Uomini 4.0: ritorno al futuro.

Creare valore esplorando la complessità

Contributi
Alberto De Zan, Elisabetta Ocello, Elena Pessot, Nadia Preghenella
Livello
Dati
pp. 348,      1a edizione  2018   (Codice editore 10614.1)

Uomini 4.0: ritorno al futuro. Creare valore esplorando la complessità
Tipologia: E-book
Possibilità di stampa:  Si
Possibilità di copia:  Si
Disponibilità Clicca qui per scaricare

Informazioni sulle pubblicazioni ad Accesso Aperto
Codice ISBN: 9788891774163

In breve

In un mondo che moltiplica i livelli della varietà, della variabilità, delle interdipendenze e dei gradi di libertà di ciascuno, gli automatismi sono essenziali per rendere fluida e scontata la gestione dei problemi più facilmente codificabili e prevedibili. Ma non sostituiscono le persone, il cui apporto creativo è indispensabile per gestire i livelli di complessità eccedenti le capacità delle macchine.

Utili Link

HBR L'apprendimento creativo per generare valore…(di Pietro Luigi Giacomon)… Vedi...
Fiordirisorse.eu "Human driven" batte "digital driven"… Vedi...
Dirigente Il senso di una rivoluzione di senso (di Enzo Rullani)… Vedi...
Friuli Business Human o digital driven (di Alberto Felice De Toni)… Vedi...
Advertiser System Integration per le imprese 4.0 (di Andrea Granelli)… Vedi...
Businesscommunity.it Manager: la formazione che verrà (di Federico Unnia)… Vedi...
il Friuli Business Effetti della rivoluzione (di Alberto Felice De Toni)… Vedi...
Sviluppo & Organizzazione La transizione digitale (di Gianfranco Rebora)… Vedi...
Economia e Società Regionale Recensione (di Roberto Grandinetti)… Vedi...

Presentazione del volume

Che cosa dobbiamo aspettarci da un futuro popolato da robot, algoritmi e sensori che - affidando ad anonimi automatismi la maggior parte dei problemi - rischiano di controllare la nostra vita e il nostro lavoro? I tecno-pessimisti si aspettano da questo scenario una perdita massiccia dei posti di lavoro a favore di macchine e dispositivi digitali, condannandoci ad un destino di disoccupazione tecnologica. I tecno-ottimisti, al contrario, credono ancora nella marcia trionfale della rivoluzione digitale in corso, capace di superare ogni ostacolo e di rimediare - con la sua potenza produttiva - ad ogni inconveniente.
Questo libro - basato su una ricerca congiunta portata avanti da CFMT (Centro di Formazione Management del Terziario) e dal Dipartimento di Ingegneria dell'Università di Udine - indica una strada di evoluzione diversa. Un'evoluzione già visibile nel presente ma destinata a diventare sempre più rilevante nel prossimo futuro: la crescita esponenziale della complessità che sta trasformando il senso stesso del vivere e del lavorare. Prodotti e servizi tendono infatti ad essere sempre più personalizzati, la produzione on demand impone risposte veloci e differenziate, le piattaforme digitali rendono sempre più fitte le interazioni a distanza, le capacità di progettazione e di iniziativa dei singoli consumatori, intermediari, produttori stanno allargando, giorno per giorno, la gamma del nuovo e del possibile con cui abbiamo a che fare.
In un mondo che moltiplica i livelli della varietà, della variabilità, delle interdipendenze e dei gradi di libertà di ciascuno, gli automatismi sono essenziali per rendere fluida e scontata la gestione dei problemi più facilmente codificabili e prevedibili. Ma non sostituiscono le persone, il cui apporto creativo è indispensabile per gestire i livelli di complessità eccedenti le capacità delle macchine.
Gli uomini, affiancando gli automatismi, dovranno quindi tornare al centro della scena produttiva, utilizzando la loro intelligenza fluida, per guidare la trasformazione in corso. Un po' come accadeva prima dell'avvento della meccanizzazione standard, pre-digitale.
Ecco la ragione del titolo del libro Uomini 4.0: ritorno al futuro. La rivoluzione digitale è un viaggio che apre nuove possibilità riscoprendo le capacità simboliche, artistiche e professionali di persone che fanno leva sulla propria creatività distintiva e sulla collaborazione diretta, interattiva, con gli altri.

Indice

Pietro Luigi Giacomon, Prefazione
Alberto F. De Toni,
Enzo Rullani, Introduzione
Enzo Rullani,
Il senso della rivoluzione digitale: creare valore con la crescita della complessità
(Navigare nel mare in tempesta; Rivoluzione digitale: una svolta nella storia della modernità; Tra efficienza digitale e disoccupazione tecnologica: le due facce della rivoluzione in corso; Un'altra visione delle cose: la complessità che crea valore e riassorbe il lavoro, trasformandolo; Il convitato di pietra della nostra storia: il ciclo dell'innovazione, che genera, "cattura" e re-investe il surplus generato dal cambiamento tecnologico; Nella storia, anche il ciclo dell'innovazione manufatturiera ha cambiato più volte forma e direzione; Post-fordismo, l'anello mancante: alla ricerca del "quaternario" che compensi le razionalizzazioni del primario, del secondario e del terziario; Propagazione replicativa e esplorazione creativa: due (diversi) modi di generare valore con l'innovazione digitale; A chi va il surplus generato dalle due leve della rivoluzione digitale? Differenze che lasciano il segno; La crescita della complessità è il nuovo "quaternario" che può attrarre il surplus e re-investirlo sul lavoro; La continuous innovation e i suoi problemi; Il mis-matching tra vecchio e nuovo: una situazione ricorrente nelle transizioni da un paradigma ad un altro; Alcune idee parziali e misleading sulla transizione in corso: la stagnazione secolare...; ... e altri "venti contrari"; Complessità ordinata, governabile e libera: tre livelli di futuro possibile; Le condizioni della nuova sintesi tra automatismi digitali e intelligenza degli uomini; Varianza interna, focalizzazione esterna e intraprendenza personale: la strumentazione usata per gestire la complessità; Crescita della complessità e sviluppo delle tecnologie digitali: due percorsi paralleli nella storia del novecento; Le conseguenze a medio raggio della rivoluzione digitale sui modelli di business delle imprese; Nuovi modelli di business; Il management alla ricerca di nuovi percorsi e di nuove capacità; La rivoluzione digitale investe la fabbrica, ma anche, e soprattutto, i servizi e il consumo; Nelle filiere si sviluppano nuove funzioni: neo-industria, neoservizi, piattaforme connettive; Percorsi di apprendimento per il management; Il management dell'impresa digitalizzata: esploratore e ordinatore della complessità, nella società del rischio crescente)
Alberto F. De Toni, Alberto De Zan, Innovazione human driven e digital driven: creare e moltiplicare il valore all'orlo del caos
(Introduzione; Tra ordine e disordine: innovare sull'orlo del caos; Complessità ordinata, governabile e libera sull'orlo del caos; Complessità e valore; Innovazione human driven versus innovazione digital driven; Innovazioni human driven e digital driven sull'orlo del caos; Interazione tra innovazioni human driven e digital driven; Trasferimento del valore dalle imprese ai consumatori; Circoli di creazione e moltiplicazione del valore all'orlo del caos)
Alberto F. De Toni, Elisabetta Ocello, Elena Pessot, Il framework di analisi dei casi studio
(Introduzione; Storia dell'impresa; Prodotti e servizi offerti al mercato; Modello di business attuale; Impatto di digitalizzazione e globalizzazione sulla filiera; Modello di business futuro; Metodi ed esperienze di governo ed esplorazione delle complessità; Presidi delle leve e delle complessità; Caratteristiche di uomini e manager nelle diverse complessità; I casi studio analizzati)
Alberto F. De Toni, Alberto De Zan, Elisabetta Ocello, Elena Pessot, Analisi comparata dei casi: lezioni dal campo
(Introduzione; Evoluzione del modello di business: impatto di digitalizzazione e globalizzazione; Metodi di esplorazione e governo dei tre livelli di complessità; Presidi per leva e per complessità; Uomini 4.0: quali competenze e quale apprendimento per generare valore esplorando la complessità; Conclusioni)
Alberto F. De Toni, Elisabetta Ocello, Elena Pessot, beanTech: il digital enabler che crea valore con i clienti
(Storia dell'impresa; Prodotti e servizi offerti al mercato; Modello di business attuale; Impatto di digitalizzazione e globalizzazione sulla filiera; Modello di business futuro; Metodi ed esperienze di governo ed esplorazione delle complessità; Presidi delle leve e della complessità; Caratteristiche di uomini e manager nelle diverse complessità; Conclusioni)
Elisabetta Ocello, Elena Pessot, Fruttaweb: fruit digital delivery di elite
(Storia dell'impresa; Prodotti e servizi offerti al mercato; Modello di business attuale; Impatto di digitalizzazione e globalizzazione sulla filiera; Modello di business futuro; Metodi ed esperienze di governo ed esplorazione delle complessità; Presidi delle leve e della complessità; Caratteristiche di uomini e manager nelle diverse complessità; Conclusioni)
Elena Pessot, aiComply: la digital r-evolution nel mondo compliance
(Storia dell'impresa; Prodotti e servizi offerti al mercato; Modello di business attuale; Impatto di digitalizzazione e globalizzazione sulla filiera; Modello di business futuro; Metodi ed esperienze di governo ed esplorazione delle complessità; Presidi delle leve e della complessità; Caratteristiche di uomini e manager nelle diverse complessità; Conclusioni)
Elisabetta Ocello, Elena Pessot, LAGO: la potenza del digitale nell'arredo di design
(Storia dell'impresa; Prodotti e servizi offerti al mercato; Modello di business attuale; Impatto di globalizzazione e digitalizzazione sulla filiera; Modello di business futuro; Metodi ed esperienze di governo ed esplorazione delle complessità; Presidi delle leve e della complessità; Caratteristiche di uomini e manager nelle diverse complessità; Conclusioni)
Elisabetta Ocello, Elena Pessot, Jobonobo: la frontiera del digitale nel settore turistico
(Storia dell'impresa; Prodotti e servizi offerti al mercato; Modello di business attuale; Impatto di globalizzazione e digitalizzazione sulla filiera; Modello di business futuro; Metodi ed esperienze di governo ed esplorazione delle complessità; Presidi delle leve e della complessità; Caratteristiche di uomini e manager nelle diverse complessità; Conclusioni)
Elisabetta Ocello, Ceccarelli Group: il partner di logistica integrata al passo coi tempi
(Storia dell'impresa; Prodotti e servizi offerti al mercato; Modello di business attuale; Impatto di digitalizzazione e globalizzazione sulla filiera; Modello di business futuro; Metodi ed esperienze di governo ed esplorazione delle complessità; Presidi delle leve e della complessità; Caratteristiche di uomini e manager nelle diverse complessità; Conclusioni)
Elena Pessot, IBM Italia: la corporate che abilita la trasformazione digitale del paese
(Storia dell'impresa; Prodotti e servizi offerti al mercato; Modello di business attuale; Impatto di globalizzazione e digitalizzazione sulla filiera; Modello di business futuro; Metodi ed esperienze di governo ed esplorazione delle complessità; Presidi delle leve e della complessità; Caratteristiche di uomini e manager nelle diverse complessità; Conclusioni)
Elisabetta Ocello, Elena Pessot, Irinox: la specializzazione nell'acciaio che si apre al digitale
(Storia dell'impresa; Prodotti e servizi offerti al mercato; Modello di business attuale; Impatto di globalizzazione e digitalizzazione sulla filiera; Modello di business futuro; Metodi ed esperienze di governo ed esplorazione delle complessità; Presidi delle leve e della complessità; Caratteristiche di uomini e manager nelle diverse complessità; Conclusioni)
Alberto De Zan, Elisabetta Ocello, Nadia Preghenella, Zanardo: il partner innovatore di logis





Management

Finanza. Amministrazione. Controllo

Marketing. Pubblicità. Comunicazione. Vendite

Produzione. Logistica. Qualità.

Risorse umane

Banca, credito e assicurazioni

Commercio e turismo

Pubblicazioni in Open Access