Le nostre spedizioni verranno sospese per la pausa estiva dal 27 luglio al 21 agosto (inclusi). Buone vacanze!
Essere adolescenti adottati

Daria Vettori, Massimo Maini

Essere adolescenti adottati

Teorie e tecniche per la conduzione di gruppi

Un manuale che si apre con una cornice teorica inerente sia l’adolescenza adottiva che la conduzione di gruppi, per poi dedicare tutta la terza parte alla presentazione di strumenti pratici di lavoro, attraverso la proposta di chiare e pratiche schede tecniche.

Edizione a stampa

17,00

Pagine: 116

ISBN: 9788835106630

Edizione: 1a edizione 2020

Codice editore: 1305.278

Disponibilità: Discreta

Pagine: 116

ISBN: 9788835104902

Edizione:1a edizione 2020

Codice editore: 1305.278

Possibilità di stampa: No

Possibilità di copia: No

Possibilità di annotazione:

Formato: PDF con DRM per Digital Editions

Informazioni sugli e-book

Essere adolescenti adottati. Teorie e tecniche per la conduzione di gruppi si pone in continuità con il precedente volume scritto degli autori Essere in un gesto. I sensi dell'adozione. Se il primo libro proponeva una narrazione di esperienze di gruppo, questo nuovo testo offre strumenti e metodologie per il lavoro con gruppi di ragazzi e ragazze.
L'idea di scrivere questo volume è nata in primo luogo come risposta a diverse richieste degli operatori intenzionati ad avventurarsi nell'esperienza di conduzione di gruppi di adolescenti adottati. In secondo luogo è frutto di una riflessione degli autori che, dopo circa 10 anni di attività di gruppo con gli adolescenti, hanno costituito un vero e proprio modello di lavoro che pone al centro l'ascolto dei ragazzi attraverso la costruzione di una relazione intercorporea e intersoggettiva.
È proprio grazie all'esperienza del Corpo Gruppale - in cui il gruppo come un corpo respira, si muove, espelle, assimila e vive in relazione ad altri corpi creando quella dimensione intima e irripetibile - che si generano le possibili narrazioni della propria storia adottiva.
Il volume si apre con una cornice teorica inerente sia l'adolescenza adottiva che la conduzione di gruppi, per poi dedicare tutta la terza parte alla presentazione di strumenti pratici di lavoro, attraverso la proposta di chiare e pratiche schede tecniche.
Gli autori sottolineano, però, che questi strumenti non vengono offerti per essere utilizzati in modo rigido e poco creativo. La raccomandazione è piuttosto sollecitare chi condurrà i gruppi a porsi in un atteggiamento di ascolto, ricerca e soprattutto di sperimentazione. Proprio per questo sia la parte introduttiva che quella conclusiva sono dedicate all'approfondimento delle modalità di conduzione delle bellissime e insieme complesse esperienze di gruppo.
Infine, è importante sottolineare come questo manuale, pur partendo dall'esperienza con ragazzi adottati, potrebbe essere un utile strumento di lavoro anche per chi si trova a operare con altri gruppi di bambini e adolescenti.

Daria Vettori, psicologa e psicoterapeuta, da vent'anni si occupa di affidamento familiare e adozione. Insegna Pedagogia dell'affido e dell'adozione presso l'Università degli Studi di Parma. Collabora come consulente con Enti pubblici e privati conducendo progetti di promozione, formazione e sostegno su temi della genitorialità. Nel 2007 ha svolto un internship program presso il Children's Hospital di Washington DC.

Massimo Maini
, pedagogista clinico, filosofo, mediatore familiare, svolge la sua attività presso i Servizi Socio-Sanitari dell'Unione delle Terre d'Argine, Area Minori e Famiglie dove si occupa del coordinamento di un Centro Educativo-Ricreativo, degli interventi connessi alla tutela dei minori e in particolare riguardo al disagio adolescenziale. È giudice onorario presso il Tribunale per i Minorenni di Bologna.

Massimo Ammaniti, Prefazione
Introduzione
Parte I. Essere adolescente adottato
Pre-adolescenza e adolescenza adottiva
Parte II. L'adolescenza e il gruppo
Esperienza di gruppo e adolescenza
(Il gruppo come esperienza intercorporea: luogo di corpo oltre che di mente; Caratteristiche e modalità di funzionamento del gruppo)
La narrazione come viaggio
(Narrazione Autobiografica come processo generativo di storie; La Narrazione)
Parte III. Giochi e attività di gruppo
Proposte di giochi e di attività di gruppo
(Il gioco (dell'oca) dell'adozione; Raccontarsi con le immagini; Il collage; La scatola; Giochiamo con le carte; Nella mia testa; Il messaggio nella bottiglia; Brainstorming; Il book sharing; Il viaggio; Tra merende e apericene; Da dove arrivo?; Il video
Conclusioni
Ringraziamenti
Bibliografia.

Contributi: Massimo Ammaniti

Collana: Strumenti per il lavoro psico-sociale ed educativo

Argomenti: Teoria e tecnica della dinamica di gruppo, gruppoanalisi, terapia di comunità - Adozione, affido - Adolescenza

Livello: Testi per psicologi clinici, psicoterapeuti

Potrebbero interessarti anche