Scienza e cultura del cibo

Nuovi ambienti di apprendimento per gli alberghieri

Contributi
Massimiliana Casaliggi, Giorgia Chionna, Francesco Cioli, Antonio Gareri, Luisa Giordani, Luisa Anna Maria Giordani, Paolo Gonnella, Daniela Leuzzi, Rossella Mengucci, Nicoletta Orlando, Fabrizio Proietti, Arduino Salatin, Lucia Santarsiero, Alberto Tognoni, Anna Traversa, Luigi Valentini
Livello
Dati
pp. 224,      1a edizione  2019   (Codice editore 10515.1)

Scienza e cultura del cibo. Nuovi ambienti di apprendimento per gli alberghieri
Tipologia: E-book
Possibilità di stampa:  Si
Possibilità di copia:  Si
Disponibilità Clicca qui per scaricare

Informazioni sulle pubblicazioni ad Accesso Aperto
Codice ISBN: 9788891797704

In breve

Il settore agroalimentare, uno dei comparti maggiormente trainanti della nostra economia, è destinato a confermarsi come una delle principali risorse strategiche del Paese: la riflessione sul rapporto tra cultura, scienza e cibo ha investito l’intera sfera dell’istruzione e di recente ha interessato anche l’Università italiana, con l’avvio dei primi corsi di laurea improntati ad una nuova visione dell’alimentazione, da Pollenzo, agli atenei di Udine e di Napoli. Collocandosi entro la trasformazione in corso, il volume intende portare a sintesi e valorizzare i risultati conseguiti al termine della prima fase del progetto Ambienti di apprendimento per gli Alberghieri (AAA).

Presentazione del volume

Se all'interno della società contadina e successivamente di quella industriale, il significato del cibo rimane circoscritto prevalentemente alla sfera dell'alimentazione, nella società post-industriale sempre più viene percepito e rappresentato nei termini di discorso e di linguaggio. La gastronomia viene connotandosi come un insieme di storia, scienza, economia, agricoltura, profondamente intrecciato con la cultura dell'ospitalità e con il marketing territoriale.
Per questa ragione il settore agroalimentare, uno dei comparti maggiormente trainanti della nostra economia, è destinato a confermarsi come una delle principali risorse strategiche del Paese, a condizione di sapersi innovare costantemente.
La riflessione sul rapporto tra cultura, scienza e cibo ha investito l'intera sfera dell'istruzione e di recente ha interessato anche l'Università italiana, con l'avvio dei primi corsi di laurea improntati ad una nuova visione dell'alimentazione, da Pollenzo, agli atenei di Udine e di Napoli. Collocandosi entro la trasformazione in corso, il volume intende portare a sintesi e valorizzare i risultati conseguiti al termine della prima fase del progetto Ambienti di apprendimento per gli Alberghieri (AAA). L'intervento progettuale è stato promosso dall'associazione Re.Na.I.A. (Rete Nazionale degli Istituti Alberghieri), in collaborazione con il MIUR. L'intendimento è consistito in particolare nel valorizzare lo stretto collegamento tra la sperimentazione di learning environment innovativi sotto il profilo metodologico-didattico e le direttrici del recente riordino del settore professionale.
Il volume si rivolge al mondo dell'istruzione professionale alberghiera e, più estesamente, a quanti operano nell'istruzione scolastica e universitaria.

Alberto F. De Toni è presidente della Fondazione Crui (Conferenza dei Rettori delle Università Italiane) e direttore scientifico di CUOA Business School. È stato rettore dell'Università di Udine e presidente dell'Associazione italiana di Ingegneria Gestionale.

Luca Dordit è consulente nel campo delle politiche e dei sistemi dell'education. Laureato in filosofia e pedagogia, ha conseguito il dottorato in ingegneria gestionale. Ha collaborato con i maggiori enti di ricerca del settore (OCSE, INVALSI, INDIRE, INAPP, Associazione 3Elle, IPRASE).

Anna Maria Zilli, dirigente scolastica, è stata docente a contratto presso la SISS dell'Università degli Studi di Udine. Ha ricoperto il ruolo di Vicepresidente e Presidente della Re.Na.I.A. È stata formatrice IRSSAE ed ha all'attivo diverse pubblicazioni sulla formazione dei docenti.

Angelo Capizzi, dirigente scolastico, ha svolto attività di formazione dei docenti in vari ambiti e progetti MIUR, I.R.R.S.A.E, INDIRE, USR. È membro della Giunta e del Direttivo di Re.Na.I.A., dove ricopre la carica di delegato alla formazione e referente del progetto Tripla A.

Indice

Fabrizio Proietti, Prefazione
Anna Maria Zilli, Angelo Capizzi, Premessa
Alberto F. De Toni, Luca Dordit, Introduzione
Ringraziamenti
Parte I
Il progetto Tripla A: ambienti di apprendimento degli alberghieri
Anna Maria Zilli, Presentazione del progetto Tripla A
Parte II
Sperimentare gli elementi chiave presenti nel riordino negli istituti alberghieri
Inquadramento istituzionale
Rossella Mengucci, Il riordino degli istituti professionali nel settore alberghiero
Arduino Salatin, Le Linee guida nazionali
Le piste della sperimentazione
Angelo Capizzi, Lo sviluppo concreto della sperimentazione
Daniela Leuzzi, Luisa Anna Maria Giordani, Progettazione a ritroso
Anna Traversa Progettare e gestire le Unità di apprendimento
Paolo Gonnella Personalizzazione degli apprendimenti - PFI
Luisa Giordani, Giorgia Chionna, La valutazione autentica
Francesco Cioli, Gestire gli ambienti di apprendimento
Alberto Tognoni, Declinare i nuovi percorsi in uscita
Parte III
Ambienti di apprendimento innovativi e scuole auto-organizzate
Inquadramento generale
Alberto F. De Toni, Auto-organizzazione: il futuro più affascinante per la scuola
Luca Dordit, Ambienti di apprendimento tra scenario internazionale e contesto nazionale
Alberto F. De Toni, Luca Dordit, Studi di caso
(Disegno della ricerca; Caso n. 1. Udine - Caffè didattico; Caso n. 2. Genova - Peer Education; Caso n. 3. Castel Volturno - Bar della chimica; Elementi di convergenza tra i casi)
Esperienze sotto la lente
Lucia Santarsiero, Classroom virtuale per la formazione dei docenti
Massimiliana Casaliggi, Nicoletta Orlando, Antonio Gareri, Un applicativo per la gestione delle UdA
Anna Maria Zilli, Angelo Capizzi, Riflessioni finali
Luigi Valentini, Postfazione
I curatori
Riferimenti bibliografici e sitografici
Elenco delle tabelle e delle figure