Strategie per la riduzione dei disastri

Governance del rischio e modelli di Disaster Risk Management per la costruzione di comunità resilienti

Autori e curatori
Contributi
David Alexander
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 278,   figg. 30,     1a edizione  2021   (Codice editore 1810.2.57)

Strategie per la riduzione dei disastri Governance del rischio e modelli di Disaster Risk Management per la costruzione di comunità resilienti
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 33,50
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 27,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 27,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve

Con i cambiamenti climatici ormai realtà, l’umanità è posta di fronte a una vera sfida: individuare nuovi modelli e paradigmi che, in un’ottica di ecologia integrale, permettano la sopravvivenza del genere umano. Focalizzandosi sugli obiettivi del Disaster Risk Reduction (DRR), il volume descrive le connessioni tra le tematiche di protezione civile, lo sviluppo sostenibile e i cambiamenti climatici, e fornisce modelli per il rafforzamento della governance del rischio e lo sviluppo della resilienza di comunità ai disastri.

Presentazione del volume

Nel 2015, la 3ª conferenza mondiale sui disastri ha avviato la fase più concreta per le strategie di Disaster Risk Reduction (DRR). Con i cambiamenti climatici ormai realtà, l'umanità è posta di fronte ad una vera sfida: individuare nuovi modelli e paradigmi che, in un'ottica di ecologia integrale, permettano letteralmente la sopravvivenza del genere umano.
Presentati gli obiettivi caldi del DRR, rendere le comunità resilienti e sviluppare strategie di adattamento agli eventi estremi, il testo descrive le connessioni tra le tematiche di protezione civile, lo sviluppo sostenibile e i cambiamenti climatici. Superando il classico concetto di rischio, la prospettiva ecologica offre un confronto tra energia dell'evento e risorse del sistema.
Mentre l'approccio geografico-ambientale fornisce una visione ampliata di disaster management, il concetto di resilienza permette l'uso di innovative formule per descrivere azioni e risorse utili a fronteggiare un disastro in un'ottica nuova. L'uso di metodi multicriteriali (MCDA), applicati a Sistemi di supporto alle decisioni, in un'ottica di ciclo del disastro, offre la possibilità di nuovi strumenti di lettura, analisi e pianificazione per tecnici e decisori politici.
Il volume, rispondendo alle sfide del Sendai Framework, fornisce la comprensione dei fenomeni, i modelli per il rafforzamento della governance del rischio e lo sviluppo della resilienza di comunità ai disastri.

Fulvio Toseroni
è un formatore, geografo ambientale e disaster manager. Laureato in Protezione e difesa civile, specializzato in Pianificazione con un master in Ingegneria dell'emergenza, ha conseguito un dottorato in Protezione civile. In ambito accademico il suo campo di studi riguarda le strategie per la riduzione dei disastri e lo sviluppo di comunità resilienti. Presso l'Università politecnica delle Marche è docente di Ordinamento protezione civile, nel corso di laurea in Scienze ambientali e protezione civile. Come disaster manager, ha maturato un'esperienza diffusa del settore, lavorando presso tutte le componenti del Servizio nazionale, dai Comuni al Dipartimento nazionale, passando per Comunità montane e Province. Attualmente si occupa di pianificazione d'emergenza e sviluppo dei sistemi intercomunali di protezione civile presso la Provincia di Terni.

Indice

David Alexander, Prefazione
Introduzione
(Uno sguardo internazionale sulle tematiche di DRR; Verso una formula d'analisi della resilienza territoriale; Una nuova metodologia di approccio alle strategie DRR; Costruire strategie di Disaster Risk Reduction; Uno sguardo al futuro del Disaster Risk Reduction)
Parte I. Strategie globali di governo del rischio
Governare il rischio
(Nuove strategie di Disaster Risk Reduction; Convivere con i disastri naturali; Conoscere, comprendere e governare i disastri)
Nuove prospettive: l'ecologia integrale
(La nostra casa comune; Cambiamenti climatici e disastri; Un approccio ecologico integrale)
Cambiamenti climatici e strategie globali
(Visione internazionale del rapporto tra uomo ed ambiente; Our common future: l'avvio di un sogno utopistico; IDNDR - International Decade for Natural Disaster Reduction; The International Strategy for Disaster Reduction; Hyogo: 2ª conferenza mondiale per la riduzione dei disastri; The Sendai framework for Disaster Risk Reduction)
Eventi estremi e disastri
(Classificare gli eventi estremi; Crisi, emergenze o disastri?; Energia dell'evento e risorse del sistema; Resistenza e resilienza; Dagli scenari alle soglie di stato; Scenari ed evoluzione del danno; Un approccio eco-sistemico)
Parte II. Metodi di Disaster Risk Management
Comunità resilienti ai disastri
(Resilienza e strategie di DRR; Il concetto di resilienza nel campo del DRR; Il rapporto tra resilienza e vulnerabilità; Misurare la resilienza agli eventi estremi e disastri)
Disaster Risk Management: modelli e formule
(Il ciclo del disastro; Il ciclo della conoscenza; La piramide DIKW: connessioni tra cicli; Evoluzione della formula di rischio; L'Indice di Criticità Territoriale (ICT); L'Indice di Capacità Adattiva (ICA); L'Indice d'Impatto Reale (IIR); Soglie e scenari emergenziali; Ruolo degli indici nella formula IIR)
Sistemi di supporto alle decisioni
(Metodi di analisi per le strategie di DRR; MCDA: l'approccio multicriterio; L'Analytic Hierarchy Process (AHP); Modello di analisi per le strategie di DRR; Sistemi DSS per il supporto alle decisioni; Unità di misura per le attività di Disaster Risk Management)
Parte III. Casi studio e strategie territoriali
Applicazioni e casi studio
(Scenario idrogeologico: la frana di Ancona; Scenario idraulico - Progetto LIFE PRIMES; Scenario multirischio: la Valnerina)
Riferimenti bibliografici.