Paolo Zacchia

Alle origini della medicina legale 1584-1659

Autori e curatori
Contributi
Federico Barbierato, Marco Boari, Elena Brambilla, Francesco Carnevale, Osvaldo Cavallar, Silvia De Renzi, Maria Gigliola di Renzo Villata, Julius Kirshner, Andrea Marchisello, Maria Mendini, Cecilia Pedrazza Gorlero, Michel Porret, Enrico Spagnesi, Fabio Stock, Paolo Zacchia
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 352,      1a edizione  2008   (Codice editore 1501.104)

Paolo Zacchia. Alle origini della medicina legale 1584-1659
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 30,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856800234

In breve

La formazione della moderna medicina legale alla luce della figura di Paolo Zacchia (1584-1659), la cui opera ha esercitato larga influenza in Italia e in Europa nell’impostazione della dottrina giuridica e nell’esercizio delle pratiche medico-legali sin oltre la caduta dell’Antico Regime.

Utili Link

Nuncius Recensione (di Maria Conforti)… Vedi...
Società e Storia Recensione (di Annarita Franza)… Vedi...

Presentazione del volume

La formazione della moderna medicina legale viene ripercorsa in questo volume alla luce della figura di Paolo Zacchia (1584-1659). La sua opera ha esercitato una larga e capillare influenza in Italia e in Europa nell'impostazione della dottrina giuridica e nell'esercizio delle pratiche medico-legali sino alla caduta dell'Antico Regime, ed anche in seguito.
Tra le tematiche affrontate da Zacchia e riprese in questo libro incontriamo l'esame peritale delle ferite, il controllo delle patologie dei carcerati, le possessioni diaboliche, le tecniche di accertamento del veneficio, la qualificazione dell'ermafroditismo, il ruolo della tortura nella procedura giudiziaria. A questi nodi problematici si affiancano nuove evidenze documentarie sulla biografia di Zacchia, sulla ricezione nella sua opera dei testi della tradizione classica e sulla fortuna dei suoi scritti nella letteratura scientifica dell'Ottocento.
I diversi saggi del volume mostrano efficacemente le forme e le modalità, ora collaborative ora conflittuali, dell'intreccio disciplinare che si costruisce fra la medicina e il diritto. Vengono così proposti in queste pagine nuovi dati e nuove riflessioni sulla storia dei saperi medici, sulla elaborazione del diritto e la sua applicazione nelle aule giudiziarie e sulla storia sociale dei percorsi professionali dal Cinquecento all'Ottocento.

Alessandro Pastore è professore di Storia moderna nell'Università di Verona. Tra i suoi lavori più recenti la monografia Le regole dei corpi. Medicina e disciplina nell'Italia moderna (Bologna, il Mulino, 2006) e la cura, con J. Henderson e P. Horden, del volume The Impact of Hospitals, 300-2000 (Oxford - Bern, Peter Lang, 2007). Sulla relazione fra la medicina e il diritto ha inoltre pubblicato Il medico in tribunale. La perizia medica nella procedura penale di Antico Regime, secoli XVI-XVIII (Bellinzona, Casagrande, 1998).
Giovanni Rossi è professore di Storia del diritto medievale e moderno nell'Università di Verona. Tra i suoi lavori più recenti la monografia Incunaboli della modernità. Scienza giuridica e cultura umanistica in André Tiraqueau (1488-1558) (Torino, Giappichelli, 2007) e la cura dei volumi La tradizione politica aristotelica nel Rinascimento europeo: tra "familia" e "civitas" (Torino, Giappichelli, 2004); Bartolomeo Cipolla: un giurista veronese del Quattrocento tra cattedra, foro e luoghi del potere (Padova, Cedam, 2008).

Indice



Alessandro Pastore, Giovanni Rossi, Prefazione
Maria Gigliola di Renzo Villata, Paolo Zacchia, la medicina come sapere globale e la 'sfida' al diritto
Silvia De Renzi, Per una biografia di Paolo Zacchia: nuovi documenti e ipotesi di ricerca
Fabio Stock, Modelli e tradizione antica nella psicopatologia di Zacchia
Marco Boari, Prospettive di mediazione tra sapere medico e sapere giuridico nell'opera di Paolo Zacchia
Osvaldo Cavallar, Julius Kirshner, Lo sguardo medico-legale di Zacchia sugli ermafroditi
Elena Brambilla, Patologie miracolose e diaboliche nelle Quaestiones medico-legales di Paolo Zacchia
Giovanni Rossi, Aspetti medico-legali della tortura giudiziaria nelle Quaestiones di Paolo Zacchia
Cecilia Pedrazza Gorlero, La ferita incriminante: due consilia de vulneribus di Paolo Zacchia (1584-1659)
Andrea Marchisello, "Culpa habet sociam poenam". La responsabilità del medico nelle Quaestiones medico-legales di Paolo Zacchia
Alessandro Pastore, Casi di venefici tra Cinque e Seicento: teoria medico-legale e pratica penale
Federico Barbierato, Il medico e l'inquisitore. Note su medici e perizie mediche nel tribunale del Sant'Uffizio veneziano fra Sei e Settecento
Enrico Spagnesi, Agnello de Sarno e Orazio Greco, o dell'alleanza tra giudice e medico nella Napoli degl'Investiganti
Francesco Carnevale, Maria Mendini, Ambiente lavoro e lavoratori da Zacchia a Ramazzini: prime linee di ricerca
Michel Porret, Entre archaïsme et modernité: la figure de Paolo Zacchias dans la pensée médico-légale française dès 1750.