Lavoro e cittadinanza femminile

Anna Kuliscioff e la prima legge sul lavoro delle donne

Autori e curatori
Contributi
Maria Vittoria Ballestrero, Floriana Colao, Ninfa Contigiani, Maurizio Degl'Innocenti, Bruno Fiorai, Lorenzo Gaeta, Michela Minesso, Irene Piazzoni, Maria Dolores Santos Fernandez, Gianni Silei, Fiorenza Taricone, Luigi Tomassini
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 372,      1a edizione  2016   (Codice editore 541.29)

Lavoro e cittadinanza femminile. Anna Kuliscioff e la prima legge sul lavoro delle donne
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 42,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891740427
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 31,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891746504
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Una rilettura della grande questione politica, e quindi giuridica, della cittadinanza della donna, con una visione d’insieme metodologicamente innovativa che mette insieme la storia giuridica del lavoro femminile, dell’associazionismo femminile e della condizione giuridica della donna tra Otto e Novecento dentro e fuori il contesto familiare. All’interno di tale contesto, il pensiero di Anna Kuliscioff apporta elementi di attualità intorno alla grande questione della maternità e della conciliazione famiglia-lavoro.

Utili Link

Corrieredellasera.it La donna che plasmò il socialismo italiano (di Dino Messina)… Vedi...

Presentazione del volume

Il volume propone la rilettura della grande questione politica, e quindi giuridica, della cittadinanza della donna con una visione d'insieme metodologicamente innovativa che intreccia storia giuridica del lavoro femminile, associazionismo femminile e condizione giuridica della donna tra Otto e Novecento. In tale prospettiva appare in una luce inedita, e in tutto il suo rilievo storico, il dibattito politico e giuridico sulla legge a tutela del lavoro delle donne e dei fanciulli del 1902: il primo intervento legislativo generale sulla condizione delle donne lavoratrici, la prima legge sociale frutto di una mediazione politica tra la linea governativa e il mondo operaio. Una mediazione ispirata e sollecitata da Anna Kuliscioff per iniziare il discorso sulla parità dei sessi, fondata sull'autosufficienza economica della donna, partendo dal riconoscimento giuridico del lavoro femminile. Fuori dalle ideologie novecentesche, il pensiero della Signora del socialismo riacquista elementi di attualità giuslavoristica intorno alla grande questione della maternità e della conciliazione famiglia-lavoro.

Paolo Passaniti è professore associato di Storia del diritto medievale e moderno nel Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università di Siena. Si è occupato di storia del diritto del lavoro e di storia del diritto di famiglia, studiando anche il contributo del socialismo riformista al primo dibattito giuslavorista. È autore del volume Filippo Turati giuslavorista. Il socialismo nelle origini del diritto del lavoro, Lacaita 2008 (premio Matteotti 2010). Ha inoltre pubblicato con Giuffré Storia del diritto del lavoro. I. La questione del contratto di lavoro nell'Italia liberale, 1865-1920 (2006), e Diritto di famiglia e ordine sociale. Il percorso storico della società coniugale in Italia (2011). È membro del comitato scientifico della Fondazione di studi storici Filippo Turati.

Indice

Introduzione, di Paolo Passaniti
Maurizio Degl'Innocenti,
La donna e la società di massa
Lorenzo Gaeta,
1898-1902: i cinque anni che sconvolsero il diritto del lavoro
Maria Vittoria Ballestrero, La legge Carcano sul lavoro delle donne e dei fanciulli
Gianni Silei,
La legislazione europea sul lavoro femminile e minorile di inizio secolo: un quadro comparato
Michela Minesso,
Cittadinanza e tutela della maternità nell'Italia giolittiana. La classe dirigente politica, la Kuliscioff, i socialisti
Ninfa Contigiani,
La forzatura delle pareti domestiche e la cittadinanza "mediata"
Paolo Passaniti, Dalla tutela del lavoro femminile al libero amore. Il diritto di famiglia nella società dell'avvenire
Floriana Colao,
Donne e diritti nel prisma del positivismo italiano tra Otto e Novecento. Natura, ordine giuridico e senso comune
Irene Piazzoni,
Una "fioritura di sentimenti vari". L'immagine della donna nella cultura di inizio Novecento
Fiorenza Taricone,
Partito socialista, associazionismo femminile e i diritti ne "La Difesa delle Lavoratrici"
Maria Dolores Santos Fernández,
Clara Campoamor e i diritti delle donne in Spagna
Bruno Fiorai,
Dalla tutela del lavoro dei minori all'istruzione, formazione, occupabilità dei giovani
Luigi Tomassini,
La documentazione fotografica del lavoro delle donne e dei fanciulli all'inizio del XX secolo
Gli Autori
Indice dei nomi.