Catastrofismo e terremoti

Autori e curatori
Contributi
Rita Cellerino
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 128,      1a edizione  2012   (Codice editore 364.185)

Catastrofismo e terremoti
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 18,00
Disponibilità: Buona




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820407643
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 12,50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856857122
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Partendo dall’analisi dei messaggi di previsione di catastrofe diffusi dai catastrofisti, il volume esamina alcuni dei più importanti capisaldi del pensiero catastrofista, e si focalizza poi sull’analisi della gestione di alcuni importanti terremoti del passato, sin dal terremoto di Lisbona del 1755, che ha aperto la via alla sismologia e alla conoscenza delle misure utili ad affrontare questo tipo di catastrofe minimizzandone l’impatto.

Presentazione del volume

In questo lavoro si analizzano i messaggi di previsione di catastrofe diffusi dai catastrofisti in rapporto a quelle che avvengono realmente. In particolare sono stati esaminati alcuni dei più importanti capisaldi del pensiero catastrofista, dall'Apocalisse al malthusianesimo, dal Club di Roma agli allarmi sul riscaldamento globale. Si è, quindi, proceduto alla descrizione delle componenti fondamentali della domanda e dell'offerta di catastrofismo e delle modalità attraverso cui si diffondono nell'opinione pubblica gli allarmi catastrofisti.
Il lavoro è proseguito analizzando la gestione di alcuni importanti terremoti avvenuti nel passato. Il terremoto, infatti, essendo imprevedibile e istantaneo, costituisce il paradigma perfetto della catastrofe e nelle sue modalità adombra l'avverarsi della fine del mondo. L'analisi svolta in questa sede si è focalizzata sulla gestione della calamità e, soprattutto, della ricostruzione (o mancata ricostruzione) nel post-calamità partendo dal terremoto di Lisbona del 1755. Dopo questo terremoto, infatti, Lisbona, totalmente ricostruita, è diventata una città moderna e il dibattito scientifico ha aperto la via alla sismologia e alla conoscenza delle misure utili ad affrontare questo tipo di catastrofe minimizzandone l'impatto.

Emilio Gerelli , professore emerito nell'Università di Pavia ed accademico dei Lincei, è stato direttore per l'ambiente all'OCSE a Parigi negli anni settanta e sottosegretario tecnico al Ministero per l'Ambiente nel periodo 1995-96. Tra i suoi scritti si segnalano: Economia e tutela dell'ambiente (1974), Économie et politique de l'Environnement (1977, con J.Ph. Barde), Società post-industriale e ambiente (1995) e Le felicità. Economia della felicità e (soprattutto) dintorni (2007).
Rita Cellerino è professore ordinario di Politica economica nell'Università del Molise. Tra i suoi lavori: Oltre la tassazione ambientale. Nuovi strumenti per il controllo dell'inquinamento (1993), Venezia Atlantide. L'impatto economico delle acque alte (1998) e L'Italia delle alluvioni. Un'analisi economica (2004).

Indice



Introduzione
I catastrofisti
(Le profezie di catastrofe; L'attrazione per il Sublime; I pessimisti; Malthus: reprimere la procreazione dei poveri; I limiti allo sviluppo; Entropia e "fine del mondo"; IPCC e riscaldamento globale)
Il catastrofismo
(Diffusione delle notizie e "massa virtuale"; L'offerta di catastrofismo; La domanda di catastrofismo; Il prezzo delle notizie catastrofiche; Il contagio sociale)
I terremoti
(Lisbona - 1755; Messina - 1908; Friuli - 1976; Altri terremoti in Italia; Sopravvivere al terremoto; L'importanza della ricostruzione urbana; Leadership e gestione della ricostruzione)
Terremoti e storia del pensiero
(Un mondo superstizioso; Dio e il male prima del sisma di Lisbona; Il dibattito su Dio tra Rousseau e Voltaire; L'approccio scientifico)
Conclusioni.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi