Le vie del realismo

Verità, linguaggio e conoscenza in Hilary Putnam

Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 224,      1a edizione  1993   (Codice editore 497.14)

Le vie del realismo. Verità, linguaggio e conoscenza in Hilary Putnam
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 29,50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820474546

Presentazione del volume

Gli ultimi decenni del nostro secolo hanno visto il frantumarsi dei «miti» filosofici tradizionali, il venir meno di nozioni quali «giustizia», «verità», «ragione», «oggetto», «fatto», «realtà», che - concepite come norme ed entità assolutamente oggettive avevano a lungo informato la visione della natura, della scienza e delle istituzioni. Difficilmente sottovalutabile è il contributo dell'epistemologia analitica alla revisione critica di tali concetti, e più ancora alla ricerca di una nuova chiave interpretativa atta a disegnare uno scenario di ricostruzione più adeguato all'impresa filosofica.

Esemplare in tal senso il progetto teorico di Hilary Putnam, uno dei maggiori filosofi contemporanei. La sua opposizione a ogni presunta guida assoluta e univoca della conoscenza razionale non si identifica infatti con la liquidazione della filosofia intesa come attività autonoma e dotata di uno specifico campo di indagine, ma è radicata nella salda convinzione che i concetti sopra menzionati abbiano un loro peculiare contenuto, le cui possibili descrizioni - lungi dal fare appello a una prospettiva unica e atemporale - sono calate nella storia e intrise di sensibilità, aspettative e valori profondamente umani. Tale convinzione è frutto di un graduale processo di maturazione che avviene sotto il segno del realismo, dell'idea cioè che il contenuto di quei concetti è indipendente dai particolari punti di vista epistemici, ed è quindi dotato della validità oggettiva necessaria a neutralizzare ogni minaccia relativistica.

Il presente volume offre un'analisi dei diversi aspetti del realismo di Putnam nel contesto del più recente dibattito epistemologico, ricostruendo con eleganza e rigore le applicazioni teoriche e metodologiche di un pensiero vivace e ricco di geniali intuizioni.

Massimo Dell'Utri ha conseguito il Dottorato di ricerca in filosofia presso l'università di Roma «La Sapienza». E' autore di diversi saggi di argomento epistemologico in riviste specializzate, tra cui Mind, Rivista di filosofia e Paradigmi

Indice

Introduzione
Parte prima
Il realismo metafisico
1 . Concezioni e tipi di realismo
2. Putnam realista non - epistemico
1. Una considerazione generale offerta da Putnam
2. Dietro al realismo di Putnam
2.1. L'indipendenza dalla mente
2.2. La verità come corrispondenza
2.2.1. Un tentativo di definizione «indiretta»
2.3. C'è un'Unica teoria vera?
2.3.1. L'Unica teoria vera e Godel
2.3.2. Le descrizioni equivalenti e il realismo metafisica «sofisticato»
2.3.3. La negazione dell'«assolutamente a priori»
2.3.4. Conseguenze della negazione dell'«assolutamente a priori»
2.3.5. La filosofia della matematica di Putnam
2.3.6. Ancora sulle descrizioni equivalenti
3 La teoria causale del significato
1. Il primato dell'estensione
2. Il beneficio del dubbio
Parte seconda
Il realismo interno
4. Le critiche contro il realismo metafisico
1. La relatività del mondo
2. L'insensatezza dell'ipotesi dei cervelli in una vasca
3. L'impossibilità della falsità della teoria ideale
4. La «skolemizzazione» assoluta
4.1. Il paradosso di Skolem-Lbwenheim
4.2. L'estensione della conclusione di Skolem
4.3. Una prima conseguenza dell'estensione
4.4. Una seconda conseguenza
4.5. Ancora sulla teoria ideale, e una considerazione
2. Via dal realismo metafisico
1. Un primo passo
1.1. La sfida di Dummett
1.2. La risposta di Putnam: verità e comprensione, due teorie separate
2. Lo scopo del realista
2.1. Il ruolo della verità
2.2. Il realismo dell'esperienza comune e quello scientifico
2.2.1. Il realismo del senso comune
2.2.2. Il realismo scientifico
2.2.3. Alcuni requisiti sulla verità
2.2.4. La fallacia idealistica
2.2.5. Ancora sul realismo del senso comune
3. Un secondo passo
3.1. Rifiuto della non epistemicità e della corrispondenza
3 . Putnam realista epistemico
1. Uno sguardo retrospettivo
2. La relatività concettuale
2.1. L'inseparabilità di «fatto» e «convenzione»
2.2. La nozione logica di «oggetto»
3 L'eredità di Carnap
4 Oggettività
4.1. Una nozione immanente e trascendente
4.2. «Un kantismo demitizzato»: il realismo di Pirandello
5 Una nozione sostanziale di verità
5.1. Devirgolettamento e tesi di equivalenza
5.2. Una nozione sostanziale di asserzione
5.2.1 La nozione comportamentistica di assunzione
5.2.2. La nozione «culturale» di asserzione
5.2.3. «L'impossibilità di eliminare il normativo»
5.3. La verità come accettabilità razionale idealizzata
Bibliografia
Indice dei nomi