La ricerca-azione

Una prospettiva deweyana

Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 192,   2a ristampa 2017,    1a edizione  2013   (Codice editore 1108.1.15)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

La ricerca-azione. Una prospettiva deweyana
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 25,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820430412

In breve

Rivolto a quanti si occupano di problemi educativi, e nello specifico a insegnanti e studenti che aspirano a diventarlo, il volume propone la tesi secondo cui è possibile ridefinire la ricerca-azione in chiave deweyana e sorreggerla con una base teorica e critica alternativa alla prospettiva conversazionale-ermeneutica, valorizzando la sua natura d’indagine conoscitiva e pragmatica.

Utili Link

Rivista Abruzzese Recensione (di Nicola De Sanctis)… Vedi...

Presentazione del volume


Il volume affronta il tema della ricerca-azione e del suo utilizzo in campo educativo con l'intento di giustificare e legittimare, da un punto di vista epistemologico, le sue peculiari caratteristiche d'indagine, volta alla trasformazione di situazioni problematiche, che avviene in uno specifico contesto e in cui il soggetto che agisce è anche ricercatore. Tale tipicità di ricerca generativa più che adattiva ne ha promosso un'ampia diffusione ed un copioso apprezzamento, ma la sua versatilità ne ha a volte minato l'identità indebolendone l'attendibilità e il riconoscimento scientifico. La trattazione ha lo scopo di evitare che la generalità del suo impiego possa venire confusa con una sua genericità metodologica offrendole un'intelaiatura speculativa che la avvalori come ricerca basilare in pedagogia, qualificandosi come ponte fra ricerca teorica e ricerca empirica.
Il testo, che si rivolge a quanti si occupano di problemi educativi e nello specifico agli insegnanti e agli studenti che aspirano e diventarlo, propone la tesi secondo cui è possibile ridefinire la ricerca-azione in chiave deweyana e sorreggerla con una base teorica e critica alternativa alla prospettiva conversazionale-ermeneutica, valorizzando la sua natura d'indagine conoscitiva e pragmatica, i cui esiti se pur non generalizzabili possono comunque essere resi trasferibili. L'obiettivo è quello di com-prendere la ricerca-azione con chiarezza concettuale dentro una cornice che non abbia l'ambizione di circoscriverla limitandola ma, al contrario, possa consolidarne ed ampliarne il suo potere euristico, evitandole di cadere nella deriva del relativismo conoscitivo.
L'argomentazione è divisa in due parti. Nella prima viene presa in esame la teoria dell'indagine di Dewey, nella seconda viene motivato il ricorso alla logica deweyana, intesa come ossatura strutturale e strutturante della ricerca-azione, fornendo alcune consequenziali indicazioni metodologiche.

Giovanna Marani, dottore di ricerca in pedagogia, è dirigente scolastica e docente a contratto di Logica presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università "Carlo Bo" di Urbino. È autrice di diversi articoli e saggi in volume inerenti tematiche didattiche.

Indice



Introduzione
Parte I. La teoria dell'indagine deweyana
Logica e indagine
(La logica nell'accezione deweyana; I caratteri distintivi della logica; Il modello dell'indagine; L'indagine scientifica e il senso comune)
La struttura dell'indagine
(Il concetto di situazione tra contesto e unicità; I mezzi materiali e procedurali con cui l'indagine evolve; Il giudizio)
L'indagine nel suo procedere dinamico e sperimentale
(Sulle due forme inferenziali: illazione e ragionamento; Osservazione e ideazione; Induzione e deduzione nell'indagine)
Parte II. La logica deweyana come impalcatura epistemologica e metodologica della ricerca-azione
La ricerca come inter-azione tra cognizione e trasformazione
(L'azione come oggetto della ricerca; L'intenzionalità del cambiamento; Cambiamento e comprensione; Il pensiero che trasforma e si trasforma nell'azione)
Il carattere processuale e strumentale del pensiero nella ricerca
("Fare" ricerca ed "essere" in ricerca; Dalla conoscenza contemplativa a quella operativa; La mediazione del pensiero riflessivo nella conoscenza; La "verità" della ricerca come "asseribilità giustificata"; L'aspetto sociale e partecipativo della ricerca; La reciprocità di soggetto-oggetto nella ricerca)
Il rapporto tra teoria e pratica nella ricerca
(Dalla contrapposizione all'interazione; Natura e ruolo della teoria; La congiunzione di teoria e prassi nella priorità logica delle operazioni; Dalla ragione esecutiva all'intelligenza creativa)
Le prospettive della ricerca-azione
(Alcune riflessioni metodologiche; La generalizzazione come processo analogico)
Bibliografia.