Analisi strategico-organizzativa per lo sviluppo locale.

Il Development Migration Path

Contributi
Piero Mossi
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 200,      1a edizione  2006   (Codice editore 365.455)

Analisi strategico-organizzativa per lo sviluppo locale. Il Development Migration Path
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 23,50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846477071

Presentazione del volume

Lo sviluppo locale è da tempo al centro dell'attenzione di studiosi, operatori e policy maker. In questo ambito gli anni recenti hanno visto una proliferazione di approcci di analisi e di programmazione, che ha arricchito il panorama degli strumenti a disposizione, ma ne ha reso più complessa la gestione.
Questo volume intende fornire un contributo all'interpretazione delle dinamiche socio-economiche territoriali proponendo un modello innovativo, denominato Development Migration Path. L'obiettivo è la valorizzazione delle risorse e delle competenze territoriali in un contesto altamente dinamico di competizione e cooperazione tra territori, reti e imprese. Si tratta di un modello complementare, sia rispetto all'approccio macro-economico sia rispetto ad alcuni approcci aziendalistici di sola matrice competitive positioning, che trae ispirazione da alcuni fra i più interessanti contributi delle teorie strategico-organizzative emergenti. Tale metodologia è stata concretamente sperimentata in Provincia di Pavia, fornendo risultati incoraggianti che vengono illustrati negli ultimi tre capitoli del volume.

Antonella Zucchella è professore ordinario di Economia e Gestione delle imprese presso l'Università di Pavia, Facoltà di Economia e Direttore del Dipartimento di Ricerche Aziendali R. Argenziano. È autrice di numerose pubblicazioni in Italia e all'estero sui temi della strategia, del marketing territoriale, dell'applicazione di approcci aziendalistici allo sviluppo locale.
Stefano Denicolai è dottorando di Ricerca in Economia aziendale presso il Dipartimento di Ricerche Aziendali dell'Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito il master universitario in "Organizzazione aziendale e sistemi informativi" e svolge attività di ricerca sui temi connessi all'evoluzione dei distretti industriali e dei sistemi turistici locali. È autore di diverse pubblicazioni in Italia e all'estero su tematiche relative ai network d'imprese, alla gestione del cambiamento organizzativo, nonché allo sviluppo dei sistemi informativi aziendali.

Indice



Piero Mossi, Prefazione
Parte I. Approcci e strumenti
Un approccio innovativo all'analisi strategico-organizzativa del territorio: il "Development Migration Path"
(Oggetto e soggetti dello sviluppo locale: il sistema territoriale nell'era della sussidiarietà e delle programmazione negoziata; La cornice metodologica: un approccio economico-aziendale al problema; La prospettiva strategica basata sulle risorse applicata ai sistemi locali; La prospettiva organizzativa; Un ulteriore prospettiva strategico-organizzativa: le competenze dinamiche; Innovare per competere nei network territoriale: le competenze dinamiche di rete; La necessità di un approccio multi-dimensionale e multi-livello: territorio, rete organizzazione)
Posizionamento, processi e percorsi di sviluppo in un sistema locale
(Le risorse ed il posizionamento strategico-organizzativo; I processi manageriali e la dinamicità del sistema locale; La dipendenza dai "percorsi evolutivi locali")
Governance delle competenze territoriali e sviluppo dei percorsi di migrazione
Il DMP e l'individuazione delle competenze territoriali; Animazione e sviluppo territoriale mediante la stesura di un percorso di migrazione)
Parte II. Un'applicazione empirica - il caso "Oltrepo pavese"
Sviluppare l'imprenditorialità e l'innovazione nell'Oltrepo pavese
(La ricerca-azione: obiettivi, contesto e metodologia; La struttura e l'evoluzione dell'economia locale secondo l'approccio tradizionale; L'individuazione dei Cluster Prioritari d'Intervento)
Cultura e orientamenti strategico-organizzativi in Oltrepo pavese
(Il rapporto imprese-territorio; La strategia e la cultura imprenditoriale; I processi di innovazione e cambiamento; Le reti fra imprese ed il coordinamento interorganizzativo; I servizi ad alta intensità di conoscenza e l'apprendimento organizzativo; La redditività, l'andamento del fatturato e la correlazione rispetto ai caratteri d'impresa)
Un'applicazione del modello "Development Migration Path" in Oltrepo pavese
(Cluster territoriali e modelli d'impresa in Oltrepo; Risorse, processi e percorsi in Oltrepo pavese; Una visione integrata e dinamica del territorio: sintesi dell'applicazione modello DMP nel caso Oltrepo pavese)
Conclusioni
Bibliografia.