La Buona Scuola

Sguardi critici dal Documento alla Legge

Livello
Saggi, scenari, interventi. Testi per insegnanti, operatori sociali e sanitari
Dati
pp. 108,   1a ristampa 2017,    1a edizione  2015   (Codice editore 1420.1.165)

La Buona Scuola. Sguardi critici dal Documento alla Legge
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 14,00
Disponibilità: Buona





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 9,49
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 9,49
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve

Il volume intende fornire un contributo al confronto culturale sull’idea di scuola, assumendo un’angolazione interpretativa di tipo critico sulla Buona Scuola. Vengono analizzati sia il Documento iniziale, sia la Legge 107/2015, e viene esaminato il passaggio dal primo alla seconda, per concludere con un’interpretazione critica delle concezioni pedagogiche intrinseche alla Buona Scuola.

Utili Link

il Manifesto Gli educatori del capitale umano (di Paolo Ercolani)… Vedi...

Presentazione del volume

Il documento sulla Buona Scuola e la Legge 107/2015 hanno sollevato un vivace dibattito nel Paese, principalmente tra gli addetti ai lavori, ma anche nella società civile.
La rinnovata attenzione al problema della formazione scolastica è fenomeno indubbiamente positivo; tuttavia, le posizioni della Buona Scuola (documento più legge) sono discutibili, e si prestano a varie critiche.
Questo libro vuole fornire un contributo al confronto culturale sull’idea di scuola, assumendo un’angolazione interpretativa di tipo critico sulla Buona Scuola. Una critica che intende sempre essere argomentata e costruttiva, finalizzata a proporre soluzioni più adeguate e avanzate per il nostro sistema scolastico.
A questo scopo, vengono analizzati sia il Documento iniziale, sia la Legge 107/2015, e viene esaminato il passaggio dal primo alla seconda, per concludere con un’interpretazione critica delle concezioni pedagogiche intrinseche alla Buona Scuola.

Massimo Baldacci è professore ordinario di Pedagogia generale dell’Università Carlo Bo di Urbino.
Beniamino Brocca, già sottosegretario all’Istruzione, è pedagogista e politico.
Franco Frabboni è professore emerito di Pedagogia generale dell’Università di Bologna.
Arduino Salatin è preside dello IUSVE di Mestre (Istituto Universitario Salesiano Venezia) e membro del Consiglio di amministrazione dell'INVALSI.

Indice

Introduzione. Riflessioni critiche sulla Buona Scuola
Massimo Baldacci, I punti critici del documento La Buona Scuola
(Premessa; Dall’idea di scuola alla Buona Scuola; Tre punti critici della Buona Scuola; Conclusioni)
Beniamino Brocca, Per una scuola di pensiero: i punti critici della legge
(Le criticità cruciali; I nodi intricati; Le conclusioni provvisorie)
Arduino Salatin, La Buona Scuola: una riforma senza una vera idea di scuola?
(Dalle linee guida sulla Buona Scuola alla legge n. 107/2015: alcuni cenni riepilogativi; Il modello e il lessico della Buona Scuola: elementi per un’analisi critica; Considerazioni conclusive; Riferimenti bibliografici)
Franco Frabboni, La pedagogia della Buona Scuola
(Premessa; Quale pedagogia e quale scuola per il XXI secolo?; La scelta è al bivio; La buona scuola? È vuota di memorie e di incanti; Un nuovo look per i presidi; Insegnare e valutare l’apprendere; Al capo istituto il drappo dell’interazione con i pari; Una professionalità altra per i capi istituto).