Lo scaffale dell'inganno

Marketing cooperativo e regolamentazione della pubblicità

Autori e curatori
Contributi
Roberto Carleo, Gianluca Di Ascenzo, Alberto Mattiacci, Antonio Punzi, Carlo Rienzi, Alessandro Sproviero
Argomenti
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 154,      1a edizione  2021   (Codice editore 244.1.83)

Lo scaffale dell'inganno Marketing cooperativo e regolamentazione della pubblicità
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 21,00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 17,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 17,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve

Sulle orme dell’Osservatorio sulla pubblicità ingannevole, questo volume intende promuovere una cultura della trasparenza dell’informazione e una politica aziendale della prevenzione di eventuali illeciti, nella convinzione dell’importanza del coinvolgimento delle imprese nella corretta informazione al consumatore. Il testo vuole essere uno stimolo per il legislatore e apre alcune riflessioni sulla strumentazione tecnica disponibile per rispondere ai frequenti fallimenti del mercato attraverso la raccolta di originali materiali di studio.

Presentazione del volume

Da un'idea dell'avvocato Carlo Rienzi, presidente del Codacons, prende vita nel 2003, l'Osservatorio sulla pubblicità ingannevole, con l'iniziale obiettivo di mettere a punto, nel confronto con le imprese, criteri e linee guida per la correttezza delle informazioni al consumatore, operanti ad un livello superiore a quello, di mera legalità formale, stabilito dalle norme. Il perimetro di intervento risulta inizialmente limitato ai prodotti alimentari che, ancora in seguito, quando l'esame dell'Osservatorio si è esteso a considerare la relazione tra bisogni sociali e segni con cui far parlare i prodotti nelle diverse aree del marketing, rimangono un'essenziale cartina di tornasole per la valutazione delle tecniche di persuasione. La positiva esperienza dell'Osservatorio è destinata a mostrare la serietà del programma di coinvolgimento delle imprese attraverso la promozione di una cultura della trasparenza dell'informazione e di una politica aziendale della prevenzione di eventuali illeciti che potrebbero essere valutati dall'Autorità garante della concorrenza e del mercato solo dopo che l'immagine del prodotto abbia già distorto le aspettative di acquisto, considerando anche i lunghi tempi dei procedimenti e la stessa occasione di rimediare tramite gli impegni senza alcun contraddittorio con il pubblico dei consumatori. In realtà, è solo con un adeguato sistema di misure interne dirette all'autoverifica della pubblicità che si dovrebbe assicurare un esonero ai fini dell'accertamento della responsabilità dell'impresa con una rilevanza ex ante del programma allestito specialmente se in collaborazione con una struttura integrata nell'associazione dei consumatori.
Uno stimolo che si rivolge al legislatore e apre alcune riflessioni sulla strumentazione tecnica disponibile per rispondere, con una diversa sensibilità, ai frequenti fallimenti del mercato attraverso la raccolta di originali materiali di studio.

Stefano Masini, professore associato di Diritto Agrario e di Diritto Alimentare presso la facoltà di Medicina dell'Università degli Studi di Roma Tor Vergata. È condirettore della rivista Diritto Agroalimentare e autore di numerose pubblicazioni, tra cui: Diritto alimentare. Una mappa delle funzioni (Giuffrè, 2014); Appunti per la riforma in materia di reati agroalimentari (Cacucci, 2016); "Tracce" di diritto agrario (Cacucci, 2019); Corso di diritto alimentare (5° ed., Giuffrè, 2020). Insieme a Gian Carlo Caselli ha scritto C'è del marcio nel piatto (Piemme, 2018).

Indice

Carlo Rienzi, Gianluca Di Ascenzo, Prefazione. L'esperienza dell'Osservatorio sulla pubblicità del CODACONS
Stefano Masini,
Introduzione. Programma di auto-regolazione della pubblicità e dialogo con i consumatori
(Influenza della pubblicità tra cultura e mercato; Manipolazione del consenso e architettura della scelta; Innovazione tecnologica e cambiamenti sociali; Protocolli di gestione della comunicazione pubblicitaria e funzione di vigilanza dei consumatori: tracce di un nuovo modello; Disallineamento tra disciplina degli impegni ed effettività della tutela dei consumatori; Imprese socialmente responsabili e istanze di partecipazione dei consumatori; Verso un equilibrio tra efficienza economica e sistema dei valori nella strategia di comunicazione pubblicitaria)
Alessandro Sproviero, Raccolta sistematica della pubblicità. Diritto mite e ruolo dell'Osservatorio del CODACONS
Settore: Alimenti
(Il panino certificato; Vino Libero; Acqua Rocchetta)
Settore: Italian Sounding
(Pizza Italiamo; Italpizza; Torta Valdostana; Focaccina della Liguria; Cooperativa Pescatori di Arborea)
Settore: Integratori alimentari
(Top Spin Energy; Immun'Âge; Bioscalin)
Settore: Prodotti destinati ad una alimentazione particolare
(I gruppi nascosti su Facebook: il caso Juice Plus; Settore: Dispositivi medici; Lipofreeze; Ozobox; AWT(r) Storz)
Settore: Trattamenti cosmetici e dimagranti
(La mer; LOFT)
Settore: Strutture ricettive
(Quellenhof Luxory Resort; Settore: Ambiente; Optimo)
Settore: Energia
(ENI)
Settore: Assicurazioni
(Polizza Multiramo Primavera; UnipolSai)
Settore: Corsi professionali
(Abforma)
Settore: Gioco d'azzardo
(Lottomatica; Settore: Tabacco; Il Sole 24 Ore-Iqos)
Antonio Punzi, Verso un consumatore digitalmente avveduto? L'intelligenza artificiale e le nuove frontiere della tutela del consumatore
(Il "consumatore medio" 15 anni dopo la Direttiva 2005/29/CE; Algoritmi, città intelligenti e scansioni cerebrali: un consumatore assediato; Dal consumatore profilato al consumatore proattivo: alla ricerca di un nuovo paradigma; La giurisprudenza sul "consumatore medio" e le nuove competenze digitali. Verso un consumatore responsabile?; Di fronte allo scaffale (insieme all'algoritmo). Per una conclusione
Roberto Carleo, Public enforcement e Private enforcement nelle pratiche commerciali scorrette: gli strumenti a tutela del consumatore
(Il moltiplicarsi degli strumenti tra generalità e specificità: difficile raccordo tra disciplina orizzontale e disciplina verticale; Pluralità, sussidiarietà e autoregolamentazione; Pubblicità e pratiche commerciali scorrette; Tutela amministrativa e rimedi privatistici: le strade "non più" parallele del doppio binario)
Alberto Mattiacci, Verso il tempo del postconsumo. Appunti per una morfologia nuova della pubblicità
(Premessa; Il progressivo abbandono del Mass Market; I cinque pregiudizi sul marketing; Advertising e Marketing; Il paradigm shift nei modelli di mercato consumer; La mappa delle nuove parole-chiave del rapporto impresa-mercato; Il ruolo dell'Advertising nel modello emergente; Conclusioni)
Postfazione: l'era del post-consumo
Bibliografia.






Management

Finanza. Amministrazione. Controllo

Marketing. Pubblicità. Comunicazione. Vendite

Produzione. Logistica. Qualità.

Risorse umane

Banca, credito e assicurazioni

Commercio e turismo

Pubblicazioni in Open Access