Infanzia, media e nuove tecnologie

Strumenti paure e certezze

Contributi
Tiziana Ferrario, Furio Honsell, Livia Turco
Collana
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 144,      1a edizione  2007   (Codice editore 1520.556)

Infanzia, media e nuove tecnologie. Strumenti paure e certezze
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 19,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846485083

Presentazione del volume

Incredibile, ma vero. Le trasmissioni preferite dai bimbi italiani di età compresa tra 8 e 11 anni sono Camera Cafè e Striscia la notizia. Trascorrono in media un'ora e 55 minuti a videogiocare. L'89% possiede il computer ed il 60% naviga su internet. Il 61% ha un cellulare, il 58% spedisce da 1 a 3 sms al giorno. Soltanto il 39% legge più di 10 libri in 12 mesi. E le femminucce hanno abbandonato Barbie per dedicarsi alla play station. Il 72% dichiara di possedere videogiochi.
Ecco come è cambiato nel nostro paese il rapporto tra infanzia, media e nuove tecnologie. In questo libro si possono scoprire pericoli e potenzialità grazie al lavoro di ricerca di Francesco Pira e Vincenzo Marrali. Il volume contiene, nella prima parte, una dettagliata indagine (svolta nell'ambito del corso di Comunicazione Sociale tenuto da Pira presso il Corso di Laurea in Relazioni Pubbliche dell'Università di Udine) condotta tra 1.212 scolari di quarta e quinta elementare in tutta Italia. Nella seconda parte invece viene proposto un approfondimento sugli aspetti pediatrici della questione richiamando gli studi compiuti in tutto il mondo ed esperienze sul campo.
Il libro si rivolge ai genitori, a tutti coloro che sono interessati a questi temi (insegnanti, operatori della comunicazione, assistenti sociali, istituzioni), agli studenti di medicina e pediatria e a quelli dei corsi in Relazioni Pubbliche, Scienze della Formazione e Scienze della Comunicazione. Il libro è anche l'occasione per un confronto generazionale fra i due autori sul modo di affrontare ed indagare il fenomeno.

Francesco Pira, è docente di Comunicazione Sociale e Pubblica e Relazioni Pubbliche presso l'Università degli Studi di Udine. Ha svolto ricerche nell'ambito della sociologia dei processi culturali e comunicativi. Giornalista, è Consigliere Nazionale dell'Associazione Italiana della Comunicazione Pubblica. Opinionista di quotidiani e riviste è autore di numerose pubblicazioni. Per la FrancoAngeli ha pubblicato Di fronte al cittadino (2000), La nuova comunicazione politica (2004) con L. Gaudiano e Come comunicare il sociale (2005). Sull'argomento ha già pubblicato con E. Kermol Bambini mai soli davanti alla tv (Trieste, 1999) e Videogiocando (Padova, 2001) ed un contributo per il volume Bambini Multimediali (a cura di M. D'Amato Firenze 2006). www.francescopira.it

Vincenzo Marrali, Primario Emerito di Pediatria, ha una lunga e prestigiosa carriera clinica costellata di riconoscimenti. Primario di Pediatria dell'Ospedale di Gela e dell'Ospedale di Licata, è stato Direttore Sanitario dell'Ospedale di Licata e Capo Settore medicina Ospedaliera A.S.L. n° 1 di Agrigento. È autore di ventiquattro tra pubblicazioni scientifiche e comunicazioni a congressi di Cardiologia pediatrica e Pediatria. È stato Sindaco "Verde" del Comune di Licata.

Indice



Tiziana Ferrario, Furio Honsell, Livia Turco, Presentazioni
Introduzione
Parte I.
Francesco Pira, I media dopo l'evoluzione tecnologica
(Televisione; Videogiochi; Computer; Telefonia cellulare; La nuova legislazione; I codici di autoregolamentazione, ma qualcuno li applica?)
Francesco Pira, I piccoli nell'universo dei media e delle nuove tecnologie, una ricerca per capire
(Il perché di una ricerca; Il questionario; Il campione; Le curiosità; Bambini e televisione, ma quale tv e dove?; Bambini e videogiochi, una generazione ??• •; Bambini e computer, la nuova sfida culturale; Bambini e telefonia, tra consumismo e comunicazione)
Parte II.
Vincenzo Marrali, Quale crescita per i bambini
(Finzione e realtà; Tempi di fruizione e incidenza dei disturbi; Effetti negativi delle nuove tecnologie e dei media; Effetti negativi possibili da spot pubblicitari; Effetti negativi sull'apprendimento; Effetti negativi sull'attività motoria; Nuove tecnologie, media e obesità; Effetti negativi sulla sessualità; Nuove tecnologie, media e induzione al consumo di alcol; Nuove tecnologie, media e induzione ala droga)
Vincenzo Marrali, Identikit dei bambini tecnologici
(Bambini a scuola di violenza?; Bullismo, media e nuove tecnologie; Nuove tecnologie, media e disarmonia familiare; Come muta la formazione del gruppo amicale; Quale Internet per i bambini?; Videogiochi ed effetti negativi sui bambini; Telefono cellulare e turbe psico-comportamentali: alterazione del rapporto finzione realtà; Effetti positivi delle tecnologie e dei media)
Parte III.
Francesco Pira, Dopo la ricerca le conclusioni
(Gli occhi dei bambini; Vincenzo Marrali, Interventi di prevenzione)
Appendice
Il questionario e le risposte del campione
(Generali; Televisione; Videogiochi; Computer; Telefono cellulare)
Bibliografia
Webbiliografia.