Ecocities

Il progetto urbano tra morfologia e sostenibilità

Autori e curatori
Contributi
Ivor Samuels, Agnese Ghini, Barbara Gherri
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 304,      1a edizione  2012   (Codice editore 1126.38)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Ecocities. Il progetto urbano tra morfologia e sostenibilità
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 32,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820414771

In breve

Il progetto urbano tra morfologia e sostenibilità è il tema portante di questo volume, dove la morfologia è lo strumento di connessione tra le tecnologie sostenibili e le istanze culturali, sociali, civili e formali della città. Un “ritorno al futuro” lontano dai fantasmi ideologici passati e dove i processi naturali e quelli antropici possono ritrovare un rinnovato equilibrio.

Utili Link

L'Industria delle Costruzioni Recensione (di Gaia Pettina)… Vedi...

Presentazione del volume

Dopo più di un secolo di "amnesia", in cui si è creduto nel dominio dell'uomo sul mondo naturale e nella separazione assoluta tra i processi naturali e quelli antropici, ci troviamo agli inizi di una nuova Weltanschauung che pone, ancora una volta, il tema del rapporto armonico tra uomo e natura al centro dei propri interessi.
Una visione che crede nella necessaria "sostenibilità" culturale, economica, sociale e ambientale del "fare" dell'uomo sulla terra quale presupposto per una nuova società globalizzata.
Quello della sostenibilità è, infatti, un tema complesso che coinvolge per intero la nostra società, le nostre città, il nostro territorio. Un tema che porta a ripensare i modi e gli spazi della vita quotidiana, a definire nuove forme di aggregazione sociale e nuovi assetti lavorativi. La città sostenibile non è, dunque, una "macchina insediativa a zero emissioni" ma, innanzitutto, espressione di complessi e stratificati "tessuti" sociali, economici, culturali e civili. Saper leggere questi tessuti, saperne comprendere le logiche che ne hanno veicolato la storia e l'identità nel tempo, significa fondare consapevolmente il progetto sostenibile della città.
Il progetto urbano tra morfologia e sostenibilità è, così, il tema portante di questo lavoro, dove la morfologia è il punto di connessione tra le tecnologie sostenibili e le istanze culturali, sociali, civili e formali della città. È il filo conduttore attraverso cui sono lette alcune delle principali esperienze urbane sostenibili di questi ultimi anni e lo strumento per valutare quelle future, alla ricerca di una metodologia su cui fondare il progetto della città del XXI secolo. Una metodologia che presuppone, quindi, una nuova cultura urbana capace di accogliere le logiche e le esperienze di millenni di storia urbana all'interno della nostra contemporaneità. Un "ritorno al futuro" ma lontano dai fantasmi ideologici del passato e dove i processi naturali e quelli antropici possano ritrovare un rinnovato equilibrio.

Marco Maretto , PhD in Progettazione architettonica presso l'Università di Genova, è ricercatore presso la Facoltà di Architettura di Parma, dove insegna Progettazione architettonica e urbana. Membro dell' International Seminar on Urban Form , concentra la sua ricerca sui temi della morfologia, del paesaggio e del progetto urbano. Particolare attenzione è rivolta alle "città d'acqua" e al progetto sostenibile della città. Redattore della rivista L'industria delle costruzioni e della rivista AION , scientific referee per la rivista inglese Urban Morphology e per il Journal of Urbanism , ha pubblicato diversi saggi e monografie, recensiti a livello internazionale, tra cui: Saverio Muratori. Il progetto della città/A Legacy in Urban Design, Il paesaggio delle differenze, Water Landscapes and Urban Design, Urban morphology as a basis for Urban Design .

Indice



Ivor Samuels, Presentazione
Introduzione
Parte I. Il progetto urbano tra morfologia e sostenibilità
After Amnesia
Morfologia, comunità e progetto urbano
Il progetto urbano tra morfologia e sostenibilità. Bilanci e prospettive 41
Parte II. Ecocities ed ecoquartieri (1991-2012)
BedZED (Londra)
Eco Viikki (Helsinki)
Vauban (Friburgo)
BO01 (Malmö)
Scharnhauser Park (Stoccarda)
Kronsberg (Hannover)
GWL (Amsterdam)
Rieselfeld (Friburgo)
Hafen city (Amburgo)
Hammarby Sjöstad (Stoccolma)
Masdar City (Abu Dhabi)
Parte III. London 2012
Un modello per le trasformazioni urbane del XXI secolo?
The Great Leap Eastwards
Il Queen Elisabeth Olympic Park
Parte IV. La riqualificazione sostenibile della città esistente
Agnese Ghini, Il patrimonio edilizio e la questione ambientale. Dalla sostenibilità alla decrescita
Agnese Ghini, Le strategie per la riqualificazione ambientale sostenibile
Barbara Gherri, Il comfort outdoor per gli spazi urbani
Conclusione
Bibliografia
Crediti.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi