Ambiguità, conformismo e adattamento alla violenza sociale

Autori e curatori
Contributi
Anna Ferruta, Federico Perozziello
Livello
Testi per psicologi clinici, psicoterapeuti
Dati
pp. 224,      1a edizione  2020   (Codice editore 1217.3.16)

Ambiguità, conformismo e adattamento alla violenza sociale
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 30,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891790996

In breve

All’inizio degli anni Settanta Silvia Amati Sas ha cominciato ad occuparsi in modo pionieristico della cura psicoanalitica di persone provenienti dai Paesi latino-americani vittime di violenza sociale, soprattutto di donne segnate dall’esperienza della tortura morale e materiale. Il libro raccoglie una serie di scritti che toccano i temi più cari all’autrice: il rapporto tra la violenza sociale e l’impegno etico della psicoanalisi, la funzione della preoccupazione per l’altro da proteggere, l’emergere della vergogna all’interno della relazione terapeutica.

Utili Link

Il Piccolo Recensione (di Luisa Accati e Renate Cogoy)… Vedi...

Presentazione del volume

All'inizio degli anni Settanta Silvia Amati Sas ha cominciato ad occuparsi in modo pionieristico della cura psicoanalitica di persone provenienti dai Paesi latino-americani vittime di violenza sociale, soprattutto di donne segnate dall'esperienza della tortura morale e materiale.
Partendo dal pensiero di Bleger e specificamente dal concetto di "ambiguità", l'autrice ha ipotizzato che qualunque realtà possa arrivare a sembrarci familiare e rassicurante, anche quando non lo è affatto. Ha definito questa malleabilità psichica, sempre presente in ogni soggetto, "adattarsi a qualsiasi cosa".
Il libro raccoglie una serie di scritti dalla fine degli anni Settanta ai giorni nostri che toccano i temi più cari all'autrice: il rapporto tra la violenza sociale e l'impegno etico della psicoanalisi, la funzione della preoccupazione per l'altro da proteggere quale meccanismo di sopravvivenza psichica, l'emergere della vergogna all'interno della relazione terapeutica intesa come segnale del recupero del conflitto intrapsichico.
Le dinamiche descritte costituiscono un punto di riferimento chiarificatore non solo per tanti altri traumatismi legati a situazioni violente devastanti per il soggetto che le subisce, ma mettono anche in evidenza il rischio oggi molto attuale di una deriva individuale e sociale nell'adattarsi a qualunque forma di violenza con cui si ha a che fare rendendola ovvia. Il mantenere un costante impegno etico per l'autrice non si pone mai come modalità esterna alla dialettica della cura, ma è un tutt'uno con essa, assumendo una funzione strutturale e strutturante.

Silvia Amati Sas, nata a Buenos Aires, è medico, neuropsichiatra infantile, psicoanalista. Membro ordinario della Società Psicoanalitica Italiana (SPI), della Società Svizzera di Psicoanalisi (AFT) e dell' IPA.

Indice

Anna Ferruta, Presentazione
Federico Perozziello, Introduzione. Silvia Amati Sas. L'impegno etico nella cura psicoanalitica dei sopravvissuti alla violenza sociale
Silvia Amati Sas, Premessa. Un filo conduttore
Ringraziamenti
Parte I. Violenza sociale e sfida etica
Qualche riflessione sulla tortura per introdurre una discussione psicoanalitica (1977)
Megamorti, unità di misura o metafora? (Perché accettiamo l'inaccettabile) (1985)
Recuperare la vergogna (1989)
L'ovvio, l'abitudine e il pensiero (1996)
Parte II. L'adattamento a qualsiasi cosa, l'oggetto da salvare e la funzione della vergogna
Etica e transoggettività (1994)
La vergogna in chiave di ambiguità (1991)
Sofferenza, dolore e contesti sociali (1991)
La modesta onnipotenza (1996)
Etica e vergogna nel controtransfert (1992)
Parte III. Ambiguità, legame simbiotico e transoggettività
L'interpretazione nel transoggettivo: riflessioni sull'ambiguità e gli spazi psichici (2000)
La violenza sociale traumatica: una sfida alla nostra adattabilità inconscia (2004)
La transoggettività tra contesto e ambiguità (2010)
Parte IV. Violenza e funzione psicoanalitica
Conformismo sociale e ovvietà del pregiudizio (2010)
Estraniazione, dilemma. Il perché di una lettera aperta di Freud (2009)
I due fronti della sopravvivenza psichica nella violenza sociale estrema (2016)
Bibliografia.






  • Psichiatria, neuropsichiatria, neuroscienze, psicofisiologia, psicobiologia
  • Psicologia cognitiva, psicologia della personalità
  • Psicologia sociale, di comunità, politica, ambientale, dell'emergenza, del turismo
  • Scienze e tecniche psicologiche per l'intervento clinico

    Scienze e tecniche psicologiche per il lavoro, l'impresa, le organizzazioni

    Teoria e tecniche dei test, psicometria, psicodiagnostica

    Scienze e tecniche psicologiche dello sviluppo e dell'educazione

    Teoria e tecniche per la riabilitazione

    Prevenzione e clinica delle dipendenze

    Psicologia giuridica, investigativa, forense, criminale, psicologia della devianza

    Psicologia della salute, psicologia del benessere, educazione al benessere

    Psicologia dell’arte e della letteratura, psicologia estetica

    Storia della psicologia

    Professione psicologo

    Servizi di cura


    Pubblicità