Cattaneo e il Politecnico

Scienza, cultura, modernità

Contributi
Giovanni Spadolini, Carlo Tullio Altan, Luigi Ambrosoli, Giuseppe Armani, Giorgio Bigatti, Luciano Cafagna, Elvira Cantarella, Anna Capelli, Giorgio Cosmacini, Ferruccio Focher, Delia Frigessi, Mariachiara Fugazza, Virginio Paolo Gastaldi, Aurelio Macchioro, Meir Michaelis, Giorgio Redondi, Ettore Rotelli, Carlo G. Lacaita
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 304,      1a edizione  1993   (Codice editore 1510.1)

Cattaneo e il Politecnico. Scienza, cultura, modernità
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 36,50
Condizione: esaurito
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788820482879

Presentazione del volume

Gli interventi che compongono il volume - originariamente preparati per un convegno del 1989 su «Cattaneo e "Il Politecnico". Scienza, Cultura, Modernità» - pur partendo da differenti angolature tematiche, nascono dalla consapevolezza che Cattaneo continua a rimanere un punto di riferimento, quasi un passaggio obbligato, per chiunque cerchi di verificare il ruolo dell'intellettuale di fronte al rapporto fra cultura e società.

Non si tratta di un atteggiamento nostalgico, o addirittura di una ingenua fuga dal presente: i tre termini scelti come sottotitolo del convegno - Scienza, Cultura, Modernità - esprimono bene la forma mentis cattaneana e insieme costituiscono gli aspetti qualificanti del mondo in cui viviamo.

Così come l'apertura mentale di Cattaneo, (la sua interdisciplinarietà, si potrebbe dire con una parola à la page) costituisce un modello ancora attuale: non tanto i suggerimenti e le proposte su come risolvere problemi cruciali nei più diversi ambiti del sapere, quanto piuttosto il modo e il metodo, e il criterio di approccio, sempre severamente positivo e razionale, che Cattaneo ha insegnato ad usare con rigore e coerenza, senza mai lasciarsi sedurre dalle presunte «verità rivelate».

I saggi qui riportati di storici, giuristi, antropologi, esperti in campi anche non complementari del sapere, vogliono quindi costituire un punto partenza, che parte sì da Cattaneo, ma intende presentarci un ventaglio di suggerimenti di lettura e di percorsi di ricerca, attraverso i quali, «storicizzare» e insieme «attualizzare» una lezione di stile e di vita.

In questo senso il volume vuole anche opporsi alla dimenticanza e alla sfortuna di cui ha goduto il pensiero di Cattaneo in Italia. La sua lettura oggi - assieme alle pagine del «Politecnico» - vuole dire renderci conto che oggi forse più di ieri è il patrimonio della cultura, è la ricchezza delle conoscenze scientifiche, è il dominio della tecnica che condizionano e determinano tutto intero il processo di sviluppo di una nazione.

Indice

• Introduzione, di Arturo Colombo e Carlo Montaleone

• Presentazione. Carlo Cattaneo: il metodo e lo stile, di Giovanni Spadolini

* La filosofia del «Politecnico», di Ferruccio Focher
* Le scienze umane, di Mariachiara Fugazza
* Lo specchio della storia, di Virginio Paolo Gastaldi
* La cultura giuridica nel «Politecnico», di Giuseppe Armani
* La lezione dei piccoli comuni, di Ettore Rotelli
* La questione penitenziaria, di Anna Capelli
* I problemi dell'educazione e della formazione nel primo «Politecnico», di Luigi Ambrosoli
* Le interdizioni israelitiche e l'emarginazione degli ebrei, di Meir Michaelis
* La «patria artificiale». Acque e ambiente in Lombardia, di Giorgio Bigatti
* Le strade ferrate meridionali tra iniziativa privata e capitale pubblico, di Elvira Cantarella
* Il pensiero economico di Carlo Cattaneo, di Aurelio Macchioro
* La città: un principio popolare, di Delia Frigessi
* Cattaneo e la cultura economica nella Lombardia dell'800, di Luciano Cafagna
* Il «Politecnico» e la cultura tecnico-scientifica, di Carlo G. Lacaita
* L'ideologia delle genti, di Carlo Tullio Altan
* Cattaneo, Gall e la frenologia, di Giorgio Cosmacini
* La scienza come oggetto mediatico, di Pietro Redondi