L'assunzione delle decisioni direzionali (Management Decision Making)

Autori e curatori
Livello
Dati
pp. 248,   figg. 17,     2a edizione  1998   (Codice editore 561.38)

L'assunzione delle decisioni direzionali (Management Decision Making)
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 36,50
Condizione: fuori catalogo
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788820425111

In breve

Come imparare a gestire il proprio tempo controllando stress e tensione: un volume da usare, ricco di consigli ed esempi, per esercitare la propria abilità decisionale.

Presentazione del volume

Assumere decisioni è l'essenza della funzione manageriale.

Questo libro, fortemente innovativo, è stato scritto per chi vuole migliorare la qualità della propria performance in quest'area vitale. Identifica i tre tipi di attività mentale richiesti - assunzione di decisioni, soluzione di problemi e pensiero creativo - e i principi che le sottendono. Esamina il ruolo non solo di processi la cui importanza è di norma riconosciuta, come l'analisi e la sintesi, ma anche di concetti spesso sottovalutati come l'innovazione, il pensiero olistico e l'intuizione.

Un'attenzione particolare è data alle "profondità mentali", un aspetto del pensiero relativamente trascurato nella letteratura manageriale.

Scritto in forma brillante, il volume è arricchito da esempi e analogie riprese dai diversi aspetti della vita quotidiana, oltre che da continui riferimenti alle esperienze di manager di successo e di dirigenti di grandi imprese. Ne risulta un libro da usare, piuttosto che semplicemente da leggere, completato da esercizi e attività da svolgere per verificare la propria padronanza delle tecniche e dei meriti suggeriti. Il capitolo conclusivo propone una serie di accorgimenti per mantenere e sviluppare la propria abilità mentale.

Il risultato è una guida veramente pratica a pensare in modo efficace e penetrante, quale richiesto in un mondo che offre ampie possibilità a chi sa cogliere le nuove occasioni.

J. Adair, visiting professor in leadership studies all'Università del Surrey, non è solo un "teorico". Ha servito nella Legione Araba, ha partecipato a una spedizione artica e ha lavorato in un ospedale. Per 9 anni ha fatto parte di uno staff della Royal Military Academy inglese di Sandhurst, tenendo corsi di storia militare e occupandosi d'addestramento alla leadership. Durante questo periodo ha guidato parecchie spedizioni, tra cui una traversata in cammello del deserto giordano. Vice-direttore della Industrial Society, è autore di numerosi volumi di successo, tra cui Action-centred Leadership; Effective Leadership; Management and Morality; The Problems and Opportunities of Social Capitalism; The Skills of Leadership; Training for Communication; Training for Decisions; Training for Leadership.

Indice

* Il contesto dell'azione direzionale
* Il manager razionale
* Il piano in 5 punti
* Come i dirigenti impiegano il tempo
* Conoscere la propria mente
* La potenza del cervello
* Tre categorie di capacità
* Come controllare le emozioni
* Il pensiero analitico
* Il pensiero analitico applicato al management
* I metodi analitici logici
* Ragionare a ritroso
* Organizzare i fatti
* La logica della situazione
* Il pensiero olistico
* Alcuni approcci olistici
* Il pensiero olistico applicato al problem solving
* Pensare ai concetti
* Il pensiero concettuale e il processo decisionale
* Il pensiero immaginativo
* E' possibile sviluppare l'immigrazione?
* La valutazione
* L'autonomia della valutazione
* La consultazione degli specialisti
* Il sesto senso: l'intuizione
* Le emozioni e le intuizioni
* Il fiuto per gli affari
* Le profondità mentali
* Alcune linee guida
* Le opzioni
* La selezione delle opzioni possibili
* La lista di controllo delle opzioni
* Alcuni fattori che influiscono sulle scelte dei dirigenti
* L'argomentazione
* Come farne un cattivo uso
* L'originalità utile
* Le banche di idee
* Possibili azioni della direzione per stimolare l'innovazione
* Come sviluppare le vostre capacità intellettuali?
* Che cosa qualifica un pensatore efficace?
* Il caso del merchant banker
* Come evitare la mancanza di stimoli