Il consumo socialmente integrato di sostanze illegali

Danni, precauzioni, regole e mercato

Autori e curatori
Contributi
Francesca Emiliani
Livello
Studi, ricerche. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 128,      1a edizione  2014   (Codice editore 1341.2.70)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Il consumo socialmente integrato di sostanze illegali. Danni, precauzioni, regole e mercato
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 16,50
Disponibilità: Limitata


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891705303

In breve

Il volume affronta il tema del consumo socialmente integrato di sostanze illegali a partire da tre direttrici: il processo di normalizzazione della cannabis, il consumo controllato di cocaina e di eroina, il funzionamento del mercato. Vengono inoltre riportati i risultati di una ricerca su un campione di poliassuntori che non si sono mai rivolti ai servizi.

Presentazione del volume

Oggi le sostanze illegali si trovano dappertutto, e migliaia di persone le utilizzano all'interno di un mercato che, con le sue variazioni di prezzi e di prodotti, determina mode, stili e consumi. L'uso è trasversale a differenze culturali, economiche, di genere e generazionali e le diverse traiettorie di consumo non stravolgono i ritmi delle attività quotidiane.
La logica della merce e l'emergere della figura del consumatore socialmente integrato, rendono inefficaci i tradizionali approcci sottoculturali ed impongono la ridefinizione di alcune categorie interpretative sviluppate alla fine del secolo scorso. Dentro questo mercato, che non garantisce la qualità dei prodotti, adottando il punto di vista del consumatore, vanno indagati i momenti dell'acquisto e del consumo, da cui derivare regole per un uso sicuro.
Il volume affronta il tema del consumo socialmente integrato di sostanze illegali a partire da tre direttrici: il processo di normalizzazione della cannabis, il consumo controllato di cocaina e di eroina, il funzionamento del mercato. Vengono inoltre riportati i risultati di una ricerca su un campione di poliassuntori che non si sono mai rivolti ai servizi. Dalle narrazioni degli intervistati emergono tre letture parallele: la continua rinegoziazione dello status di consumatore, un uso associato a particolari disturbi psichici, la ricerca di regole per ridurre il danno.

Raimondo Maria Pavarin è sociologo sanitario, epidemiologo, esperto in epidemiologia delle dipendenze. Dirige l'Osservatorio Epidemiologico metropolitano dipendenze patologiche dell'Azienda Usl di Bologna ed è docente a contratto di Paradigmi delle Dipendenze, scuola di Psicologia e Scienze della formazione, Università di Bologna. Ha coordinato vari studi e ricerche e pubblicato numerosi articoli scientifici su riviste nazionali e internazionali. Tra le sue ultime pubblicazioni, per i nostri tipi, si ricordano: Sostanze legali e illegali: motivi e significati del consumo, 2008; (a cura di) Cannabis e problemi sanitari, 2009.

Indice



Francesca Emiliani, Prefazione
Introduzione: il consumo socialmente integrato
La sottocultura della marijuana e il processo di normalizzazione
(Tra stigma e normalizzazione; Una cultura stabile in un mondo che cambia; La medicalizzazione della rivolta)
Il consumo controllato
(L'uso di sostanze come rituale sociale; Il consumo controllato e occasionale di eroina; L'uso di cocaina nelle culture non devianti; Il consumo socialmente integrato tra devianza e marginalità)
Droga, merce e mercato
(Come funziona il Mercato; Gli effetti della crisi economica)
Uno studio su cento consumatori abituali che non si sono mai rivolti ai servizi per le dipendenze
(Metodi utilizzati; Gli intervistati; Danni, precauzioni e comportamenti; Fenomenologia dell'acquisto; Fenomenologia del consumo; Problemi indiretti, conseguenze e precauzioni; La verifica della qualità; Limitare i danni)
Conclusioni: le regole del consumo
Bibliografia di riferimento.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi