione dei consumi (I cambiamenti socio-economici; Verso nuovi stili alimentari; I consumi nel periodo 1971-1995) - L'espansione della distribuzione alimentare moderna (La struttura del mercato; Il processo di concentrazione; L'internazionalizzazione delle imprese; I discount; Le marche commerciali; La comunicazione) - L'industria alimentare tra crisi della domanda nazionale e crescita delle esportazioni (L'andamento congiunturale; I gruppi strategici; La concentrazione; Gli investimenti pubblicitari; Gli investimenti in ricerca e sviluppo; Il processo di internazionalizzazione) - La crescita del deficit del settore primario e la riduzione di quello dell'industria alimentare (Le tendenze del deficit; I cambiamenti nella struttura dei flussi commerciali; Gli scambi per comparti produttivi; Gli scambi per aree geografiche; Il contributo delle regioni agli scambi nazionali) - Parte seconda - Strategie e competitività delle piccole e medie imprese nell'industria alimentare italiana: risultati di un'analisi campionaria - L'organizzazione del comparto (Le imprese del campione; La localizzazione; Il fatturato; I lavoratori dipendenti; L'anno di costituzione; Le forme giuridiche e le tipologie d'impresa; Le aggregazioni di imprese; Le infrastrutture e i servizi alle imprese) - Le strategie di produzione e commercializzazione (Le strategie di produzione; Il posizionamento sul mercato; L'innovazione; "Make or buy"; Le aree di vendita) - La manodopera: domanda e formazione (La domanda di manodopera; La formazione; I suggerimenti degli imprenditori per una politica per l'occupazione) - Le prospettive (Il fatturato; I lavoratori dipendenti; L'innovazione; "Make or buy"; Le strategie di sviluppo; I rapporti con la distribuzione alimentare al dettaglio - La presenza sui mercati esteri).