Mediterraneo

Città, culture, ambiente, governance, migranti

Autori e curatori
Contributi
Emanuele Sgroi, Fulvio Beato, Antonietta Mazzette, Osvaldo Pieroni, Alberto Ziparo, Teresa Cannarozzo, Enrico Ercole, Giampaolo Nuvolati, Camillo Tidore, Gennaro Avallone, Maria Airò Farulla, Vincenzo Guarrasi, Carlo Ruzza, El Arby En-Nachioui, Giancarlo Licata, Elisabetta Di Giovanni, Roberta Teresa Di Rosa, Gabriele Manella, Clara Cardella, Antonino Caleca, Mario Centorrino, Alessandra Dino, Giorgio Osti, Alfredo Alietti, Alfredo Agustoni, Sonia Paone
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 368,      1a edizione  2007   (Codice editore 1561.68)

Mediterraneo. Città, culture, ambiente, governance, migranti
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 28,50
Disponibilità: Limitata


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846483232

Presentazione del volume

Il Mediterraneo ha rappresentato e rappresenta uno dei luoghi cruciali nei processi economici e politici internazionali, caratterizzato dalle rilevanti tracce storiche e culturali e dai flussi commerciali e turistici. Il Mediterraneo è la culla delle civiltà, è qui che sono state poste le basi per l'integrazione tra popoli e culture, di cui il Mezzogiorno d'Italia è divenuto il simbolo. La stessa architettura delle città mediterranee porta i segni di tale interazione, con la creazione di spazi condivisi, dove il fuori viene introiettato dal dentro.
L'interesse per i processi di cambiamento delle città nasce dal fatto che queste oggi rappresentano il luogo più densamente abitato del pianeta, il centro di produzione dei consumi, della destinazione e della trasformazione delle risorse naturali, del degrado delle materie prime e del consumo di energia. Sono il luogo in cui progettare, sperimentare e attuare politiche in grado di riscrivere il rapporto tra modello di sviluppo e ambiente, tra consumi e stili di vita, tra libertà, diritti e sicurezza.
A partire da queste esigenze è nata una feconda riflessione dopo più di un decennio dall'avvio del Processo di Barcellona, che ha come obiettivo la realizzazione nel Mediterraneo dell'area di libero scambio più importante del mondo entro il 2010, e dall'approvazione della Carta di Aalborg per uno sviluppo durevole e sostenibile delle città, per analizzare le problematiche dello spazio urbano, i percorsi per la costruzione di un dialogo tra "culture" e i modelli di gestione sostenibile dell'ambiente delle città del Mediterraneo.

Aurelio Angelini è professore di Ambiente e Sviluppo sostenibile nell'Università IULM di Milano e di Sociologia dell'Ambiente ed Ecologia nell'Università di Palermo. È co-presidente del comitato scientifico dell'Unesco per l'educazione allo sviluppo sostenibile. Tra le sue ultime pubblicazioni segnaliamo: L'habitat naturale e storico della Sicilia (2003); Tra natura e storia. La rete ecologica e le risorse della Sicilia (2003); Ambiente Sicilia. I parchi le riserve (2004); Metropoli, sostenibilità e governo dell'ambiente (2004); La Società dell'ambiente (2004); Biciclette. La mobilità sostenibile in Europa (2005); Lo spazio ecologico urbano. Le riserve della città di Palermo (2006); Le scarpe di Sumba. Storie di Rifugiati (2006).

Indice



Aurelio Angelini, Presentazione
Emanuele Sgroi, Introduzione. Il Mediterraneo. Le città che si tengono per mano
Parte I. I luoghi e l'ambiente
Fulvio Beato, Il Mediterraneo e le città italiane di mare
Antonietta Mazzette, Città mediterranee tra mito e consumo
Osvaldo Pieroni, Alberto Ziparo,
Città tra Scilla e Cariddi: megalopoli dello Stretto o grande area di sostenibilità mediterranea?
Teresa Cannarozzo, Palermo-Barcellona: così simili, così distanti
Enrico Ercole, Le metropoli del Mediterraneo nello scenario della "glocalizzazione"
Giampaolo Nuvolati, Muoversi nel caos. La mobilità quotidiana nelle metropoli meridionali
Camillo Tidore, Scenari multiculturali nel centro storico tra effervescenze e criticità
Gennaro Avallone, Città caratterizzate dall'emergenza: note iniziali per uno studio delle realtà urbane nel Mediterraneo
Maria Airò Farulla, I vantaggi della riserva marina dell'isola di Ustica
Parte II. Culture, comunicazione e governance
Vincenzo Guarrasi, Ibridi Urbani. Città mediterranee alla ricerca di nuove identità
Carlo Ruzza, Governance multilivello e sviluppo sostenibile nelle politiche turistiche del Mediterraneo
El Arby En-Nachioui, Città di Fes: memorie, luoghi e arte tra modernità e tradizione
Giancarlo Licata, Il Mediterraneo nel Mediterraneo
Elisabetta Di Giovanni, Antropologia urbana e marketing territoriale
Roberta Teresa Di Rosa, Mediazione nelle città tra contenimento e innovazione
Gabriele Manella, Turismo e territorio in Emilia Romagna: la costa nord e la costa sud
Clara Cardella, L'Area Marina Protetta di Ustica tra consenso e conflitto
Parte III. Esclusione, sicurezza e spazio
Antonino Caleca, La sicurezza nelle metropoli
Mario Centorrino, Sviluppo e sicurezza nel contesto urbano
Alessandra Dino, Da stranieri e clandestini: tappe di un processo di esclusione
Giorgio Osti, Interferenze fra prossimità e reciprocità nella città diffusa
Alfredo Alietti, Alfredo Agustoni, Identità territoriali, società locale e convivenza interetnica. Uno studio su un quartiere di Milano
Sonia Paone, Le nuove frontiere della città panottica: i centri di permanenza temporanea per stranieri.