La mediazione linguistico-culturale nei servizi sanitari.

Interazione ed efficacia comunicativa

Contributi
Antonio Chiarenza
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 266,      1a edizione  2019   (Codice editore 1042.92)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sanitari. Interazione ed efficacia comunicativa
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 34,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891789648

In breve

Il volume getta una luce nuova, e ampiamente documentata, sul significato della mediazione linguistico-culturale nei servizi sanitari e sulle differenze tra una mediazione efficace e una inefficace. Obiettivo del testo è di fornire indicazioni per politiche sanitarie basate sulla comprensione della qualità della mediazione e dei modi per osservarla e valutarla. Oltre che agli studenti universitari, il volume si rivolge a mediatori, dirigenti e operatori sanitari, responsabili di politiche sanitarie e studiosi della comunicazione medica e della mediazione, sia linguistica, sia interculturale.

Presentazione del volume

Il volume riassume i risultati di quindici anni di ricerca sulla mediazione linguistico-culturale in servizi sanitari.
Partendo da un'ampia letteratura internazionale, propone le interpretazioni più aggiornate sul significato di tale mediazione, in una prospettiva interdisciplinare che unisce linguistica e sociologia. Vengono illustrati, attraverso molti esempi di episodi reali, i modi di praticare la mediazione attraverso la traduzione, in una dimensione interculturale e a sostegno della comunicazione tra operatori sanitari e pazienti migranti. Gli esempi sono stati registrati nei servizi sanitari di Modena e Reggio Emilia, che sono all'avanguardia nell'uso della mediazione; sono stati quindi accuratamente trascritti, spiegati e commentati, in modo da risultare comprensibili ai lettori. Il testo getta così una luce nuova, e ampiamente documentata, sul significato della mediazione linguistico-culturale nei servizi sanitari e sulle differenze tra una mediazione efficace e una inefficace. L'obiettivo è fornire indicazioni per politiche sanitarie basate sulla comprensione e la valutazione della qualità della mediazione, e suggerire un metodo per la formazione di mediatori e operatori" e la valutazione della qualità della mediazione, e suggerire un metodo per la formazione di mediatori e operatori".
È ad essi che il volume si rivolge, insieme ai responsabili di politiche sanitarie; studiosi della comunicazione medica e della mediazione, sia linguistica, sia interculturale; studenti universitari dei corsi di mediazione linguistica e interculturale di area medica qualora includano insegnamenti sulla comunicazione.

Claudio Baraldi insegna Sociologia della Comunicazione e Teorie e metodi della del dialogo e della mediazione (Università di Modena e Reggio Emilia). Ha curato, insieme a Laura Gavioli, il volume Coordinating Participation in Dialogue Intepreting (John Benjamins, 2012) e un numero monografico della rivista Health Communication sulla mediazione linguistica (in uscita).

Laura Gavioli insegna Lingua inglese e Traduzione (Università di Modena e Reggio Emilia) e dirige il Centro Interuniversitario di Analisi dell'Interazione e della Mediazione (AIM). Ha curato, insieme a Claudio Baraldi, il volume Coordinating Participation in Dialogue Intepreting (John Benjamins, 2012) e un numero monografico

Indice

Prefazione
Ringraziamenti
Norme di trascrizione degli esempi
Antonio Chiarenza, Introduzione. Mediazione di sistema e servizi sanitari migrant-friendly Nell'AUSL di Reggio Emilia
Una premessa necessaria: la mediazione linguisticoculturale è sempre utile?
Le basi della mediazione linguistica
(La MLC come mediazione linguistica; La varietà della mediazione linguistica; Le forme della mediazione linguistica)
La traduzione nella mediazione linguistica
(Premessa; Dalla domanda dell'operatore alla traduzione finale della risposta del paziente; Spiegazioni e risposte minime della mediatrice; Iniziative del/la paziente e reazioni della mediatrice; Inviti dell'operatore e raccolta degli inviti da parte della mediatrice; Traduzione come formulazione; Traduzione di sostegno e come coordinamento della comunicazione diretta tra i partecipanti)
La perdita di coordinamento nella mediazione linguistica
(L'inadeguatezza della mediazione linguistica; Interlocuzione diretta tra mediatrice e operatore o paziente; Difficoltà di coordinamento tra mediatrice e operatore nella presa del turno; Pressione della mediatrice sul paziente, con l'appoggio dell'operatore)
Le forme della mediazione linguistica
(La varietà della mediazione linguistica: una sintesi; Tre domande fondamentali; La mediazione linguistica come mediazione dialogica; Azioni dialogiche nella mediazione linguistica; Il rischio del monologo; Conclusioni)
La dimensione interculturale della mediazione
(Mediazione e comunicazione interculturale: controversie e condizioni; La mediazione come promozione di adattamento interculturale; La mediazione come costruzione di essenzialismo; Il significato della mediazione interculturale; Le culture della mediazione)
La mediazione della comunicazione istituzionale
(La comunicazione istituzionale nei servizi sanitari; Mediare la comunicazione istituzionale; Quando, come e perché l'azione dell'operatore sostiene o non sostiene l'azione della mediatrice; Conclusioni)
La valutazione della mediazione e la formazione dei mediatori
(Le politiche e l'organizzazione della mediazione; Valutare la mediazione; Indicatori di efficacia, analisi dei bisogni e dei risultati, equità di accesso; Un metodo di rilevazione dei modelli di buone pratiche; La formazione; Primo esempio di attività formativa: discussione di dati; Secondo esempio di attività formativa: il role-play; Fare formazione per mediatori: conclusione; Considerazioni conclusive; Appendice)
Bibliografia di riferimento
(Bibliografia generale essenziale; Saggi e volumi tratti o ispirati dalla ricerca)
Elenco degli esempi.