Nucleare

Siamo bravi, furbi o folli?

Autori e curatori
Contributi
Pietro Maria Putti
Collana
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 272,      1a edizione  2012   (Codice editore 2000.1350)

Nucleare. Siamo bravi, furbi o folli?
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 30,50
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856846836
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 21,50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856874365
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Il sistema energetico italiano è un caso di vulnerabilità sistemica, di ricattabilità geopolitica, di anti-storicità, di distanza tra una classe politica distratta e poco studiosa e un’opinione pubblica delusa, di anomalie strutturali e di contraddizioni. Il volume offre una ricostruzione appassionata e una risposta a molti interrogativi su scelte controverse e aspramente dibattute.

Presentazione del volume

Il sistema energetico italiano è un caso di vulnerabilità sistemica, di ricattabilità geopolitica, di anti-storicità, di distanza tra una classe politica distratta e poco studiosa e un'opinione pubblica delusa, di anomalie strutturali e di contraddizioni.
Il sistema-Italia è un paziente malato. Sono stati iniettati palliativi soverchiati dal vuoto politico sull'energia che si protrae da quasi un quarto di secolo, da un ambientalismo che ha trasfuso panico e da un Paese affetto da gravi sindromi che ne impediscono la modernizzazione.
L'uscita scellerata dell'Italia dal nucleare ha generato disastri sistemici non riparabili nel medio periodo. Oggi sappiamo chi erano i propositori di una politica tendente ad abbassare la cultura di massa e a rendere i cittadini schiavi di inutili paure per avere consenso, chi ha manipolato i mezzi d'informazione zittendo la scienza e chi ha fatto degenerare la visione di un popolo che fino a pochi anni fa considerava il nucleare un vanto nazionale, un mezzo per rafforzare l'industria, uno strumento di qualificazione educativa e un sostegno all'occupazione e al progresso nazionali.

Davide Urso è laureato in Studi Strategici presso la L.U.I.S.S.-Guido Carli. È già autore di: Il multipolarismo imperfetto (2008), Il decalogo per il ritorno del nucleare in Italia (2010), Il nucleare nel XXI secolo (2010).

Indice



Pietro Maria Putti, Prefazione
Siamo bravi, furbi o folli?
In che mondo energetico viviamo?
Qual è lo stato dell'energia nucleare nel mondo?
L'energia nucleare produce solo elettricità?
L'energia nucleare e le fonti rinnovabili sono nemiche o amiche?
Quanto costa l'energia nucleare? Ci fa risparmiare?
L'energia nucleare fa bene all'ambiente?
L'energia nucleare è sicura e fa bene alla salute?
Le scorie nucleari sono davvero così tante e così pericolose?
Il combustibile nucleare sta davvero finendo?
È vero che le competenze industriali, pubbliche e professionali, nucleari italiane sono scarse?
A che livello siamo nella ricerca scientifica e nello sviluppo della tecnologia nucleare?
Qual è la diagnosi sui malanni dell'Italia sul nucleare?
Conclusioni.