La forza della consuetudine

Costumi, costituzione, governo in Montaigne e Montesquieu

Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 236,      1a edizione  2020   (Codice editore 499.33)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

La forza della consuetudine Costumi, costituzione, governo in Montaigne e Montesquieu
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 30,00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 21,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 21,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve

I temi intorno ai quali ruota la lettura di questi due classici del pensiero politico moderno sono le leggi, i costumi, le maniere di vivere, sempre al plurale, per Montaigne come per Montesquieu, e poi la costituzione e il governo. Pensare insieme Montaigne e Montesquieu fa emergere l’attualità di una linea genealogica di regolazione e di istituzionalizzazione delle pratiche sociali irriducibile al formalismo e all’astrazione delle moderne categorie del diritto e della sovranità.

Presentazione del volume

I temi intorno ai quali ruota la lettura di questi due classici del pensiero politico moderno sono le leggi, i costumi, le maniere di vivere, sempre al plurale, per Montaigne come per Montesquieu, e poi la costituzione e il governo. Le leggi sono stabilite, dice Montesquieu, esse sono istituzioni particolari, mentre i costumi hanno a che fare con l'esprit generale di una nazione, sono gli usi acquisiti, quelle usanze che per Montaigne sono le briglie necessarie dell'esprit, esteriori ma non istituite dalle leggi o dalla volontà del legislatore. Pratiche sociali collettive nelle quali l'individuo assume una certa piega nella rete dei rapporti in cui è preso. Negli intrichi della composizione sociale si mescolano una quantità di cose sottili e impenetrabili che producono un tessuto di rapporti grazie ai quali esso si tiene insieme. L'ordine più profondo, quello che per Montaigne è espresso dalla forza della consuetudine, è fatto anche per Montesquieu di relazioni plurali, di modi di fare e di essere che compongono nel tempo della lunga durata la costituzione di una società, lo 'spirito' delle sue leggi e il principio del governo. Così, pensare insieme Montaigne e Montesquieu fa emergere l'attualità di una linea genealogica di regolazione e di istituzionalizzazione delle pratiche sociali irriducibile al formalismo e all'astrazione delle moderne categorie del diritto e della sovranità.

Paolo Slongo è membro del Centro interuniversitario di ricerca sul lessico politico e giuridico europeo e del Laboratoire interdisciplinaire d'études sur les réflexivités - Fonds Yan Thomas all'EHESS di Parigi. È autore di saggi apparsi in riviste come "Politica & Società", "Filosofia politica", "Scienza & Politica". Di lui FrancoAngeli ha pubblicato: Governo della vita e ordine politico in Montaigne (2010) e Il movimento delle leggi. L'ordine dei costumi in Montesquieu (2015).

Indice

Introduzione
Genealogie della consuetudine
(Tempo immemorabile; Consuetudo; Il diritto antico e originale dei Francesi; "Moeurs & humeurs"; Una sola legge; La forza della consuetudine)
Montaigne e il problema della costituzione
(La civiltà della legge; La costituzione; Anatomie politiche; Habitus)
Consuetudine e servitù
(Servitù volontaria; "L'empire de la coutume"; Consuetudine e ragione; Le briglie dello spirito; La regola delle regole; "Pratique des hommes")
La vita del diritto e la ragione dei costumi
(Il tono di una società; Usanze che le leggi non hanno stabilito; Ordo juris; Una storia naturale delle leggi; Lo spirito delle leggi "barbariche")
Montesquieu e l'ordine dei rapporti
(L'infinita diversità di leggi e costumi; Le leggi-rapporto; Il desiderio di vivere in società; Il piano di realtà delle leggi positive; Diritto politico e governo)
Natura umana e modi di vita in Montesquieu
(Natura umana; Stato di natura; "Tout est extrêmement lié"; Socializzazione e istituzione; Cristalli delle pratiche)
Montesquieu, leggi e regolazione
(Una potenza limitata; Regolazione; L'azione delle norme; Costume agonistico e costume giudiziario; Aggiustamento e composizione delle leggi)
Spirito delle leggi e filosofia del diritto. Hegel in dialogo con Montesquieu
(Das Sittliche; La connessione di tutti i rapporti; "Doux commerce"; Objectiver Geist; Fare un codice; "Il profondo sguardo di Montesquieu")
Appendice - Foucault, Montaigne e il governo della vita
Indice dei nomi.