Paesaggi marginali Romanes a Roma

Organizzazione sociale, modelli culturali, caratteri socio-demografici

Autori e curatori
Contributi
Achille Maria Ippolito, Laura Valeria Ferretti, Stefania Della Queva, Martina Arcangeli, Ludovica Ioppolo, Ludovica Rossotti, Francesco Giovanni Truglia, Valeria Bernabei, Loredana Ceccacci, Antonella Giacomini, Lucia Martinez, Silvia Lucciarini, Giulia Poscetti, Rossana Botti, Silvia Lattanzi, Lucia Mondani
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 240,   figg. 30,     1a edizione  2012   (Codice editore 1162.2.2)

Paesaggi marginali Romanes a Roma. Organizzazione sociale, modelli culturali, caratteri socio-demografici
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 31,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856847420

In breve

La ricerca offre un percorso di conoscenza di una parte del popolo romaní, rilevando le caratteristiche socio-demografiche, l’organizzazione sociale, i percorsi di mobilità territoriale che hanno condotto nella città di Roma reti di famiglie profughe dalle guerre nella ex-Jugoslavia e dalle condizioni di deprivazione sociale e culturale sopravvenute in Romania e nell’est europeo.

Presentazione del volume

Le popolazioni romanes, nella loro multiforme configurazione, rappresentano la minoranza transnazionale più numerosa dell'Europa, insediate in ogni nazione con comunità più o meno numerose. Pur presente in ogni società, il popolo romaní è rimasto appartato, poco conosciuto nei valori culturali che ha tenacemente conservato nel corso dei lunghi secoli seguiti alla diaspora dalle regioni del nord-ovest dell'India, spesso temuto, tenuto ai margini, perseguitato. Esso ha proiettato nelle società in cui si è insediato l'ombra di un popolo difforme, non assegnabile ad alcun territorio eppure diffuso ovunque, con una propria lingua, un' organizzazione sociale, valori comunitari conservati in un contesto di emarginazione e di ostilità diffusa.
La ricerca si è inoltrata, attraverso l'analisi secondaria di dati statistici, in un percorso di conoscenza di una parte di questo antico popolo, rilevando le caratteristiche socio-demografiche, l'organizzazione sociale, i percorsi di mobilità territoriale che hanno condotto nella città di Roma reti di famiglie profughe dalle guerre nella ex-Jugoslavia e dalle condizioni di deprivazione sociale e culturale sopravvenute in Romania e nell'est europeo. Ne è emersa l'immagine di un popolo giovane, la cui organizzazione sociale è basata sulla famiglia allargata, punto di riferimento della formazione dell'identità romaní, e che è giunto nella città di Roma dopo un graduale percorso di avvicinamento tracciato dai legami familiari e comunitari. La ricerca, inoltre, ha preso in considerazione, attraverso un percorso di analisi qualitativa, la realtà socio-culturale di alcuni "campi nomadi" presenti nella città, strutture transitorie, perlopiù lontane dal contesto urbano e segnate da degrado e isolamento relazionale, nel quadro di interventi emergenziali da parte delle pubbliche autorità estranei ad un progetto di dignitosa e civile inclusione. La rappresentazione dei rom come nomadi ha segnato il loro destino: la predisposizione dei "campi sosta" come unica possibilità di insediamento in attesa che essi decidano di riprendere il viaggio.

Roberta Cipollini , insegna presso il Dipartimento di Comunicazione e ricerca sociale dell'Università di Roma, Sapienza. Tra le sue pubblicazioni L'organizzazione del lavoro in edilizia (Angeli, 1979); Management e struttura organizzativa: il caso del Comune di Roma (Angeli, 1984, con altri autori); Contro il seme di Abramo. Indagine sull'antisemitismo a Roma (Angeli, 1984, con altro autore). Ha curato i volumi Stranieri. Percezione dello straniero e pregiudizio etnico (Angeli, 2002) e Stranieri nella metropoli , num. mon. di "Sociologia e ricerca sociale", n. 83, 2007.

Indice



Achille Maria Ippolito, Presentazione
Laura Valeria Ferretti, Premessa
Roberta Cipollini, Senza (un) quartiere
(Lo straniero anomalo; Romanes e Roma. La ricerca)
Stefania Della Queva, Le caratteristiche socio-demografiche
(I censimenti della popolazione romaní a Roma; Le caratteristiche socio-demografiche)
Martina Arcangeli, Organizzazione familiare
(Cultura romanes e ruolo della famiglia; L'organizzazione familiare)
Ludovica Ioppolo, Ludovica Rossotti, Mappe della provenienza e tipo di insediamento
(Insediamenti e città; Analisi spaziale)
Roberta Cipollini, Romanes in Europa
(Un popolo "invisibile"; Europa Romaní)
Francesco Giovanni Truglia, Patrin 1 - Le radici e le ali. Luoghi di provenienza e dinamiche spaziali
(Introduzione; Organizzazione dei dati e analisi eplorative; Analisi spaziale; Conclusioni)
Valeria Bernabei, Loredana Ceccacci, Patrin 2 - La mobilità territoriale: Bosnia, Croazia, Serbia
(I rom dai paesi della ex-Jugoslavia all'Italia; Rom dalla Bosnia-Erzegovina; Rom dalla Croazia; Rom dalla Serbia)
Antonella Giacomini, Patrin 3 - La mobilità territoriale: Romania
(Introduzione; La mobilità territoriale dalla Romania)
Lucia Martinez, Patrin 4 - La mobilità territoriale: il contesto italiano
(Luoghi di nascita; Il flusso delle generazioni)
Silvia Lucciarini, Politiche abitative per rom e sinti: una prospettiva europea comparata
(Housing e azione pubblica in Europa; Modelli di housing: Italia, Francia e Inghilterra)
Giulia Poscetti, Immigrazione e cittadinanza in Italia
Casi di studio
Roberta Cipollini, Modalità di insediamento, memoria residenziale e aspettative di vita
Martina Arcangeli, Insediamento Casilino 900
(Storia e organizzazione sociale; Organizzazione familiare e residenziale)
Rossana Botti, Insediamento Salone
(Storia e organizzazione sociale; Organizzazione familiare e residenziale)
Giulia Poscetti, Insediamento Foro Italico
(Storia e organizzazione sociale; Organizzazione familiare e residenziale)
Giulia Poscetti, Insediamento vicolo Savini
(Storia e organizzazione sociale; Organizzazione familiare e residenziale)
Antonella Giacomini, Insediamento Monte Mario
(Storia e organizzazione sociale; Organizzazione familiare e residenziale)
Martina Arcangeli, Insediamento Gordiani
(Storia e organizzazione sociale; Organizzazione familiare e residenziale)
Silvia Lattanzi, Gli invisibili: gli insediamenti spontanei
(Insediamenti spontanei e non autorizzati a Roma; Alcune questioni metodologiche; Aree problematiche, indicatori e strumenti; Gli insediamenti spontanei: caratteristiche e tendenze comuni; Conclusioni)
Lucia Mondani, Abusivismo come modo di vita. Nota sociologica
Bibliografia
Sitografia.