Dell'obbedienza.

Forme e pratiche del soggetto

Autori e curatori
Contributi
Jean-François Bayart, Alice Bellagamba, Béatrice Hibou, Luciano Li Causi, Antonio Prete, Marcello Tari, Fabio Viti
Argomenti
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 224,      1a edizione  2012   (Codice editore 871.26)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Dell'obbedienza. Forme e pratiche del soggetto
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 27,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856847918
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 20,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856857146
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Alcuni antropologi, un’economista, uno studioso di letteratura e uno scienziato politico offrono il proprio punto di vista sul tema dell’obbedienza e dell’assoggettamento. I loro contributi, tutti basati su ricerche di terreno e d’archivio di lungo periodo, mettono in luce i dispositivi economici, antropologici, culturali, linguistici e politici che determinano la costituzione del soggetto in diversi contesti storici e sociali.

Presentazione del volume

In questo volume alcuni antropologi, un'economista, uno studioso di letteratura e uno scienziato politico intervengono sul tema dell'obbedienza. I loro contributi, basati su ricerche di terreno e d'archivio, mettono in luce e dissezionano i dispositivi economici, antropologici, linguistici e politici che determinano i rapporti di dominazione e la costituzione in "soggetti" degli attori sociali.
Dalla "politica della frusta" in Africa subsahariana (J. F. Bayart) all'etnicizzazione dei rapporti politici nella Grecia degli anni Venti (L. Li Causi); dalla "economia politica delle repressione" del regime di Ben Ali in Tunisia (B. Hibou) alla forme di dipendenza personale che segnano l'apprendistato al lavoro (F. Viti) ed i rapporti tra ex-padroni ed ex-schiavi in Africa occidentale (A. Bellagamba); dall'assoggettamento iscritto nella cittadinanza biopolitica (M. Tarì) alle strategie di resistenza e di secessione che la letteratura sembra suggerirci (A. Prete): la pluralità delle prospettive e la diversità dei campi d'indagine presenti nel libro testimonia la possibilità di praticare un'interdisciplinarità che non tende ad omogeneizzare i punti di vista, ma ne fa invece risaltare differenze e specificità, creando occasioni per formulare altre domande e nuove problematizzazioni.

Armando Cutolo insegna Antropologia Culturale ed Etnologia all'Università di Siena. Le sue ricerche etnografiche si sono svolte presso le società akan della Costa d'Avorio centro-orientale (Anno-Mango), focalizzando i sistemi di parentela, la guerra e le forme della sovranità, le relazioni di dipendenza personale, le relazioni di genere. Da alcuni anni è impegnato in una ricerca sul conflitto in Costa d'Avorio, dedicandosi in particolare ad un'inchiesta sui giovani militanti ultranazionalisti del "movimento patriottico" ( jeunes patriotes ), sui loro "parlamenti di strada" e sui loro percorsi di soggettivazione politica.

Indice



Armando Cutolo, Introduzione. Obbedienza, dipendenza e assoggettamento
Antonio Prete, Scrittura, obbedienza, rivolta. Passaggi
Marcello Tarì, La cittadinanza biopolitica o dell'obbedienza ai tempi dell'Impero
Jean-François Bayart, Egemonia e coercizione in Africa subsahariana. La "politica della chicotte"
Fabio Viti, Obbedienza, lavoro e apprendistato
Béatrice Hibou, La forza dell'obbedienza. Quadrillage e indebitamento nella Tunisia di Ben Ali
Luciano Li Causi, Etnicità tra società politica e società civile: incontro e conflitto tra mikrasiátes e greci in terra di Tessaglia
Alice Bellagamba, Discendenti di schiavi, discendenti di proprietari. Discorsi d'obbedienza e percorsi d'emancipazione in una regione dell'Africa occidentale
Gli Autori.





Pubblicità