Le medie imprese acquisite dall'estero

Nuova linfa al Made in Italy o perdita delle radici?

Contributi
Ferruccio de Bortoli
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 164,      1a edizione  2018   (Codice editore 1820.317)

Le medie imprese acquisite dall'estero. Nuova linfa al Made in Italy o perdita delle radici?
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 22,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891770899
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 15,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891776433
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Il volume intende far luce sull’impatto che potrà avere sul futuro dell’industria italiana l’ondata di acquisizioni di nostre imprese dall’estero, un fenomeno, di straordinaria rilevanza, visto da alcuni come il riconoscimento del persistente valore del Made in Italy e considerato da altri come segno del declino industriale del Paese e dell’inconsistenza del sistema Italia.

Utili Link

Corrieredellasera.it Aziende vendute all'estero…(di F.DeBortoli e A.Puato)… Vedi...
L'Economia Quando passa lo straniero…(di Ferruccio De Bortoli)… Vedi...
il Sole 24 Ore Il ruolo dei policy maker nelle acquisizioni (di R.Resciniti e M.Matarazzo)… Vedi...

Presentazione del volume

Il futuro dell'industria italiana è condizionato in larga parte dall'impatto che avrà l'ondata di acquisizioni di nostre imprese dall'estero. Il fenomeno, di straordinaria rilevanza per numero e qualità delle acquisite, è visto da alcuni come il riconoscimento del persistente valore del Made in Italy che consente, peraltro, un afflusso di investimenti altrimenti carenti nel nostro Paese. Altri, invece, lo considerano come segno del declino industriale del Paese e dell'inconsistenza del sistema Italia.
Il volume offre una risposta all'interrogativo di fondo sull'impatto di questo fenomeno con riferimento alle medie imprese, cercando di fare luce su alcuni effetti, soprattutto quelli che riguardano i criteri di scelta delle imprese acquisite (sono le migliori o le peggiori?), le loro performance post acquisizione (migliorano o peggiorano?), il ruolo giocato dalla distanza culturale (aiuta o ostacola il miglioramento delle performance?) e le conseguenze sulle decisioni di acquisto dei clienti (aumenta la fedeltà o si crea disaffezione?).
L'analisi è condotta attraverso la convergenza delle diverse prospettive dell'economia industriale e finanziaria con quella di management e marketing e dimostra che il cambio di proprietà può sprigionare, almeno nel breve-medio termine, un potenziale prima inespresso a causa dei limiti di governance e di management della proprietà familiare, ma anche innescare reazioni avverse da parte dei consumatori, soprattutto quando l'acquirente appartiene a Paesi culturalmente lontani. Le conclusioni appaiono di una certa rilevanza scientifica e costituiscono un contributo non trascurabile all'interno del dibattito sul futuro produttivo e imprenditoriale del nostro Paese, investendo il decisore politico e la sua 'politica industriale', se essa ancora esiste, di scelte critiche e improcrastinabili.

Gabriele Barbaresco è Direttore dell'Area Studi Mediobanca e Amministratore Delegato di R&S-Ricerche e Studi S.p.A. (Gruppo Mediobanca). Si occupa da oltre 20 anni di economia industriale e finanziaria, affiancando alla propria attività professionale quella di docenza (da ultimo, presso la Facoltà di Economia dell'Università "RomaTre"). È recente co-autore del volume Medie eccellenti. Le imprese italiane nella competizione internazionale (2017) e del Rapporto sulla tutela del risparmio finanziario in Italia (2017).

Michela Matarazzo
è professore associato di Economia e gestione delle imprese presso l'Università degli Studi Guglielmo Marconi di Roma. È membro del Consiglio Direttivo della Società Italiana Management e coordinatore della sezione di International Marketing della Società Italiana Marketing. I suoi interessi di ricerca vertono principalmente sulle strategie d'impresa e il marketing, con particolare riguardo al contesto internazionale. È autrice del volume Le strategie internazionali delle medie imprese (2012).

Riccardo Resciniti
è professore ordinario di Economia e gestione delle imprese nell'Università degli Studi del Sannio e Segretario Generale della Società Italiana Marketing. Insegna, inoltre, Management delle imprese internazionali presso la LUISS Guido Carli di Roma. I suoi principali interessi scientifici riguardano le strategie di sviluppo internazionale del Made in Italy ed è anche co-autore del volume Mid-sized Manufacturing Companies: The New Driver of Italian Competitiveness (2013).

Indice

Ferruccio de Bortoli, Prefazione
Introduzione
Le medie imprese: cosa sono e cosa potrebbero essere
(Le medie imprese: modello imprenditoriale più che parametri quantitativi; La manifattura e le medie imprese italiane nel confronto europeo; La governance delle medie imprese italiane: un potenziale inespresso; Le strategie internazionali delle medie imprese italiane; Il posizionamento sui mercati internazionali; I mercati serviti: tra prossimità e lontananza; Le modalità di entrata: dalle esportazioni agli investimenti diretti esteri; Le fonti dell'adeguamento manageriale e di governance: il possibile ruolo dei takeover stranieri)
Gli studi sugli effetti delle acquisizioni internazionali
(La letteratura sulle acquisizioni internazionali: stakeholder coinvolti e prospettive di analisi; La prospettiva dell'impresa acquirente; La prospettiva dell'impresa acquisita: le performance; Gli effetti della distanza culturale sulle acquisizioni internazionali; Le reazioni dei consumatori alle acquisizioni dall'estero: uno spazio di ricerca)
La prospettiva dell'impresa acquisita
(Le imprese manifatturiere a controllo straniero in Italia; Il database; L'approccio metodologico: la t-test analysis; Le performance indagate; La redditività; La produttività e i salari; L'occupazione; Le esportazioni; I rapporti con i clienti; Due caveat metodologici: un approfondimento; Alcune prime conclusioni relative agli effetti sulle imprese acquisite; Gli effetti della 'distanza culturale'; Le variabili e il disegno sperimentale; I risultati; La correlazione inversa tra 'distanza culturale' e performance)
La prospettiva dei consumatori
(I presupposti di una diversa prospettiva; Le teorie applicate agli studi sulle reazioni del consumatore alle acquisizioni cross border; Gli studi sulle acquisizioni cross-border nella prospettiva del consumatore; Distanza psichica, reputazione e comportamento del consumatore: le ipotesi di ricerca; La metodologia; I risultati; La gestione delle criticità nelle percezioni dei consumatori)
Conclusioni
Bibliografia.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi